13.9 C
Belluno
giovedì, Giugno 17, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo La Cisl Belluno Treviso lancia un nuovo patto per il lavoro.  Bonan:...

La Cisl Belluno Treviso lancia un nuovo patto per il lavoro.  Bonan: “Serve un accordo quadro che recepisca le trasformazioni di Industry 4.0”

Formazione e gestione partecipata, crescita e riconoscimento professionale attraverso l’adeguamento dei sistemi di inquadramento dei lavoratori, smart working, conciliazione vita-lavoro, welfare aziendale. Sono alcune delle linee guida del nuovo patto per il lavoro 4.0 lanciato dalla Cisl Belluno Treviso oggi, lunedì 18 novembre, a Villorba (Treviso), in occasione del Consiglio Generale del sindacato guidato a livello territoriale da Cinzia Bonan.

“In un mondo del lavoro nel pieno della trasformazione digitale – spiega il segretario generale – è necessario che anche la contrattazione territoriale accompagni il cambiamento con una partecipazione sempre più mirata a migliorare la crescita dell’impresa e, al contempo, il benessere dei lavoratori”.

Alle associazioni degli industriali che hanno partecipato alla tavola rotonda del pomeriggio – Confindustria Belluno Dolomiti con il direttore Andrea Ferrazzi e Assindustria Venetocentro con la vicepresidente Antonella Candiotto – la Cisl ha proposto di condividere alcuni obiettivi al fine di definire un accordo quadro territoriale.

“Proponiamo – prosegue Bonan – una contrattazione proattiva e corresponsabile, che metta al centro la persona, il lavoro e l’azienda, elevando la partecipazione dei lavoratori e del sindacato per condividere obiettivi che garantiscano crescita alle aziende innovative e benessere e aumento delle competenze ai lavoratori”.

“L’idea – ha sottolineato il segretario generale aggiunto Rudy Roffarè introducendo i lavori della tavola rotonda – è quella di una maggiore condivisione e partecipazione per governare i cambiamenti del lavoro. Per rendere effettiva la partecipazione dei lavoratori e del sindacato alle scelte aziendali attraverso la contrattazione aziendale proponiamo, ad esempio, l’istituzione di commissioni paritetiche per la formazione continua, per coinvolgere i lavoratori sugli obiettivi di risultato, per governare le trasformazioni dovute all’introduzione dei robot e per incrementare strumenti per il benessere dei lavoratori come orari, smart working e welfare. La cooperazione tra le parti sociali e la partecipazione alla gestione delle imprese, inoltre, può essere tradotta in esperienze di partecipazione ai consigli di amministrazione e di sorveglianza”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Contributi per 500mila euro dalla Provincia per gli impianti di risalita

Nelle prossime settimane saranno erogati i contributi economici agli impianti di risalita. Una manovra da 500mila euro varata dalla Provincia nel dicembre scorso e...

Antonio Bortoli eletto presidente dell’Associazione Arianna Il Filo della Solidarietà di Feltre

Antonio Bortoli è stato eletto alla presidenza dell'Associazione Arianna Il Filo della Solidarietà di Feltre. Sarà coadiuvato da Luca Pioggia Todoerto come vicepresidente, dal...

Avevo 16 anni. Documentario sulla Notte di Santa Marina. Venerdì e sabato a Feltre

Venerdì 18 e sabato 19 giugno 2021, nella Chiesa di Santa Maria degli Angeli a Feltre si terrà la serata dal titolo "Avevo 16...

Presentato il Documento di economia e finanza regionale DEFR 2022-2024

Venezia, 17 giugno 2021 - L’assessore regionale alla Programmazione, Attuazione del Programma e Bilancio, Francesco Calzavara, anche a nome del presidente Luca Zaia, ha illustrato...
Share