13.9 C
Belluno
domenica, Ottobre 25, 2020
Home Cronaca/Politica Obbligo di dimora per due giovani che reagiscono violentemente all'alt della polizia

Obbligo di dimora per due giovani che reagiscono violentemente all’alt della polizia

Belluno, 17 aprile 2020 – Nel tardo pomeriggio di martedì scorso sono arrivate diverse chiamate al 113 che segnalavano un assembramento di giovani al parco Marianna, incuranti delle limitazioni in vigore a causa dell’emergenza Covid-19. In particolare un cittadino segnalava che uno di questi ragazzi brandiva un grosso coltello da cucina.
Sul posto è intervenuta una Volante che ha individuato due fratelli di 18 e 19 anni, già noti alla Forze dell’ordine per i precedenti di polizia per reati sia contro la persona che contro il patrimonio. I due, una volta vista la pattuglia, non ottemperando all'”alt polizia” dato ad alta voce dagli agenti, si davano alla fuga in direzione dell’ex cementificio.
I due agenti si dividevano, uno inseguendo di corsa i fuggitivi, mentre l’altro, con l’auto di servizio, cercando di arrivare a sorprenderli dalla direzione opposta a quella di fuga.
Dopo una lunga corsa, accompagnata da diversi inviti verbali a fermarsi, i due venivano raggiunti dal poliziotto. Approfittando della loro superiorità numerica, i fratelli si scagliavano contro l’agente aggredendolo con calci e pugni al fine di evitare il controllo.
Ne nasceva una colluttazione in cui, grazie all’esperienza e alla destrezza nelle tecniche operative, l’agente riusciva a bloccare in sicurezza uno dei due. L’altro si ridava alla fuga, ma veniva bloccato dal secondo poliziotto contro il quale poneva una nuova resistenza attiva con diversi colpi. A fatica anche il secondo malvivente veniva collocato nell’auto di servizio.
Nella colluttazione i due agenti sono rimasti feriti riportando 4 e 2 giorni di prognosi, mentre uno dei giovani un giorno.
Al termine della stesura degli atti di rito, i due venivano arrestati per i reati di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale e collocati agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.
Oggi l’arresto è stato convalidato e i due sono stati sottoposti alla misura cautelare dell’obbligo di dimora nel Comune di Belluno e del divieto di lasciare la propria abitazione dalle ore 16 alle 24.

Share
- Advertisment -


Popolari

Nasce a Ponte nelle Alpi il nuovo ambulatorio di Medicina generale che riunirà 5 medici

Un'unica sede per riunire tutti i medici di Ponte nelle Alpi: sta per nascere il nuovo ambulatorio di Medicina generale, finalizzato a offrire alla...

Rispettiamo le regole. L’appello del presidente della Provincia Roberto Padrin

In questo momento dobbiamo essere tutti responsabili. I numeri dei contagi e l'aumento dei ricoveri ospedalieri ci obbligano a comportamenti rispettosi delle regole. Dobbiamo...

Findomestic addebita a un omonimo la rata del finanziamento. Brumurelli (Associazione Io mi tutelo): “In 15 giorni abbiamo chiarito il caso con la banca...

Vedersi addebitare ogni mese delle rate di una cinquantina di euro senza sapere il perché non dev’essere piacevole. E’ successo in un Comune della Valbelluna...

Agricoltura di montagna. Dorfmann: aumenta il livello di protezione, maggiori aiuti alle aziende costituite da giovani

Si è chiusa con il voto di approvazione di ieri sera la quattro giorni che al Parlamento Europeo ha visto in discussione uno dei...
Share