13.9 C
Belluno
giovedì, Febbraio 25, 2021
Home Meteo, natura, ambiente, animali Cortina, la polizia provinciale recupera e libera un gallo cedrone

Cortina, la polizia provinciale recupera e libera un gallo cedrone

Cortina d’Ampezzo, 26 novembre 2019 – La Polizia provinciale ha recuperato e liberato ieri un esemplare di gallo cedrone che si era smarrito nei dintorni di Cortina. La squadra speciale catture è intervenuta e ha provveduto a rilasciare il volatile in una zona protetta nel Parco Dolomiti d’Ampezzo.

L’animale era uscito dal suo habitat naturale e da qualche giorno si aggirava tranquillamente nel parcheggio antistante gli impianti di risalita di Rio Gere, tanto da attirare l’attenzione di turisti, passanti e soprattutto dei gattisti delle piste da sci, che hanno chiamato la Polizia Provinciale. Gli agenti, assieme ai carabinieri forestali di Cortina e agli uomini della riserva di caccia, hanno monitorato il comportamento del gallo cedrone per una decina di giorni, per capire se l’animale potesse ritornare autonomamente nel bosco. Il volatile però non ha mostrato nessuna intenzione di lasciare il parcheggio di Rio Gere; comportamento assolutamente insolito in questa stagione dell’anno (è piuttosto normale che i galli cedroni, animali quanto mai schivi, diventino confidenti nei confronti dell’uomo, ma solo durante la stagione degli amori, in primavera, non certo a fine novembre).

Gli uomini della Polizia Provinciale hanno quindi deciso di intervenire per togliere il volatile da eventuali situazioni di pericolo.
La squadra catture ha provveduto a immobilizzare l’animale con il minore stress possibile, attraverso una rete apposita. Dopo averne verificato le condizioni di salute, gli agenti provinciali hanno sistemato il gallo cedrone in una gabbia, per trasportarlo fino al luogo del rilascio, concordato con il direttore del Parco Dolomiti d’Ampezzo. Il volatile è potuto tornare così nel suo habitat naturale.

«Questo ennesimo rilascio, dopo i casi dei due cervi di Cortina del mese di ottobre, rende la misura della grande professionalità degli uomini della nostra Polizia Provinciale – commenta il presidente Roberto Padrin -. Nonostante un personale sempre più ridotto all’osso per effetto della legge Delrio, i nostri agenti riescono a tenere attivo un servizio importantissimo per il territorio e l’ambiente. Li ringrazio per il lavoro che svolgono quotidianamente».

Share
- Advertisment -

Popolari

L’Ulss 1 Dolomiti acquista attrezzature per oltre 1 milione di euro

Sono state acquisite, tramite le procedure previste dal Decreto Rilancio, altre attrezzature sanitarie utili, tra cui una nuova TAC per l’ospedale di Belluno, che...

Furto in abitazione a Feltre

Feltre, 24 febbraio 2021 - Nella tarda mattinata di oggi, i carabinieri della Stazione di Feltre sono intervenuti in un'abitazione di via Farra a...

Rinnovo cariche all’Ebav. Alessandro Conte (Cna Veneto) alla presidenza. Giannino Rizzo (Uil) vice presidente. Nel consiglio Rudy Roffarè (Cisl Veneto)

Venezia 24 febbraio 2021 – L'assemblea EBAV riunitasi martedì 23 febbraio, ha rinnovato il Consiglio di Amministrazione dell'Ente Bilaterale dell'Artigianato Veneto e ha nominato...

Scuola. L’assessore regionale Donazzan scrive al ministro Bianchi: investire su organici. 3mila docenti licenziati perché in possesso del vecchio diploma magistrale

Venezia, 24 febbraio 2021   “Ho colto con favore l’invito del Ministro Bianchi ad avviare una positiva interlocuzione con i territori a partire dal raccogliere...
Share