13.9 C
Belluno
sabato, Maggio 15, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo Olimpiadi 2026. Scarzanella: «Possiamo colmare il gap del nostro territorio»

Olimpiadi 2026. Scarzanella: «Possiamo colmare il gap del nostro territorio»

Claudia Scarzanella

«Siamo soddisfatti dell’annuncio delle grandi opere infrastrutturali per le Olimpiadi 2026 e delle risorse connesse. Adesso dovremo fare in modo che quelle opere vengano realizzate in tempi certi e che la costruzione contribuisca al rilancio dell’economia locale, con la partecipazione delle imprese bellunesi». È quanto afferma la presidente di Confartigianato Belluno, all’indomani della notizia che per Milano-Cortina 2026 saranno realizzate alcune infrastrutture di servizio al territorio, con l’attività diretta di una società pubblica partecipata da Ministeri, Regioni e Province Autonome.

«I grandi eventi rappresentano l’unica occasione per superare il gap infrastrutturale e digitale della nostra provincia – sostiene la presidente Claudia Scarzanella -. Siamo convinti che la crescita economica di un territorio passa anche attraverso la realizzazione di queste opere che possono fungere da base di partenza per il rilancio di turismo ed economia. L’accorciare i tempi per il raggiungimento delle mete turistiche significa aumento delle presenze sul territorio, ma anche crescita dei servizi e delle opportunità per i residenti. Per tale importanza, auspichiamo che ci sia uno snellimento della burocrazia per la realizzazione di queste opere. Il fatto che sarà creata una società pubblica, chiamata a occuparsi proprio di progettazione, appalti, iter burocratici e via dicendo, può essere garanzia di rapidità. Ce lo auguriamo da imprenditori e anche da cittadini bellunesi, per non vedere le stesse lungaggini che abbiamo visto sul Piano Anas 2021».

Proprio come il Piano Anas, anche la programmazione infrastrutturale per le Olimpiadi 2026 punterà molto sulle strade e sui collegamenti. Sono previsti due grandi progetti sulla Statale 51 di Alemagna (le varianti di Longarone e Cortina); il collegamento tra l’uscita della A27 e la Regionale 203 Agordina; e il potenziamento della rete ferroviaria.

«Le varianti saranno prioritarie – commenta Daniele De Bona, presidente della categoria Trasporti di Confartigianato Belluno -. Anche il collegamento con la 203 Agordina è importante, perché permette di liberare dal traffico pesante la viabilità interna del capoluogo e di parte della Valbelluna. Le cifre che leggiamo oggi, 325 milioni, sono importanti, anche se sicuramente non sufficienti a realizzare tutto quello che è stato previsto. Sarà fondamentale salvaguardare la capacità delle imprese locali di lavorare nei cantieri di queste grandi opere, in modo che i lavori non vengano fagocitati tutti da ditte che arrivano da fuori, o peggio, vengano imposti subappalti con ribassi che non consentono di lavorare in sicurezza, se non per perderci».

La questione degli appalti è stata affrontata anche di recente, all’interno del Gruppo Tecnico Appalti Nazionale di Confartigianato. Le proposte avanzate dal mondo artigiano sono varie; «Su tutte, però, c’è quella di prevedere l’introduzione nei bandi delle clausole che privilegino la territorialità delle imprese – conclude De Bona -. Il rilancio passa anche da qui».

Share
- Advertisment -

Popolari

Il Tribunale di Belluno respinge il ricorso degli operatori sanitari collocati in ferie forzate perché si erano opposti alla vaccinazione

Con ordinanza n.328 ex art. 669 terdecies CPC del 6 maggio 2021 il Tribunale di Belluno, presidente del Collegio il dottor Umberto Giacomelli, respinge...

Fondo Ambiente Italiano. Gemellaggio tra il Fai Giovani di Belluno e quello di Bolzano per scoprire il rispettivo patrimonio di storia e arte

Non sempre tra Belluno e Bolzano si creano rivalità e competitività: un valido e significativo esempio di collaborazione e dialogo viene dai volontari dei...

Tib Teatro non si è arreso. Investimenti, tenacia e lavoro in tempo di pandemia. E nuovi importanti riconoscimenti

Belluno, 14 maggio 2021 - "Un anno e mezzo di pandemia, teatri chiusi, ferma la tournée dei nostri spettacoli, ferma la stagione Comincio dai...

Quattro eventi a Seravella per la “Rassegna delle rose 2021”. Deola: «Iniziative culturali e valorizzazione del territorio per uscire dalla crisi Covid»

È tutto pronto al Museo etnografico della Provincia per la "Rassegna delle rose 2021". Quattro eventi, fino all'inizio di giugno, che ruoteranno attorno allo...
Share