13.9 C
Belluno
martedì, Agosto 9, 2022
Home Cronaca/Politica La Provincia convoca il tavolo delle politiche attive per la ripartenza post-Covid....

La Provincia convoca il tavolo delle politiche attive per la ripartenza post-Covid. Padrin: «Bando ai campanilismi. Una strategia di lunga durata per il territorio»

Roberto Padrin – Presidente della Provincia

La Provincia di Belluno ha convocato per lunedì mattina (22 giugno) il tavolo delle politiche attive. A Palazzo Piloni si incontreranno i vertici di Camera di Commercio, categorie economiche, sindacati e Fondo Welfare per fare il punto sulla situazione post-lockdown e anche per gettare le basi di alcune linee politiche da intraprendere per agganciare la ripresa.

«Come detto durante le lunghe settimane della quarantena, dobbiamo trovare la collaborazione tra tutti i soggetti attivi nel Bellunese – sottolinea il presidente della Provincia, Roberto Padrin -. Mai come in questo momento serve il gioco di squadra per il bene del territorio. È per questo che abbiamo convocato il tavolo delle politiche attive: condivideremo le idee e cercheremo di portare avanti alcuni punti chiave decisivi per cittadini, famiglie e imprese».

Il primo punto all’ordine del giorno del tavolo sarà quello di scattare una fotografia il più possibile dettagliata della situazione bellunese dopo la fine della “Fase 1” e le difficoltà segnate nella “Fase 2”. Poi verranno costruite alcune proposte, suddividendo i lavori per piccoli tavoli tematici dedicati a imprese ed economia, servizi e famiglie, turismo.

«L’obiettivo finale sarà quello di assumere decisioni concrete e condivise, per lo sviluppo strategico del territorio – continua il presidente Padrin -. Se il Covid ci lascerà qualcosa di positivo, pur nello shock economico e sociale che ha portato e continua a portare, è la grande occasione di deporre i campanilismi e le logiche di parte, per varare finalmente alcune politiche di collaborazione per il bene del territorio. Abbiamo il dovere di impegnarci in una strategia di lunga durata, che inevitabilmente parte dal riavvio delle attività dopo il lockdown per arrivare fino alla lotta allo spopolamento. Possiamo contare sui Fondi Comuni di confine, in gran parte utilizzabili per progetti di area vasta: dovremo decidere quali linee adottare. In questo momento la Provincia vuole e può fare da collettore di tutte le idee utili allo sviluppo del Bellunese. Lunedì contiamo di cominciare un dialogo propositivo, che ci porterà a raccogliere frutti duraturi».

Share
- Advertisment -

Popolari

Scuola, la Provincia fa il punto sugli interventi negli istituti superiori

La vicepresidente Lucia Da Rold: «Continuiamo a pressare il ministero per la dotazione di personale» «Gli edifici scolastici sono pronti per l'avvio del nuovo anno....

Olimpiadi 2026, pista da bob. Tutti i segreti della nuova pista giovedì all’incontro alla Conchiglia di Cortina d’Ampezzo

Finalmente nell'incontro pubblico che si terrà giovedì 11 agosto alle 18:00 a Cortina d'Ampezzo nella Piazza Angelo Dibona (Conchiglia), organizzato dal Comitato Civico, si...

Domani sera a Mel il cantautore Francesco Baccini. Ingresso gratuito

Nell'ambito della rassegna Casa Sanremo, progetto di promozione sostenuto dalla Provincia di Belluno, sono stati organizzati 3 concerti nel territorio bellunese e il primo...

Un concorso per laureati in Comune di Belluno. Domande entro il 23 settembre

Il Comune di Belluno ha indetto un concorso pubblico, per esami, per l'assunzione a tempo indeterminato e pieno di un istruttore direttivo tecnico categoria D...
Share