13.9 C
Belluno
sabato, Febbraio 27, 2021
Home Cronaca/Politica No alle grandi infrastrutture viarie. Comitato  Peraltrestrade Carnia-Cadore: "Accelerano lo spopolamento della...

No alle grandi infrastrutture viarie. Comitato  Peraltrestrade Carnia-Cadore: “Accelerano lo spopolamento della montagna”

Autostrada A27 Fadalto

Lo spopolamento delle terre alte è un dato di fatto e non riguarda solo il Bellunese. Per frenarlo servono politiche per la montagna mirate a mantenere i servizi essenziali per la vita dei suoi abitanti: ospedali, scuole, uffici postali, banche, negozi. Servono politiche fiscali specifiche e collegamenti internet con la banda larga.

A sostenerlo è il Comitato Peraltrestrade Carnia-Cadore.

Rispetto alla viabilità – prosegue la nota del Comitato – , sempre più persone vorrebbero lasciare l’auto a casa e viaggiare in treno, e allora servirebbero il potenziamento delle linee esistenti e l’integrazione con altre forme di trasporto (a chiamata, linee intervallive integrate).
Soprattutto sarebbe importante non considerare la montagna un territorio ad uso delle popolose e operose città metropolitane e trasformarla in luna-park per un turismo di massa.

Sempre di più chi va in montagna vuole trovare un ambiente diverso, genuino, il più possibile integro, che abbia mantenuto la propria identità. In altre località proprio questa differenza ha permesso il “ritorno” alla montagna, per scelta, di molte persone, di giovani (imprenditori e professionisti) che hanno ritenuto lo stare in montagna una importante scelta di vita.

L’affermazione che le grandi infrastrutture viarie frenino l’esodo delle popolazioni di montagna verso le città è segno, nel migliore dei casi, di poca o cattiva informazione, in quanto ogni esperienza dimostra che i grandi assi viari impattano negativamente su ambiente e economia delle zone marginali che attraversano, accelerandone lo spopolamento. Esattamente il contrario di quello che si vorrebbe far credere.

A tale proposito rimandiamo agli studi di Matthias Gather, professore di Politica dei Trasporti e Pianificazione del Territorio alla Facoltà di Economia e Logistica di Erfurt-D (“… la pressione per nuove autostrade dipende dal fatto che la Politica non ha altre idee di come risolvere i problemi economici delle regioni.”).

Come esempio più vicino a noi, pensiamo alla situazione che si è venuta a creare nella valle del “Canal del Ferro” dopo la realizzazione dell’A23 Palmanova-Tarvisio. Queste le dichiarazioni, più che mai attuali, dell’allora Sindaco di Resiutta e Commissario della Comunità Montana del Canal del Ferro al convegno sul progetto di prolungamento dell’Alemagna-A27 tenuto a Calalzo nel 2003:

“… L’Alpe-Adria A23 è stata costruita nel periodo immediatamente successivo al terremoto con una funzione di viabilità turistica per collegare il bacino dell’Austria ai centri balneari della Regione Friuli Venezia Giulia e del Veneto. Oggi il Tarvisio è diventato la valvola di sfogo di tutto il traffico pesante che proviene dal nord-est e dall’asse balcanico e che poi si trasferisce sugli altri territori.”
“Nel corso del tempo la realizzazione di questa autostrada ha causato alle nostre comunità notevoli danni: c’è stata l’eliminazione di qualsiasi ricaduta economica sul territorio. Tutti gli otto Comuni che si trovano nei 70 km della valle che parte dalla Stazione per la Carnia fino a Tarvisio si sono trovati improvvisamente a zero con qualunque attività connessa al comparto commerciale e turistico.
Perché? Perché questa autostrada era divenuta il bypass di tutta la valle, per cui il traffico andava direttamente dal confine alle località di destinazione e non rilasciava assolutamente più risorse, per cui si è verificata una crisi fortissima nel comparto commerciale e turistico di Tarvisio e di tutta la valle.”
“Oggi anche la vecchia viabilità è di nuovo satura di autotreni, per cui non solo abbiamo satura l’autostrada, ma anche la strada statale, tant’è vero che oltre all’inquinamento atmosferico nei paesi stiamo superando i limiti di guardia di quello che è l’inquinamento acustico, altro danno che viene portato a un territorio che avrebbe vocazione turistica.”.

Siamo convinti che le grandi opere viarie come l’autostrada A27 – conclude la nota del Comitato Peraltrestrade Carnia-Cadore – , nella maggioranza dei casi, siano un’illusione di sviluppo, sostitutiva dell’incapacità di ricercare un modello economico nuovo, e costituisca una semplificazione che non risponde alla complessità dei problemi che ci troviamo oggi ad affrontare.

Il prolungamento dell’A27, invece di risolvere i problemi delle nostre valli, ne creerebbe di nuovi.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Attraversamenti faunistici. De Bon: «Obiettivo sicurezza, per gli automobilisti e per gli animali»

Provincia di Belluno e Veneto Strade sono al lavoro per prevenire gli incidenti stradali che coinvolgono la fauna selvatica. Negli ultimi vent'anni infatti sono...

Il saluto al nuovo direttore generale dell’Ulss 1 Maria Grazia Carraro

L’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della Provincia di Belluno dà il benvenuto alla dottoressa Maria Grazia Carraro, che per i prossimi 5 anni sarà...

Crac banche. I truffati, buoni clienti per il business di avvocati ed associazioni valutabile in 87 milioni di euro

Davvero bravi i veneti, hanno regalato allo stato più di 1 miliardo di € non impegnabili soprattutto a causa dei “paletti” della legge 145/2018. Come...

Contrattazione sociale in provincia di Belluno: le Linee Guida per il 2021 di Cgil-Cisl-Uil

Lotta alla povertà e alla disuguaglianza sociale, politiche concrete in favore di anziani e giovani, nuove infrastrutture sanitarie per combattere la diffusione del Covid-19....
Share