13.9 C
Belluno
giovedì, Marzo 4, 2021
Home Prima Pagina Confartigianato Belluno. Un anno dopo Vaia per riflettere sul futuro

Confartigianato Belluno. Un anno dopo Vaia per riflettere sul futuro

Claudia Scarzanella, presidente Confartigianato Belluno

Per non dimenticare e per riflettere sul futuro delle imprese del comparto della prima lavorazione del legno a un anno dalla tempesta Vaia, che ha ferito profondamente l’intero territorio bellunese, Confartigianato imprese Belluno ha scelto di sensibilizzare cittadini e istituzioni esponendo davanti alla propria sede provinciale di piazzale Resistenza 8 una radice sradicata dalla furia della tempesta. Un simbolo di un territorio profondamente violentato e in molti casi irriconoscibile.

“In questi contesti l’impatto emotivo permette di raggiungere risultati importanti – sottolinea il direttore di Confartigianato Belluno, Michele Basso – e già dopo pochissimi giorni dall’esposizione vediamo che molte persone sono attratte dalla radice, si fermano e riflettono. Ma oltre alle implicazioni ambientali, auspichiamo di trasferire alla gente le ricadute sul tessuto imprenditoriale della provincia. Stiamo lavorando per far capire che da una tragedia si può ripartire, che il bosco e il legno devono continuare a rappresentare le risorse identitarie di un territorio e di un’economia e che possono diventare un’occasione per i giovani che vogliono restare a vivere in montagna”.
Il futuro è ancora incerto, ma la possibilità di riscossa è elevata. In questi dodici mesi il mercato della prima lavorazione del legno ha subito profondi cambiamenti. Oggi occorre individuare strategie, investimenti e nuovi posizionamenti sul mercato.

“E’ evidente la necessità – precisa la presidente Scarzanella – di lavorare tutti per un fine comune, mediante la condivisione delle posizioni e delle scelte tra tutti gli stakeholders del settore”.
Quest’anno ormai trascorso comunque non è passato inutilmente, molto lavoro è stato svolto anche da Confartigianato imprese Belluno, per tenere alta l’attenzione sul comparto e sulle sue problematiche. I primi importanti risultati si sono già visti, come: la costituzione della categoria Segherie e lavori boschivi a livello regionale, scelta necessaria per esportare la questione dal piano strettamente locale a quello regionale e nazionale; la delega a sedersi al Tavolo di Filiera del Legno presso il ministero delle Politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo assieme a tutti i vari stakeholders del settore (enti, organismi, Regioni, Università, albi professionali, categorie, associazioni ambientaliste); essere partner del progetto IT-For, la piattaforma per la commercializzazione del legno, una proposta concreta per le aziende; la partecipazione alla nuova “Fiera e festival delle Foreste” a Longarone Fiere.

“Dobbiamo fare tesoro dell’esperienza di questo anno – conclude la presidente Scarzanella – per fare sintesi delle problematiche riscontrate e delle prospettive, al fine di costruire una progettualità che dia il giusto valore alle nostra foresta e alla sua filiera”

Share
- Advertisment -

Popolari

8 marzo, Giornata internazionale della Donna. La Cisl ricorda due grandi donne: Tina Anselmi e Tina Merlin

Venerdì 12 marzo alle 18 va in scena sul sito e sui canali social della Cisl Belluno Treviso lo spettacolo online “Alla radice del...

Premio Giorgio Lago, nuovi talenti del giornalismo 2021

Gli studenti delle ultime classi dei licei del Veneto sono invitati a realizzare un articolo indagando il ruolo della cultura nella società di oggi,...

Sabato il gazebo in Piazza dei Martiri per la legge antifascista “Stazzema”

Sarà presente in Piazza dei Martiri dalle 9.00 alle 13.00 di sabato 6 e di sabato 13 marzo nello spazio tra i due bar...

4500 euro dalle Pro Loco bellunesi all’Ulss Dolomiti

La pandemia da Covid -19 ha costretto nell’anno appena trascorso tutte le Pro loco Bellunesi a modificare, o in diversi casi annullare, gli eventi...
Share