13.9 C
Belluno
sabato, Ottobre 24, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Fiocco rosa al Centro Consorzi di Sedico, nasce la rivista "Crescere col...

Fiocco rosa al Centro Consorzi di Sedico, nasce la rivista “Crescere col Centro”

Il Centro Consorzi di Sedico, noto per la quarantennale attività a sostegno delle imprese e per la qualificata attività formativa per giovani e adulti, ha dato alle stampe la nuova rivista: “Crescere col Centro”.
“Con la nascita di questo trimestrale, affidato nella direzione all’esperienza professionale e giornalistica di Edoardo Comiotto, vogliamo dare da un lato visibilità alle tante attività che svolgiamo, dall’altro fornire un nuovo strumento per incrementare la reciproca conoscenza fra le imprese creando opportunità collaborative e di lavoro”. Così scrive il presidente del Centro Consorzi Antonio Manzotti nell’articolo di fondo che aggiunge: “Il Centro Consorzi non è, e non vuole essere, alternativo o in contrapposizione con le Organizzazioni di categoria con le quali si augura di poter collaborare e di instaurare sinergie ed opportunità di crescita, ma punto qualificato di riferimento per la formazione aziendale, dei professionisti, dei lavoratori autonomi e delle nuove generazioni che si affacciano sul mondo del lavoro”.

La nascita di un nuovo periodico è sempre una buona notizia. Se l’informazione sembra viaggiare sempre più sulla rete, dove si trovano le notizie più diverse, da quelle serie a quelle strampalate, non verificate e fake-news, un periodico “mostra la faccia” di chi edita e di chi scrive. C’è l’assunzione di responsabilità della notizia e del contenuto. Ma non solo, un periodico consente approfondimenti, riscontri, ecc. che la rete, per sua natura, molto spesso non fa. I tempi di lettura di un articolo online sono di pochi minuti, una manciata di secondi per un post sui social.
La struttura e lo stile del nuovo periodico sono illustrate da Edoardo Comiotto: “La rivista cercherà di avere contenuti chiari e utili. Si calerà nella realtà produttiva della regione del Veneto e in particolare della provincia di Belluno raccogliendo le necessità e i desiderata delle aziende e delle maestranze, dei giovani che si affacciano sul mondo del lavoro e di chi si prepara scolasticamente per farlo.
Sarà un viaggio informativo che accompagnerà le varie iniziative e progetti del Centro nel loro percorso e sviluppo, fornirà indicazioni e consigli utili su vari settori e argomenti e ospiterà la voce di personalità, esperti, tecnici, amministratori e politici del territorio. Papa Francesco ha affermato che: “Stranamente, non abbiamo mai avuto più informazioni di adesso, ma continuiamo a non sapere che cosa succede.”
Con semplicità e con spirito di servizio, il Centro Consorzi vuole fornire attraverso questo periodico non solo le informazioni che riguardano la propria attività, ma delle finestre conoscitive sul lavoro e sul territorio nel quale opera. Territorio ricco di bellezze naturali, di storia, di cultura, di solidarietà, di gente operosa, di operai volenterosi e di imprenditori competenti”.

Per il direttore del Centro Consorzi Michele Talo: “Dare una illustrazione seppur sintetica delle attività che ruotano attorno al Centro Consorzi è un compito arduo: essere un Centro servizi, come da più parti viene chiamato, significa già di per se porsi al servizio e quindi in attesa di richieste, di attenzione, di esigenze che scaturiscono soprattutto dal mondo delle imprese. Tutte cose che non si esauriscono ma che hanno il pregio di mutare continuamente. Gli stakeholder di questa attività, come oggi vengono definiti i portatori di interessi, rappresentano già di per sé un mondo variegato con un macro punto in comune che è rappresentato dal sistema sociale. Lavorare nella formazione significa lavorare per far crescere in generale due obiettivi cardine: l’educazione e le competenze. Gestioni di attività e progettualità che hanno declinazioni continue e sviluppano settori e attività che con questa iniziativa ci poniamo l’obiettivo di illustrare. Proprio perché “Crescere col Centro” , è un titolo che già presuppone un movimento, una azione continua che non si ferma con il raggiungimento di una situazione, ma si pone sempre obiettivi che non prefigurano un arrivo, ma un costante “cammino” verso nuove frontiere e orizzonti”.
Il primo numero della rivista contiene, infatti, un’ampia visione sulle molteplici attività svolte dal Centro Consorzi, dalla formazione dei giovani della Scuola del Legno, alla scuola di Estetica, dalla scuola d’arte e scultura “Augusto Murer”, ai Corsi di qualificazione per adulti operatori del legno ed elettronico, ai corsi specialistici del settore restauro e beni culturali, all’alta formazione, ai master e corsi universitari. Ampia la gamma dei corsi di formazione e aggiornamento per gli adulti che spaziano dalla sicurezza sul lavoro ai corsi online, dalla formazione per l’ottenimento di specifiche competenze al “Life Long learning” che abbracciano l’arco temporale della vita professionale delle persone. L’introduzione sui vari servizi, che sono erogati dalla sede centrale di Sedico e dalle sedi periferiche Vicenza, Castelfranco Veneto e Rovigo, dà una visione d’insieme dell’operatività del Centro. Il Centro Consorzi, oltre ad esprimere nella rivista la solidarietà e vicinanza agli imprenditori e dipendenti per le situazioni di crisi determinata dalla pandemia Covid-19, informa sulle opportunità di sostegno che possono essere richieste per affrontare questo momento particolarmente difficile anche per il mondo del lavoro.
Se la storia dei primi quindici anni di attività del Centro Consorzi è descritta dall’articolo di Paolo Garna, gli scenari della nostra Provincia sono affrontati nell’intervista al presidente Roberto Padrin, le opportunità dei Fondi di Confine con l’onorevole Roger De Menech, mentre i temi della formazione e lavoro nel Veneto con l’assessore regionale Elena Donazzan.

Completa l’informazione, l’inserto “Progetti” allegato alla rivista che fa il punto sulle interessanti iniziative attuate in collaborazione e con il sostegno di Fondi Sociali Europei, regionali e GAL: il Progetto PIAVE sui Paesaggi, Identità, Accoglienza, Viaggio ed Esperienza, Sheep AL.L Chain sulle pecore di razza Alpagota e Lamon, Bigwood, un Interreg Italia-Austria sul settore del legno.
Copia della rivista può essere ritirata o richiesta al Centro Consorzi in via Gresal a Sedico.

Share
- Advertisment -


Popolari

Un nuovo progetto per la segnalazione degli ostacoli al volo

La Provincia di Belluno coordinerà un nuovo progetto di mappatura e la segnalazione degli ostacoli al volo. Con un sistema innovativo di palette catarifrangenti...

Covid. Bond (FI): «Il governo distrugge economia e Natale in un colpo solo»

«Mercati settimanali sì, casette di Natale no. Il governo deve spiegarci perché questa differenza». È quanto afferma il deputato di Forza Italia, Dario Bond, sullo...

Comuni ricicloni, Ponte nelle Alpi primeggia: Dal Borgo: “Questo riconoscimento conferma il consolidarsi del progetto di raccolta differenziata” 

Il Comune di Ponte nelle Alpi è il più riciclone della provincia di Belluno. L'ufficialità arriva dal dossier di Legambiente.  In base alla produzione...

La sanità è preparata alla nuova ondata di contagi? * di Mauro De Carli

La domanda è sulla bocca di tanti, forse non si ha il coraggio di farla per la paura dell’incertezza di questo momento: “la Sanità...
Share