13.9 C
Belluno
sabato, Dicembre 5, 2020
Home Cronaca/Politica La guerra contro il virus si ferma ai cancelli delle fabbriche. Chiamata...

La guerra contro il virus si ferma ai cancelli delle fabbriche. Chiamata di Rifondazione comunista allo sciopero generale

La zona rossa, i divieti a circolare, l’applicazione delle misure di massima precauzione, le multe si fermano davanti ai luoghi di lavoro.

Lo evidenzia in una nota Rifondazione Comunista Veneto.

Negli autobus sovraffollati, nei treni carichi di pendolari, nelle catene di montaggio la lotta contro la pandemia si ferma. Mentre il sistema sanitario è quasi al collasso e regge solo sul sacrificio generoso e impagabile di tutte le sue operatrici e operatori, centinaia di migliaia di operaie ed operai, e non solo, sono costretti a esporre se stesse/i e le loro famiglie al contagio. Produzioni e servizi non essenziali non si fermano. Bisogna continuare a lavorare. Una follia già pagata cara!

Nella zona della bergamasca, una delle aree più colpite della Lombardia e del paese, oggi nel giornale L’Eco di Bergamo c’erano 102 necrologi. La zona rossa si è fermata al limitare delle zone più industrializzate e nelle terapie intensive adesso non ci sono soltanto i vecchi: ci sono giovani, lavoratrici e lavoratori.

Il governo Conte, succube delle pressioni di Confindustria, non ha il coraggio di fare la cosa più sensata in questo momento: ridurre al minimo indispensabile le attività produttive e dei servizi garantendo i redditi di tutte/i. Se si vuole veramente fermare il contagio si fa così, tutto il resto viene dopo. Questo hanno fatto in Cina nelle regioni colpite, così va fatto nel nostro paese.

Se il governo insiste in questa posizione, non riesce cioè a liberarsi dai condizionamenti di Confindustria, non c’è che una strada: i sindacati proclamino lo SCIOPERO GENERALE. Il lavoro si difende così.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Maltempo. Ordinanza del prefetto: sabato scuole chiuse. Allarme codice rosso: evitare spostamenti se non strettamente necessari

Il territorio della provincia è interessato da precipitazioni estese e persistenti. Il Centro Funzionale Decentrato della Regione Veneto in data odierna ha emesso l’avviso di...

48 ore di maltempo, massima criticità da sabato pomeriggio a domenica. Quota neve 1200-1500 metri

Venezia, 4 dicembre 2020  -  Il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile, alla luce delle previsioni meteo di ARPAV e dell’intensa ondata di maltempo in...

Il Tar del Veneto conferma la legittimità del calendario venatorio provinciale. De Bon: «Spiace che posizioni ideologiche abbiano fatto perdere tempo ai nostri uffici»

Con ordinanza n. 612/2020 pubblicata oggi (4 dicembre) la Sezione prima del Tar Veneto si è nuovamente pronunciata a favore delle decisioni della Provincia...

Nuovo Dpcm, attività turistiche in ginocchio. De Carlo: “Il Governo non vada in vacanza e programmi la ripartenza. L’area montana ha bisogno di sostegni...

"Non possiamo trovarci all'Epifania con albergatori e impiantisti che non sanno che fare l'indomani: il Governo non vada in vacanza, inizi ora a programmare...
Share