13.9 C
Belluno
sabato, Maggio 15, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo Riapre l'Hotel de la Poste, simbolo di Cortina

Riapre l’Hotel de la Poste, simbolo di Cortina

L’hotel più antico di Cortina si prepara a riaprire i battenti per l’estate 2020. Perché il “Posta” non è “solo” un simbolo, il punto di fuga prospettico verso cui converge tutto ciò che accade, di interessante, a Cortina. Come attestano dei documenti rocambolescamente rinvenuti pochi mesi fa, l’albergo esiste fin dal 1804, anno della prima licenza – rilasciata a Silvestro Manaigo, il capostipite. Sette generazioni di albergatori dopo, la staffetta prosegue con Gherardo e la cugina Michela: la riapertura, dopo l’emergenza che ha colpito tutta l’Italia, è un segnale forte di ripresa. Cortina si stringe intorno ai suoi luoghi iconici e torna in pista, lasciandosi alle spalle gli ultimi difficili mesi.

L’Hotel de la Poste punta sul “fattore spazio”: all’interno e all’esterno. Gli ospiti vengono accolti in ambienti ampi, in suite di dimensioni confortevoli, in sale riorganizzate per venire incontro alle nuove norme relative al distanziamento. Ad esempio, il salone Dolomieu passa da 120 a 50 posti, il Posticino raggiunge i 22 coperti e si potrà pranzare o cenare in terrazza (20 posti) o nei dehors, davanti allo spettacolo delle Dolomiti patrimonio UNESCO. All’esterno troviamo le Dolomiti, grandi spazi aperti, aria pura, montagne da scoprire a piedi o in mountain bike.

Tutte le procedure riguardanti i protocolli stabiliti dall’OMS negli ultimi mesi sono state integrate alla normale routine dell’albergo. L’hotel è sanificato quotidianamente con dei generatori di ozono, seguendo il metodo più efficace e al contempo sostenibile.
Gli ospiti che si tratterranno più di cinque notti, avranno una copertura assicurativa in omaggio, che li tutela dal giorno del check-in e per i successivi 90 giorni contro i rischi Covid-19.

Il Posta è quindi pronto per un’estate 2020 ricca di avventure e proposte dedicate alla natura e alla cultura. L’albergo ha in programma di restituire ai suoi ospiti – quest’estate più che mai – il piacere di vivere nuove esperienze nel cuore delle Dolomiti, grazie a un calendario di appuntamenti effervescente e carico di novità da scoprire tra i mesi di luglio, agosto e settembre. Quest’anno la stagione sarà più lunga e coprirà anche l’autunno, un periodo perfetto per ammirare il foliage e fare escursioni nella natura.

Share
- Advertisment -

Popolari

Il Tribunale di Belluno respinge il ricorso degli operatori sanitari collocati in ferie forzate perché si erano opposti alla vaccinazione

Con ordinanza n.328 ex art. 669 terdecies CPC del 6 maggio 2021 il Tribunale di Belluno, presidente del Collegio il dottor Umberto Giacomelli, respinge...

Fondo Ambiente Italiano. Gemellaggio tra il Fai Giovani di Belluno e quello di Bolzano per scoprire il rispettivo patrimonio di storia e arte

Non sempre tra Belluno e Bolzano si creano rivalità e competitività: un valido e significativo esempio di collaborazione e dialogo viene dai volontari dei...

Tib Teatro non si è arreso. Investimenti, tenacia e lavoro in tempo di pandemia. E nuovi importanti riconoscimenti

Belluno, 14 maggio 2021 - "Un anno e mezzo di pandemia, teatri chiusi, ferma la tournée dei nostri spettacoli, ferma la stagione Comincio dai...

Quattro eventi a Seravella per la “Rassegna delle rose 2021”. Deola: «Iniziative culturali e valorizzazione del territorio per uscire dalla crisi Covid»

È tutto pronto al Museo etnografico della Provincia per la "Rassegna delle rose 2021". Quattro eventi, fino all'inizio di giugno, che ruoteranno attorno allo...
Share