13.9 C
Belluno
lunedì, Aprile 19, 2021
Home Sanità Come curarsi dai raffreddamenti dopo gli sport invernali

Come curarsi dai raffreddamenti dopo gli sport invernali

La tipica influenza stagionale sta già costringendo a letto milioni di persone, con una sempre più marcata virulenza anche per colpa dell’antibiotico resistenza che sta affliggendo l’era moderna. A causa dell’uso ed abuso degli antibiotici, per lungo tempo troppo trascurato anche a livello istituzionale, in situazioni in cui non sono affatto necessari si agevola la trasformazione dei ceppi virali che imparano a difendersi.

Come ha recentemente messo in luce l’Istituto Superiore di Sanità l’antibiotico resistenza in Italia è lievemente in calo, ma questo non è affatto sufficiente per abbassare la guardia sul tema. Il periodo di maggiore diffusione del virus influenzale è proprio uno di quelli che vede imperversare l’uso dell’antibiotico, quando non è richiesto perché l’influenza ha bisogno di fare il suo corso.

Per le categorie a rischio (anziani, bambini e chiunque presenti un quadro clinico generale compromesso da condizioni croniche severe, ma anche per il personale a diretto contatto con il pubblico come i lavoratori della sanità) si raccomanda vivamente di vaccinarsi nel periodo compreso fra ottobre e dicembre, oltre a seguire una sana alimentazione e proseguire con l’esercizio quotidiano utilissimo per tutti.

Gli appassionati praticanti di sport all’aria aperta dovranno prestare qualche attenzione in più durante l’autunno e l’inverno, per trovare il giusto equilibrio fra non sospendere del tutto l’attività e la difesa da freddo e umidità.

Proprio questi ultimi costituiscono una fonte di stress aggiuntivo per l’organismo, con risentimento soprattutto del sistema respiratorio e dell’apparato muscolo-scheletrico: inspirare aria fredda agevola la sensibilizzazione delle mucose dentro al naso e alla faringe, portando facilmente raffreddori, mal di gola e tosse secca. Sul versante di muscoli e tendini, le basse temperature incrementano il rischio di infiammazioni e lesioni (specialmente in fase di riscaldamento).

Se non ci si sente in forma smagliante è bene sospendere temporaneamente le sessioni sportive, perché l’esercizio procura uno stress cardiometabolico che può indurre spiacevoli conseguenze. A maggior ragione se si è avuta la febbre, anche bassa, ci si deve astenere dallo sport per alcuni giorni dopo l’episodio acuto: questo è vero soprattutto per l’attività aerobica, con sforzi prolungati.

Per ritornare in salute è essenziale avere un’alimentazione sana durante la malattia, ricca di frutta e verdura, cereali integrali in modeste quantità, il tutto accompagnato da molta acqua per l’espulsione delle tossine e la reidratazione in caso di febbre o diarrea. Superato il peggio la strategia vincente sarà incrementare l’assunzione di vitamina C con il consumo di camu camu, per esempio, ancora non conosciutissimo in Italia ma contenente decine di volte più vitamina C del kiwi, un complesso vitaminico del gruppo B ed il tutto combinato a potenti antiossidanti come lo zinco. Studi scientifici hanno osservato che l’assunzione di almeno mezzo grammo di vitamina C al giorno fortifica moltissimo le difese, fornendo un’eccellente arma di prevenzione.

Nel caso di lunghi e strani strascichi non si deve sottovalutare ogni possibile conseguenza, quindi è doveroso approfondire anche grazie alle diverse visite gratuite per lo screening della popolazione.

Share
- Advertisment -

Popolari

Sopralluogo alla frana di Valle di Cadore. Bortoluzzi: «Studiamo la situazione geologica per ipotizzare gli interventi più funzionali»

I tecnici incaricati dalla Provincia di Belluno hanno effettuato una serie di sopralluoghi a Valle di Cadore, lungo il versante sotto l'abitato di Costa...

Karrycar, il primo servizio on line per il trasporto auto in tutta Italia realizzato dalla startup bellunese Droop srl.

Belluno, 19 aprile 2021 - Spedire o ritirare un’auto da un punto all’altro dell’Italia non è mai stato così facile, veloce e conveniente. E’...

Superbonus 110%. Veneto in testa per numero di pratiche

Secondo i dati ENEA, nel Nordest, i crediti ceduti sono pari a 128 milioni di euro e il Veneto con 853 interventi asseverati è...

VisitFeltre. Immagini e testo nella commedia: La giustizia di Traino.

Dialogo con Monica Centanni, giovedì 22 aprile 2021 ore 20.45 Una delle tensioni che attraversa la Commedia è la relazione tra immagine e parola, tra...
Share