13.9 C
Belluno
mercoledì, Agosto 10, 2022
Home Prima Pagina Elisabetta Bressan è il nuovo primario della Pediatria di Feltre

Elisabetta Bressan è il nuovo primario della Pediatria di Feltre

Elisabetta Bressan – Primario Pediatria di Feltre

Elisabetta Bressan è il nuovo primario della Pediatria di Feltre. Dopo la nomina a direttore della Pediatria di Belluno di Stefano Marzini, precedente direttore della pediatria di Feltre, è stato bandito un concorso per la copertura del posto espletato nelle scorse settimane.

Elisabetta Bressan, bellunese, si è laureata in Medicina e Chirurgia all’Università degli Studi di Padova, con tesi dal titolo “Ricoveri per riacutizzazione asmatica in età pediatrica: analisi di due anni”, relatori i professori Franco Zacchello e Liviana Da Dalt.
Ha conseguito il diploma di specializzazione in Pediatria con indirizzo in Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Padova il 21 dicembre 2005, discutendo la tesi dal titolo “Livelli sierici di NG,NG-dimetilarginina (ADMA) in neonati a termine e pretermine. Ha successivamente conseguito il Master Universitario di secondo livello in Medicina Perinatale e Cure Intensive Neonatali presso l’Università degli Studi di Padova e il Master Universitario di secondo livello in Gastroenterologia, Epatologia ed Endoscopia Digestiva Pediatrica con la presso l’Università degli Studi “La Sapienza” di Roma.
Inoltre, ha frequentato il Corso di Perfezionamento in Medicina di Montagna omologato UIAA, organizzato dall’Università di Padova in collaborazione con il Club Alpino Italiano ha frequentato il Corso di Perfezionamento in Pediatria nei Paesi in via di sviluppo presso l’Università degli Studi di Padova e ha frequentato il Corso di Perfezionamento in Gastroenterologia Pediatrica presso l’Università degli Studi Federico II di Napoli.
Dal 2000 al 2003 ha collaborato con l’Istituto Superiore di Sanità al Progetto di ricerca “Programma speciale di ricerche in farmacoepidemiologia, linea di ricerca n.6, Studio degli effetti indesiderati da farmaci in pediatria”, in collaborazione con l’Ospedale “Gaslini” di Genova, il Policlinico “Agostino Gemelli” dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma e l’Ospedale “Santobono” di Napoli.

La dottoressa Bressan è attualmente in servizio alla Pediatria dell’ospedale Santa chiara di Trento dove opera dal 2011, dopo alcuni anni di servizio alla Pediatria di Belluno.
Dal 2012 è referente per la Gastroenterologia Pediatrica dell’Ospedale S. Chiara di Trento
Dal 2009 al 2011 ha svolto attività di docenza presso la scuola di formazione specifica in medicina generale, polo formativo di Treviso
Infine, ha al suo attivo numerose pubblicazioni su riviste nazionali e internazionali.
«Ringrazio il dottor Stefano Marzini per la reggenza di entrambe le pediatrie aziendali e do il benvenuto alla dottoressa Elisabetta Bressan, professionista con un significativo background nell’ambito della gastroenterologia pediatrica che va a potenziare l’équipe multidisciplinare del Santa Maria del Prato», sottolinea il direttore generale Adriano Rasi Caldogno.

Share
- Advertisment -

Popolari

Tre Cime. Dolomiti Bus si scusa con i viaggiatori: «Stiamo installando una nuova obliteratrice per diminuire i tempi di attesa»

Questa mattina si sono registrati alcuni ritardi nel servizio Dolomiti Bus relativo alle Tre Cime di Lavaredo. La biglietteria è rimasta inattiva per un'ora...

Auronzo Comelico, De Menech: “Sentenza storica del Tar”

Belluno, 9 agosto 2022   -   "Accogliamo con soddisfazione la sentenza del Tar grazie alla quale sono stati rigettati i nuovi vincoli paesaggistici su Auronzo...

Rigenerazione dell’ex caserma Fantuzzi, il consiglio provinciale vara l’atto di indirizzo preliminare alla permuta con l’Agenzia del Demanio

Approvato anche il Dup 2023-2025. Padrin: «Raggio dell'azione di governo ridotto per il crollo delle entrate» L'idea di riqualificare l'ex caserma Fantuzzi e realizzare una...

Vincoli Comelico-Auronzo, la Provincia tra i vincitori del ricorso. Il presidente: «La tutela della montagna non può prescindere dalla lotta allo spopolamento»

«Se c'è una pietra tombale sulla tutela della montagna e dei paesaggi dolomitici, è lo spopolamento, nient'altro. Lo ha compreso anche il Tar». È il...
Share