13.9 C
Belluno
sabato, Maggio 8, 2021
Home Cronaca/Politica Classifica Sole 24 Ore, crollo bellunese. De Carlo e Osnato: "Spopolamento risultato...

Classifica Sole 24 Ore, crollo bellunese. De Carlo e Osnato: “Spopolamento risultato di politiche demagogiche e dell’assenza di politiche industriali”

“Non si può ridurre tutto al semplice problema dello spopolamento: sarebbe riduttivo e superficiale. Questa classifica testimonia i danni della politica accentratrice nazionale e della totale assenza di politiche industriali per il nostro Paese”.

Luca De Carlo, deputato

Il deputato di Fratelli d’Italia e sindaco di Calalzo di Cadore, Luca De Carlo, commenta così, con il collega di partito Marco Osnato, la classifica sulla qualità della vita pubblicata oggi da Il Sole 24 Ore e il tonfo della provincia di Belluno, passata dal quarto al 51esimo posto.

“Nessuno nega che lo spopolamento sia la piaga del nostro territorio, ma è altrettanto evidente il danno causato dallo svuotamento degli enti locali”, spiegano i due deputati. “I comuni ormai sono limitati alle banali funzioni amministrative, con bilanci risicatissimi, mentre le province, e in particolare quella di Belluno con tutte le sue particolarità, sono state completamente svuotate di risorse e soprattutto di personale; questo ha avuto un effetto devastante su tutte le aree marginali, e non è infatti un caso che tutte le realtà centrali anche venete occupino buone posizioni in classifica, mentre la periferia soffra, ad eccezione delle realtà autonome”.

“Questo processo di razionalizzazione, in nome di una presunta efficienza, è il frutto di una politica accentratrice che non ha coinvolto solo gli enti locali, ma anche quelli intermedi, come i sindacati e le Camere di Commercio”, continua De Carlo. “Se a questo aggiungiamo la completa assenza di politiche industriali, e lo vediamo nel Bellunese anche in questi giorni con le crisi di ACC e Safilo, l’unico risultato possibile è lo svuotamento delle aree montane e periferiche a favore dei grandi centri”.

De Carlo cita anche degli studi previsionali secondo i quali “se non ci sarà un’inversione di tendenza, nel 2100 l’85% della popolazione mondiale vivrà nelle città, e solo il restante 15% nelle aree rurali. Queste politiche sbagliate portano a una perdita di rappresentatività della periferia, mentre sono un vantaggio per i grandi centri e le metropoli”.

Marco Osnato, deputato

“Siamo abituati a giudicare la pianta dai frutti che dà:

senza un cambio di rotta deciso, siamo destinati a scivolare ancora in classifiche come queste e, cosa ancor più grave, corriamo il rischio di vederci impossibilitati a organizzare eventi di portata internazionale come le Olimpiadi del 2026 per mancanza di capitale umano e di infrastrutture, fattore questo già evidenziato oggi dalla graduatoria.

Uno scenario drammatico che nel breve periodo rischia di interessare la provincia di Belluno, ma che senza reazioni adeguate si allargherà anche alla vicina Treviso”, concludono Osnato e De Carlo.

Share
- Advertisment -

Popolari

Efficientamento energetico, dissesto idrogeologico e sicurezza stradale. Belluno, Zoppè e Limana assegnatari di 384.640 euro

Belluno, Zoppè di Cadore e Limana sono i tre comuni del Bellunese tra i primi assegnatari dei fondi del Bando per l'efficientamento energetico. Secondo...

Fondo per i comprensori sciistici. De Carlo: “Soddisfatti, ma il provvedimento è troppo sbilanciato verso il Trentino Alto Adige”

“Abbiamo cercato di migliorare il Fondo per la montagna previsto dal Decreto Sostegni, provando a riequilibrare la ripartizione delle risorse su tutte le regioni,...

Fitoche, un progetto per salvare la montagna veneta, gli allevamenti e le produzioni

Il presidente Floriano De Franceschi: "un'iniziativa trasversale, con partner i cinque caseifici veneti di montagna, gli allevamenti ed il mondo della ricerca universitaria" Vicenza, 7...

Nuovo punto vaccinale a Sedico con Luxottica

Belluno, 7 maggio 2021 – L’Ulss Dolomiti, Comune di Sedico e Luxottica hanno definito congiuntamente un percorso collaborativo per attivare un nuovo Centro vaccinale...
Share