13.9 C
Belluno
mercoledì, Maggio 12, 2021
Home Cronaca/Politica La sanità veneta si è fermata in provincia di Belluno *...

La sanità veneta si è fermata in provincia di Belluno * di Moira Fiorot

Moira Fiorot

La sanità veneta si è fermata in provincia di Belluno. Parafrasando il famoso romanzo di Carlo Levi – Cristo si è fermato ad Eboli – Rifondazione comunista vuole ancora una volta denunciare le gravi conseguenze delle sbagliate scelte del governo regionale.

L’ultimo grave fatto si è verificato sabato – il distacco della placenta di una mamma all’ottavo mese che ha dovuto essere trasportata in ambulanza fino a Belluno perché il punto nascite di Pieve di Cadore è chiuso non solo ma a pieve è stata tolta anche la reperibilità ginecologica.

Questo lungo viaggio ha messo in pericolo la vita della mamma e anche del neonato che ora si trova a Padova in terapia intensiva. La chiusura del Punto nascite per l’ospedale di Pieve di Cadore, lo smantellamento del laboratorio di Endoscopia qualche settimana fa all’ospedale di Agordo, la non riapertura della Chirurgia e della Traumatologia sempre in quell’ospedale, la privatizzazione del servizio di ambulanze dell’ ospedale di Auronzo, la cancellazione di qualche centinaio di posti letto fra tutti gli ospedali provinciali, lo spostamento in altre provincie di ambulatori importanti, l’accorpamento oramai decennale di interi reparti nei fine settimana sono la fotografia della negazione di un diritto sancito dalla costituzione quale il diritto alla salute ai cittadini di questa provincia.

Di fronte all’invecchiamento della popolazione e del crollo delle nascite tutti questi disservizi o negazione di servizi raccontano sulla nostra pelle come le scelte sanitarie nelle aree montane o comunque marginali devono rispondere non ad un parametro di economicità ma ad un solo parametro: il diritto alla salute ovunque io abiti.

Zaia da anni racconta che la sanità nel Veneto è una sanità di eccellenza. Noi di Rifondazione, invece, pensiamo e purtroppo i fatti ci danno ragione che da anni la Regione ha scelto di investire tantissime risorse in centri di eccellenza qua e là nel Veneto ed ha abbandonato la sanità di montagna. Nella nostra provincia da anni insieme a comitati ed amministratori abbiamo denunciato e protestato per scelte inconcepibili e alla fine dannose anche dal punto di vista economico. La provincia di Belluno ha bisogno per affrontare il futuro di fermare lo spopolamento continuo dovuto alla mancanza prima di tutto di servizi primari come una sanità di prossimità . lo spopolamento è il nostro più grave problema e lo potremmo fermare solo attraverso scelte che guardino al territorio e ai cittadini: Rifondazione comunista chiede che i soldi previsti per grandi eventi come le olimpiadi siano usati per ridare una speranza di vita a questa provincia: usiamo i soldi delle grandi opere per finanziare la sanità pubblica di montagna.

Moira Fiorot – P.R.C. Belluno/ P.R.C. Veneto

Share
- Advertisment -

Popolari

San Vito di Cadore. Prosegue l’iter di approvazione della variante

Venezia, 11 maggio 2021 Proseguono le attività di Anas (Gruppo FS Italiane) per il completamento dell'iter approvativo del progetto del miglioramento dell'attraversamento dell'abitato di San...

Sopralluogo alla sala operativa emergenze in zona aeroporto e al nuovo comando dei vigili del fuoco. Bortoluzzi: «Con il prefetto piena sinergia per concludere...

Sopralluogo, ieri mattina (lunedì 10 maggio), nella sala operativa emergenze, all'interno delle pertinenze dell'Arma dei carabinieri in zona aeroporto, e poi al comando provinciale...

Italia Nostra: sosteniamo i musei del territorio bellunese

La Sezione di Belluno presieduta da Giovanna Ceiner, partecipa alla campagna delle Settimane del Patrimonio Culturale di Italia Nostra segnalando sei musei territoriali da...

Nuova ordinanza per prevenire la proliferazione dei colombi in Città

Il sindaco di Belluno ha firmato una nuova ordinanza relativa a "Misure preventive contro la proliferazione dei colombi in Città" (ordinanza 139 del 10...
Share