13.9 C
Belluno
domenica, Ottobre 25, 2020
Home Cronaca/Politica Aperto il bando per la Caserma Fantuzzi, dismessa da 23 anni. L'appello...

Aperto il bando per la Caserma Fantuzzi, dismessa da 23 anni. L’appello dell’assessore Frison alle imprese bellunesi

Novità per il “Progetto Belluno”: si sono aperte in questi giorni le procedure di gara per un altro importante intervento previsto nel progetto della rigenerazione urbana del capoluogo, quello alla ex Caserma Fantuzzi.
L’intervento di restauro e trasformazione interesserà uno dei corpi, quello posto a sinistra dell’accesso carraio, che andrà ad ospitare gli Uffici Passaporti, Licenze, Immigrazione e Armi della Questura di Belluno, che oggi occupano un fabbricato privato in Via Lungardo.
L’ala della Caserma Fantuzzi oggetto di intervento è di proprietà dell’Agenzia del Demanio, mentre il progetto e le procedure di gara sono state svolte dal Provveditorato Interregionale del Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia – organo periferico del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti – con sede a Venezia.
L’importo dei lavori in appalto è pari a 1.165.000 euro e le ditte dovranno presentare le offerte entro ‪il 10 luglio‬; l’aggiudicataria avrà poi a disposizione un anno di tempo per concludere i lavori.
L’intervento è inserito nel progetto di rigenerazione urbana “Progetto Belluno” ed è stato finanziato con 1 milione di euro dal Comune di Belluno a valere sui fondi del Bando Periferie; il resto è a carico dell’Agenzia del Demanio.

Franco Frison, assessore

«È una grande soddisfazione per l’amministrazione vedere l’avvio di un altro importante cantiere del progetto di rigenerazione, nato dalla collaborazione tra Comune e Agenzia del Demanio. – commenta l’assessore alla rigenerazione urbana, Franco Frison – Lanciamo quindi un appello alle imprese del nostro territorio perché partecipino a questo bando, come già hanno fatto per altri interventi di rigenerazione: si tratta infatti di un’importante occasione di lavoro per le aziende del settore dell’edilizia, vista anche l’attuale congiuntura molto difficile. Da parte nostra, c’è poi il doppio piacere di dare avvio alla riqualificazione di un pezzo importante del patrimonio storico e collettivo della città e dell’intera provincia (ricordiamo che la Fantuzzi era un tempo il comando della Brigata Cadore) e di portare in centro, una volta ultimati i lavori, un ufficio pubblico molto importante per i nostri concittadini».
«Siamo molto contenti per questo risultato: – aggiunge il Questore di Belluno, Lilia Fredella – la Polizia di Stato a Belluno ha uffici in diversi angoli della città e poter portare in uno spazio così vicino alla sede centrale della Questura gli uffici della Polizia amministrativa e l’Ufficio Immigrazione sarà certamente positivo per i cittadini. Sono grata a tutti quelli che hanno lavorato per realizzare questo progetto, che non va solo a beneficio della Questura di Belluno, ma dell’intera cittadinanza: sappiamo che sulla ex Caserma Fantuzzi c’è un più ampio progetto di riqualificazione, che comporta investimenti importanti, e speriamo che questo intervento possa essere il primo passo per l’avvio del processo di rigenerazione e recupero della struttura».

Riassunto delle puntate precedenti

Il 31 gennaio del 1997 viene sciolta la Brigata alpina Cadore, e la Caserma Fantuzzi, probabilmente il più bel fabbricato militare in provincia, dove aveva sede il Comando di Brigata, da allora giace in attesa delle decisioni della politica.

L’8 giugno del 2004 l’onorevole Carlo Giovanardi, all’epoca ministro per i rapporti con il Parlamento, intervenuto alla Sala De Luca di Belluno, dà ampie rassicurazione sull’avvio del recupero dell’immobile.

IL 17 novembre 2010 la caserma Fantuzzi viene assegnata alla Polizia. La consegna dell’intero immobile è stata formalizzata alla presenza dell’allora prefetto di Belluno Carlo Boffi, da parte dell’Agenzia del Demanio di Venezia al questore Luigi Vita. La Polizia di Stato ha raggiunto così il grande obiettivo di veder riconosciuta una sede adeguata alle proprie esigenze. Attualmente infatti le strutture della polizia sono dislocate in sette diversi immobili sparsi in città, alcuni dei quali vetusti. L’ex caserma permetterà di riunire in un’unica e prestigiosa sede in centro città tutti gli uffici della Polizia di Stato di Belluno, comprese le specialità, prima fra tutte la Polizia Stradale, con conseguente ingente risparmio di costi.

Share
- Advertisment -


Popolari

Nasce a Ponte nelle Alpi il nuovo ambulatorio di Medicina generale che riunirà 5 medici

Un'unica sede per riunire tutti i medici di Ponte nelle Alpi: sta per nascere il nuovo ambulatorio di Medicina generale, finalizzato a offrire alla...

Rispettiamo le regole. L’appello del presidente della Provincia Roberto Padrin

In questo momento dobbiamo essere tutti responsabili. I numeri dei contagi e l'aumento dei ricoveri ospedalieri ci obbligano a comportamenti rispettosi delle regole. Dobbiamo...

Findomestic addebita a un omonimo la rata del finanziamento. Brumurelli (Associazione Io mi tutelo): “In 15 giorni abbiamo chiarito il caso con la banca...

Vedersi addebitare ogni mese delle rate di una cinquantina di euro senza sapere il perché non dev’essere piacevole. E’ successo in un Comune della Valbelluna...

Agricoltura di montagna. Dorfmann: aumenta il livello di protezione, maggiori aiuti alle aziende costituite da giovani

Si è chiusa con il voto di approvazione di ieri sera la quattro giorni che al Parlamento Europeo ha visto in discussione uno dei...
Share