13.9 C
Belluno
mercoledì, Novembre 25, 2020
Home Cronaca/Politica Niente botti a Capodanno. Da domani a venerdì 3 fuochi “off limits”...

Niente botti a Capodanno. Da domani a venerdì 3 fuochi “off limits” nei luoghi pubblici

Stop ai botti di Capodanno in città: il sindaco di Belluno, Jacopo Massaro, e per ora abbiamo notizia anche del sindaco di Auronzo di Cadore Tatiana Pais Becher, hannno firmato questa mattina l’ordinanza che da domani, martedì 31 dicembre, fino a venerdì 3 gennaio 2020 vieta il lancio di petardi, botti e fuochi pirotecnici negli spazi pubblici.

“Ad oggi, contrariamente agli scorsi anni, non siamo in un periodo di allerta siccità, ma questo non vuol dire che non esistano rischi di incendio. – spiega Massaro – Per questo, e per garantire l’ordine pubblico in occasione della grande festa che animerà Piazza dei Martiri, per tutelare l’incolumità delle persone, la quiete delle persone anziane, dei malati e dei bambini, per difendere il benessere degli animali domestici e selvatici e per prevenire l’inquinamento abbiamo voluto riproporre questa ordinanza anche per questo Capodanno”.
L’ordinanza impone quindi il divieto di lancio di petardi, botti e altri artifici pirotecnici: “nei luoghi affollati e nelle immediate vicinanze; nelle aree a rischio di propagazione di incendi; nelle piazze, nelle strade o in altri luoghi pubblici o di uso pubblico o in adiacenza a tali luoghi; in prossimità dell’Ospedale, delle case di cura o di riposo, dei luoghi di culto o comunque nelle vicinanze di monumenti, edifici o aree a valenza storica, archeologica, architettonica, naturalistica o ambientale”.
Ci sono poi le raccomandazioni per l’uso dei fuochi negli spazi privati: “Per una questione di sicurezza, è fondamentale che riportino la marcatura CE e che siano in regola con le norme in materia; – aggiunge Massaro – dopodiché, con un po’ di buon senso sarebbe consigliabile limitarne l’uso proprio per tutelare i più deboli”.
Le raccomandazioni dell’ordinanza suggeriscono anche di evitare o limitare l’uso di botti che “hanno l’esclusivo o prevalente effetto di “colpo” o di forte rumore, privilegiando piuttosto l’impiego di prodotti meno invasivi, meno dirompenti, inquinanti o pericolosi” e di informarsi, presso i rivenditori autorizzati, sulle modalità di uso e sulle limitazioni previste per i dispositivi, avendo particolare cura di impiegare questi ultimi rispettando scrupolosamente le modalità di utilizzo e le avvertenze stabilite dal produttore, specie in presenza di minori o nelle vicinanze dei luoghi in cui si trovano gli animali”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Incendio distrugge una abitazione ad Umin di Feltre

Feltre, 24 novembre 2020 Dalle ore 17, i vigili del fuoco sono impegnati per domare  l’incendio sviluppatosi in una casa in via Umin, 5...

Zaia presenta in diretta Facebook l’ordinanza breve valida dal 25 novembre al 4 dicembre

Sarà in vigore da domani, mercoledì 25 novembre, fino a venerdì 4 dicembre. Il 3 dicembre dovrebbe uscire il nuovo Dpcm valido per l'intero...

Flavia Monego: «Il ruolo della donna nel mondo del lavoro è sempre più difficile»

«Mi sono insediata un mese fa e ancora non mi capacito di quanto lavoro ci sia da fare per contrastare e prevenire la violenza...

Violenza donne. In Veneto 3.174 vittime accolte nei centri. Lanzarin: “Prosegue l’impegno finanziario per sostenerli”

Venezia, 24 novembre 2020  Sono 3.174 le donne seguite con percorso specifico dai Centri antiviolenza del Veneto in tutto l’anno scorso. Una flessione minima, 82...
Share