13.9 C
Belluno
mercoledì, Novembre 30, 2022
Home Prima Pagina Cassazione accoglie il ricorso: chi cambia sesso può scegliersi il nome che...

Cassazione accoglie il ricorso: chi cambia sesso può scegliersi il nome che vuole. Sì al cambio da Alessandro in Alexandra, e non Alessandra, anche per l’anagrafe

Alessandro potrà essere Alexandra, e non Alessandra, anche per l’anagrafe. Non si può negare quel nome con la “x” all’uomo che ha cambiato sesso diventando donna a tutti gli effetti per lo Stato. E’ escluso, infatti, che nella modifica all’atto di nascita dell’interessata debba avvenire una trasposizione meccanica dell’originario appellativo della richiedente, che peraltro non è sempre possibile. Nulla vieta che possa sempre essere l’interessato, «soggetto chiaramente adulto», a indicare il nuovo nome prescelto dopo aver vinto la causa per la rettificazione del sesso.

È quanto emerge dall’ordinanza 3877/20, pubblicata il 17 febbraio dalla Prima sezione civile della Cassazione. La Suprema corte, nell’accogliere il ricorso, decide nel merito ordinando all’ufficiale di Stato civile del Comune la correzione l’atto di nascita della richiedente, che dunque si chiamerà come ha sempre sognato. Sbaglia la Corte d’appello di Torino a bocciare il nome con la “x” sul rilievo che si tratterebbe di un mero «desiderio voluttuario» della richiedente, mentre il nuovo segno distintivo da inserire nel registro dell’anagrafe sarebbe “Alessandra”, in quanto mera femminilizzazione dell’appellativo originario. Si tratta infatti di un’interpretazione che non trova supporto nella normativa in materia: le disposizioni non prevedono affatto un calco linguistico fra vecchio e nuovo nome.Trova ingresso la censura che evidenzia come vi siano prenomi maschili non traducibili al femminile e viceversa, oltre ad altri che possono essere percepiti come dell’uno o dell’altro sesso a seconda del contesto linguistico in cui si pone l’interprete. Il tutto mentre l’articolo 5 della legge 164/82 pone una corrispondenza assoluta fra il sesso anatomico e il nome, anteponendo l’interesse pubblico alla certezza nei rapporti giuridici a quello individuale alla coincidenza fra il sesso percepito e il nome indicato nei documenti di identità. È d’altronde primario il diritto all’identità sessuale sotteso alla rettificazione del sesso (che può avvenire senza l’intervento che modifica i caratteri anatomici primari).

E il nome, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” costituisce un diritto inviolabile della persona come immediato segno distintivo. Insomma: la scelta è libera se non viola altre disposizioni normative o diritti di terzi.

Share
- Advertisment -

Popolari

Bando regionale per la parità ed equilibrio di genere. Donazzan: “10 milioni per sostenere una cultura più inclusiva”

I progetti potranno essere presentati entro il 31 gennaio 2023 dagli enti accreditati “Anche in Veneto, nonostante i livelli di occupazione femminile più alti...

Belluno, saldo Imu 2022 entro il 16 dicembre. Invariate aliquote e detrazioni

Scade venerdì 16 dicembre 2022 il termine per il pagamento del saldo IMU 2022. La legge 234/2021 (legge di Bilancio 2022) prevede alcune agevolazioni per...

L’assessore regionale Lanzarin interverrà oggi alla Conferenza dei sindaci

Belluno, 30 novembre 2022 - Incontro sulla sanità con la Regione, oggi pomeriggio a Belluno in Sala Bianchi. La riunione della conferenza dei sindaci...

Laurea infermieristica a Feltre. Avviato l’anno accademico

Feltre, 30 novembre 2022 - Ieri è stato dato avvio ufficialmente al nuovo Anno Accademico nella sede di Feltre dell' Università degli Studi di...
Share