13.9 C
Belluno
sabato, Febbraio 27, 2021
Home Cronaca/Politica Passeri uccisi nella pasticceria in centro Cortina. Zanoni e Bigon (PD), Guarda...

Passeri uccisi nella pasticceria in centro Cortina. Zanoni e Bigon (PD), Guarda (CpV) e Bartelle (IiC): “Commessi ben cinque reati”. Centopercentoanimanisti minaccia azioni di disturbo

Venezia, 26 settembre 2019 – “Quattro passeri uccisi con la colla chimica utilizzata per catturarli, mentre un altro ha perso penne e piume ed è morto dopo due giorni di lunga agonia. Oltre ad essere una crudeltà vergognosa e gratuita su esserini che pesano appena 10 grammi, quello commesso dal gestore di una pasticceria di Cortina è un comportamento sanzionato da più reati. La Regione si impegni maggiormente nei controlli e, soprattutto, si costituisca parte civile essendo stata distrutta della fauna selvatica, che è patrimonio indisponibile dello Stato”.

A chiederlo i consiglieri Andrea Zanoni e Anna Maria Bigon (PD), Cristina Guarda (CpV) e Patrizia Bartelle (IiC) dell’Intergruppo per il benessere e la conservazione della natura e degli animali, che hanno presentato un’interrogazione su quanto accaduto nei giorni scorsi a Cortina, con il titolare dell’esercizio denunciato alla locale stazione dei carabinieri da due clienti dopo aver visto alcuni uccelli morire intrappolati alla base di una tavoletta intrisa di colla chimica, spesso chiamata impropriamente vischio. Uno di questi è stato sottratto al proprietario del locale e portato da un veterinario per le cure, che si sono però rivelate inutili.

“Sono mezzi sono assolutamente, e giustamente, vietati dalla legge 157/1992 sulla tutela della fauna selvatica. La colla chimica è trasparente, visivamente sembra acqua e così attrae gli uccellini. I gestori della pasticceria hanno commesso ben cinque reati – aggiungono, normativa alla mano – Si tratta di uccisione e maltrattamento di animali, sanzionati dal codice penale, agli articoli 554 bis e ter, con multe fino a 30mila euro e reclusione da due mesi a quattro anni; poi ancora uccellagione, utilizzo di mezzi vietati e cattura e uccisione di specie protette, proibiti sempre dalla legge 157/1992 con sanzioni previste dall’articolo 30, fino a duemila euro e un anno di arresto. Non c’è un solo motivo per giustificare un comportamento del genere, ci auguriamo che la Regione si decida a incentivare la vigilanza, con controlli preventivi per combattere l’uccellagione e la cattura dei piccoli passeriformi. Oltre, naturalmente, a costituirsi parte civile nell’eventuale processo. Quanto accaduto rende ancor più urgente l’approvazione del nostro Pdl sugli animali di affezione, che è molto dettagliato anche per quanto riguarda sanzioni e divieti, tra cui quello di vendita delle colle chimiche”.

“I passeri – ricorda in chiusura il presidente dell’Intergruppo Andrea Zanoni – sono una specie in costante declino in tutta Europa; in molte città e paesi del Veneto sono già scomparsi, nonostante un tempo fossero presenti ovunque con il loro svolazzare e il loro tipico cinguettio. Le cause sono molteplici: inquinamento, pesticidi in agricoltura, trattamenti cittadini antizanzare, nuovi tetti antipassero ma anche atti di bracconaggio e di pura stupidità come questo. Andrebbero difesi e tutelati con le unghie e denti; perciò trovo barbari, riprovevoli e inspiegabili simili atti. Come ci si può accanire contro il simbolo di gioia, vita e vivacità dei nostri borghi, paesi e città? E pensare che su internet alcuni clienti avevano postato proprio come indice di bellezza della pasticceria di Cortina alcune foto dei passeri svolazzanti che mangiavano le briciole cadute a terra. Davvero, siamo senza parole”.

Duro anche il comunicato dell’associazione Centopercentoanimalisti che giudica “Vergognoso e scandaloso episodio di maltrattamento di animali presso una pasticceria della “perla” delle Dolomiti, Cortina. Colla (forse vischio) per catturare gli uccelli che “danno fastidio”. Titolare denunciato da due clienti che hanno visto dei poveri uccelli incollati alla base della trappola. Centopercentoanimalisti non esclude azioni di disturbo pesanti in futuro vs questo esercizio. Vergogna”!

Share
- Advertisment -

Popolari

L’assessore Lanzarin risponde sui 52 milioni destinati alle Ulss venete, esclusa Belluno

Dopo le varie proteste per i mancati stanziamenti della Regione Veneto all'Ulss 1 Dolomiti (nulla dei 52 milioni), nell'ordine, quella del sindaco di Belluno...

Italia Polo Challenge. Questa mattina la sfilata in centro Cortina preceduti dai carabinieri a cavallo

Italia Polo Challenge, evento che conferma il polo ‘on snow’ tra gli appuntamenti sportivi più attesi di Cortina d’Ampezzo, prosegue, seppure a porte chiuse,...

Attraversamenti faunistici. De Bon: «Obiettivo sicurezza, per gli automobilisti e per gli animali»

Provincia di Belluno e Veneto Strade sono al lavoro per prevenire gli incidenti stradali che coinvolgono la fauna selvatica. Negli ultimi vent'anni infatti sono...

Il saluto al nuovo direttore generale dell’Ulss 1 Maria Grazia Carraro

L’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della Provincia di Belluno dà il benvenuto alla dottoressa Maria Grazia Carraro, che per i prossimi 5 anni sarà...
Share