13.9 C
Belluno
lunedì, Marzo 1, 2021
Home Cronaca/Politica “Giornata del lavoro agile” a Bologna. Massaro: «Rendere smart la pubblica amministrazione»

“Giornata del lavoro agile” a Bologna. Massaro: «Rendere smart la pubblica amministrazione»

Jacopo Massaro, sindaco di Belluno

Si è tenuta oggi a Bologna la prima “Giornata del lavoro agile”, dedicata all’approfondimento del mondo dello smart working, organizzata dal Comune di Bologna, Regione Emilia-Romagna, Città Metropolitana di Bologna e Dipartimento delle Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Tra i relatori della tavola rotonda, anche il sindaco di Belluno, Jacopo Massaro, Presidente della Commissione Pubblica amministrazione, personale e relazioni sindacali dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani.
«In un mondo sempre più connesso e dove il lavoro, oltre all’aspetto economico, deve guardare anche al rispetto ambientale e alla qualità della vita dei lavoratori, la vera sfida è quella di rendere “smart” la pubblica amministrazione, storicamente ingessata. – spiega Massaro – Le città medie, e non solo i grandi centri, devono guidare questo processo, mettendo a disposizione un sistema di servizi, come le connessioni veloci e di welfare, come gli asili nido, adatto alle esigenze dei lavoratori e delle aziende».

Sono molteplici gli aspetti positivi di questo sistema: «La produttività è più alta del 15% e l’assenteismo minore, in presenza di smart working. – evidenzia Massaro – Inoltre, permette una qualità della vita migliore per i lavoratori, con una miglior conciliazioni dei tempi di vita e di lavoro, e un minor impatto ambientale, limitando al necessario gli spostamenti per ragioni lavorative: le statistiche che comparano i consumi energetici e la produzione di sostanze inquinanti come polveri sottili o CO2 premiano infatti la soluzione dello smart working rispetto al sistema tradizionale».

Smart working non è il telelavoro, o il semplice “lavoro da casa”: «C’è anche ad esempio il co-working, un sistema che a Belluno abbiamo inaugurato con il Distretto Creativo di Via Mezzaterra. – sottolinea il sindaco – Noi abbiamo puntato ai liberi professionisti, l’obbiettivo è quello di portare questa metodologia nelle aziende private, che già stanno sperimentando alcune formule in questo senso».

La vera sfida, come detto, riguarda però la pubblica amministrazione: «Negli anni si sono susseguite leggi che hanno irrigidito ulteriormente un sistema già ingessato. – conclude Massaro – Il quadro normativo frena l’inserimento di modelli organizzativi innovativi, e questo è uno scoglio sicuramente da superare. I comuni italiani forniscono il 90% dei servizi ai cittadini con solo il 7,8% delle risorse della spesa pubblica, e questo dimostra l’efficienza e l’efficacia di questi enti: è quindi fondamentale incentivare, puntare e investire sullo smart working anche nei comuni medi e piccoli, un’opportunità per rendere più moderna la pubblica amministrazione per migliorarne la produttività e per proporre un approccio diverso, nuovo ed efficace alla vita di lavoro e di comunità. Sarà fondamentale il ruolo dei comuni anche nello smart working delle aziende private: è necessario riorientare le politiche della mobilità e delle infrastrutture essenziali così che il welfare cittadino, le reti wi-fi, le infrastrutture essenziali siano studiate e idonee all’applicazione di questo sistema nelle nostre città».

Share
- Advertisment -

Popolari

Intervista a Davide Mazzon. Gli anestesisti rianimatori in prima linea nel contrasto alla pandemia

A un anno dalla diffusione della pandemia Covid-19 che ci affligge, abbiamo interpellato il dottor Davide Mazzon, da quasi 20 anni direttore del Reparto...

Conclusa l’Italia Polo Challenge Cortina 2021

Cortina d'Ampezzo, 28 febbraio 2021  -  Giocatori e cavalli protagonisti di Italia Polo Challenge Cortina 2021 lasciano la vallata ampezzana con la soddisfazione di aver...

Due interventi del Soccorso alpino

Belluno, 28 - 02 - 21   Attorno alle 12.40 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è intervenuto nel comune di Tambre, per uno...

Grubissa (Federfarma) chiede un confronto al nuovo direttore generale della Ulss Dolomiti Maria Grazia Carraro

La distribuzione dei farmaci sul territorio, la collaborazione in occasione di campagne di prevenzione, le difficoltà di gestione della ricetta dematerializzata e l'erogazione dei...
Share