13.9 C
Belluno
martedì, Agosto 16, 2022
Home Cronaca/Politica Olimpiadi 2026. De Menech: "Dal Mit 325 mln per le infrastrutture"

Olimpiadi 2026. De Menech: “Dal Mit 325 mln per le infrastrutture”

Il governo dà al Veneto 325 milioni di euro per le opere delle Olimpiadi invernali 2026. Questa mattina al Ministero delle Infrastrutture le regioni e province autonome hanno trovato un accordo per la costituzione della società pubblica “Infrastrutture Milano Cortina 2020-2026 Spa”, cui è affidato il compito di realizzare concretamente le opere necessarie per lo svolgimento dell’evento.

«È tutto pronto da diverse settimane», afferma il relatore della legge olimpica Roger De Menech, «purtroppo le Regioni non si erano ancora accordate sul riparto delle risorse. Ora speriamo di partire velocemente con la progettazione e la realizzazione di infrastrutture che, lo ricordo, abbiamo pensato a beneficio dei territori sul lungo periodo, non solo in funzione della manifestazione».

Per quanto riguarda il Veneto le opere da finanziare sono prevalentemente in provincia di Belluno. Le principali saranno:

– Circonvallazione di Longarone

– Circonvallazione di Cortina d’Ampezzo

– Collegamento uscita A27 Belluno con strada regionale Agordina

– Potenziamento ferroviario nell’anello basso delle Dolomiti

– Restyling e ammodernamento delle stazioni ferroviarie di Feltre, Sedico, Belluno e Longarone

Tra le opere sarà inclusa anche la circonvallazione sud di Verona, sede della cerimonia di chiusura delle Olimpiadi.

A eseguire le opere sarà la costituenda società partecipata per il 70 per cento dal Ministero dell’economia e delle finanze e dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti (con due quote del 35 per cento); per il 20 per cento dalla Lombardia e dal Veneto (con due quote del 10 per cento); e per il 10 per cento dalle province autonome di Trento e di Bolzano (con due quote del 5 per cento).

Il capitale sociale è di 1 milione di euro, di cui 700.000 a carico, a metà, del Ministero dell’economia e delle finanze e del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti.

«Dopo questo passaggio», conclude De Menech, «non ci sono ostacoli per mettere in atto il piano. Ora è necessario coinvolgere gli enti e le imprese locali, ma siamo certi che la Regione non mancherà in questo caso, per fare delle Olimpiadi un’occasione di crescita e sviluppo collettivo a cui partecipano tutti i soggetti del territorio».

Share
- Advertisment -

Popolari

Festival TrevisoRetrò 2022. Tre giorni di musica e amenità d’altri tempi

Festival TrevisoRetrò 2022. Una rassegna di 3 giorni dedicata a Musica e Amenità d’altri tempi in piazza Santa Maria dei Battuti a Treviso il...

Anziani protagonisti a Ponte nelle Alpi. Musica ed emozioni con le “Note dai Cortivi”

Ponte nelle Alpi, 16 agosto 2022 - Grande successo per l'evento "Divertiti con noi", promosso dall'Associazione "Accanto all'anziano e..." nella sala del Parco Ex...

Primus inter pares. Lettera aperta al presidente dell’Ordine dei Medici dal dottor Filiberto Dal Molin

Al presidente dell’Ordine dei Medici della mia città Presidente, in questo difficile ferragosto sento la necessità di chiedere nuovamente le Sue dimissioni. Lei svolge la Sua funzione,...

Caduta sulla pista di downhill. Altri interventi

Belluno, 15 - 08 - 22  -  Attorno alle 16 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato in Nevegal, lungo la pista...
Share