13.9 C
Belluno
martedì, Aprile 20, 2021
Home Cronaca/Politica Rigenerazione urbana, breve stop per il lockdown. Frison: "Nuove regole per i...

Rigenerazione urbana, breve stop per il lockdown. Frison: “Nuove regole per i cantieri; a maggio la ripartenza”

Franco Frison, assessore all’Urbanistica del Comune di Belluno

Il lockdown per Coronavirus ha bloccato per qualche settimana i cantieri della rigenerazione urbana, ma si potrà presto ripartire con nuove regole per il regolare svolgimento dei lavori: questo quanto emerso dalla videoconferenza che ha visto coinvolti tutti i progettisti dei cantieri comunali per la rigenerazione urbana e gli amministratori e tecnici di Palazzo Rosso (il sindaco Jacopo Massaro e l’assessore Franco Frison; il segretario generale Francesco Pucci; il Responsabile Unico del Procedimento, Carlo Erranti e l’ingegnere Alessandra Venturelli).

I cantieri aperti
Con il fermo dei cantieri, scattato verso metà marzo, il confronto è stato l’occasione per fare il punto sull’avanzamento dei lavori; quattro i cantieri ora: la Mediateca delle Dolomiti, a Palazzo Crepadona; la ristrutturazione della scuola Gabelli; il centro del terzo settore all’ex caserma Piave; la ciclabile Antole-Casoni.
Sul tavolo, la necessità di adeguare i Piani di Sicurezza e Coordinamento dei cantieri alle nuove norme di distanziamento sociale: modifiche che, vista la vastità delle aree di intervento, non dovrebbero comportare particolari problematiche.
«Una volta ultimati questi passaggi, – spiega Frison – il Progetto Belluno potrà ripartire con ancora maggior slancio, vista l’importanza di questi cantieri per il contesto socio-economico locale, ma anche per il ruolo fondamentale delle destinazioni finali nella nuova idea della città e del suo territorio post Covid».
Con i primi giorni di maggio, i cantieri potranno riprendere con regolarità l’attività e «questa pausa – aggiunge Frison – non comporterà grandi cambiamenti per quanto riguarda la fine prevista dei lavori».

Gli altri progetti
Poco prima di Pasqua è stato sottoscritto anche il contratto con il raggruppamento di imprese – tra le quali anche la bellunese Deon – a cui sono stati affidati i lavori presso l’ex Chiesa dei Gesuiti, dove quindi presto potranno partire i lavori di restauro.
Palazzo Rosso è invece ancora in attesa del nulla osta da parte del nucleo di monitoraggio presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri per poter adeguare il progetto per il Parco della Piave, a Lambioi, dopo il devastante passaggio della tempesta Vaia.
Infine, per l’intervento di sistemazione del piazzale della stazione, sono in corso alcuni approfondimenti tecnici con la Provincia.

Share
- Advertisment -

Popolari

Campagna vaccinale Ulss Dolomiti: vaccinati il 92% degli ultraottantenni in Provincia

Belluno, 19 aprile 2021 - Si è conclusa nel pomeriggio l'ultima giornata di accesso libero per gli over 80 a Tai di Cadore, con...

Sopralluogo alla frana di Valle di Cadore. Bortoluzzi: «Studiamo la situazione geologica per ipotizzare gli interventi più funzionali»

I tecnici incaricati dalla Provincia di Belluno hanno effettuato una serie di sopralluoghi a Valle di Cadore, lungo il versante sotto l'abitato di Costa...

Karrycar, il primo servizio on line per il trasporto auto in tutta Italia realizzato dalla startup bellunese Droop srl.

Belluno, 19 aprile 2021 - Spedire o ritirare un’auto da un punto all’altro dell’Italia non è mai stato così facile, veloce e conveniente. E’...

Superbonus 110%. Veneto in testa per numero di pratiche

Secondo i dati ENEA, nel Nordest, i crediti ceduti sono pari a 128 milioni di euro e il Veneto con 853 interventi asseverati è...
Share