13.9 C
Belluno
venerdì, Febbraio 26, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Stelle nel fango. Sabato lo spettacolo nella chiesa monumentale di Longarone

Stelle nel fango. Sabato lo spettacolo nella chiesa monumentale di Longarone

Sabato 12 ottobre 2019 alle ore 20.30 nella chiesa monumentale di Longarone si terrà la rappresentazione teatrale “Stelle nel Fango. Le gesta eroiche di soldati senza fucile” di Viviana Capraro, ingresso libero (gratuito e senza prenotazione). Si tratta dell’adattamento teatrale delle testimonianze dirette dei soccorritori del Vajont tratte da “L’abbraccio e la parola”: è un’opera che mette in scena, con parole, musica e immagini, lo straordinario abbraccio riversato dai soccorritori sulle popolazioni colpite dalla tragedia. Il loro sguardo, l’impatto traumatico, il dolore di fronte a uno scenario d’apocalisse, ma anche la forza irradiante e contagiosa della solidarietà e della speranza.

VOCI RECITANTI

Savino Liuzzi
Giulio Nardocci
Luca Vassos

Musiche di Daniele Bertoldin
Violoncello: Kateryna Bannyk

 

PROIEZIONI ed EFFETTI a cura di STUDIO GR VENEZIA

REGIA di SAVINO LIUZZI

ORGANIZZAZIONE ARTISTICA di GIANFRANCO VOLPATO

“Lo spettacolo-immersivo vedrà un intersecarsi di parole, musiche e immagini per rivivere la tragedia del Vajont da un punto di vista mai condiviso in questo modo, prediligendo le sfumature umane, l’impatto emotivo e il fardello psicologico: l’esperienza dei soccorritori che per giorni hanno dedicato i loro sforzi, la tenacia, i nervi, le preghiere e i propri sentimenti ad affrontare quest’immane catastrofe. Giovani ventenni alle prime armi o veterani, tutti hanno donato senza riserve anima e corpo in quegli attimi di morte devastante, e tutti loro sono stati catapultati in una dimensione inaspettata, in un silenzio assordante di incredulità e sfacelo apocalittico.
La penna sensibile e diretta di Viviana Capraro – nonché il suo meticoloso lavoro di ricerca profonda – ci accompagnano nei segmenti temporali del disastro del Vajont, dall’allarme dato in piena notte all’orrore dei giorni successivi, fino al trattamento delle salme recuperate, o di ciò che di loro restava.
La recitazione degli attori alternerà diversi registri interpretativi con l’indispensabile presenza di immagini e video storici d’archivio che avvolgeranno l’intera realtà scenica, per coinvolgere i membri del pubblico e immergerli nelle fasi della narrazione, come se stesse accadendo davanti ai loro occhi.”

Share
- Advertisment -

Popolari

Contrattazione sociale in provincia di Belluno: le Linee Guida per il 2021 di Cgil-Cisl-Uil

Lotta alla povertà e alla disuguaglianza sociale, politiche concrete in favore di anziani e giovani, nuove infrastrutture sanitarie per combattere la diffusione del Covid-19....

Nominati da Zaia i nuovi direttori generali della sanità veneta

Venezia, 26 febbraio 2021 - Il presidente della Regione, Luca Zaia, ha nominato oggi i nuovi direttori generali delle nove Ullss, delle due Aziende ospedaliere...

Lupo avvistato nella zona dell’Oltrerai di Ponte nelle Alpi. De Bon: «Nessun rischio per l’uomo. Ma gli animali domestici vanno custoditi adeguatamente»

I tecnici della Provincia e il consigliere delegato Franco De Bon hanno incontrato questa mattina il sindaco di Ponte nelle Alpi, per analizzare la...

Maria Grazia Carraro è il nuovo direttore generale della Ulss 1 Dolomiti

Maria Grazia Carraro, laureata in Medicina e Chirurgia all'Università di Padova, con Specializzazione in Igiene e medicina preventiva, è il nuovo direttore generale della...
Share