13.9 C
Belluno
giovedì, Giugno 17, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Comincio dai 3 riparte a Feltre.

Comincio dai 3 riparte a Feltre.

Se il tuo piano è per 1 anno, pianta il riso.
Se il tuo piano è per 10 anni, pianta alberi.
Se il tuo piano è per 100, educa i bambini.
Confucio

A partire da questa citazione di Confucio, riparte a Feltre , Comincio dai 3 – progetto di educazione teatrale composto di spettacoli – stagione per le nuove generazioni e laboratori nelle scuole – realizzato in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, da Tib Teatro per la direzione artistica di Daniela Nicosia, rendendo palese l’attenzione rivolta dal Comune di Feltre alle nuove generazioni attraverso pratiche artistiche condivise che coniugano il fare e il fruire Teatro. L’obiettivo percorso dal progetto culturale Comincio dai 3 è infatti quello di operare, attraverso il teatro e le discipline ad esso connesse, a favore della qualità della vita delle persone, in particolare dei giovani, e delle comunità nelle quali esso si dispiega. Comincio dai 3 fa parte di un’ampia progettualità denominata EDUCARE alle EMOZIONI, che Tib realizza con e per i giovani con differenti iniziative di formazione, programmazione e produzione.

Daniela Nicosia, direttore artistico Tib

“Riteniamo – afferma il direttore artistico Daniela Nicosia – che uno dei nodi del percorso di crescita dei più giovani, stia proprio nella capacità di esprimere le proprie emozioni, conoscerle, condividerle e coltivarle. Esse costituiscono un tassello importante del processo evolutivo della persona, alla cui formazione il teatro può concorrere grazie al suo particolare linguaggio e grazie al contesto condiviso che caratterizza il rito teatrale”. Un progetto culturale esteso e multiforme, Comincio dai 3, che nella condivisione di esperienze ed emozioni ha tessuto la sua identità, quell’essere contenitore di me, di te, di noi che è proprio del teatro quando si fa nutrimento dell’individuo, strumento di crescita, di inclusione sociale, di sviluppo.

“La fruizione e la pratica del teatro consentono, infatti, ai giovani la scoperta e lo sviluppo di capacità comunicative e relazionali insospettate, favorite da una ritrovata familiarità con la propria sfera emotivo-sentimentale. Conoscere il teatro è, pertanto, sia un prezioso veicolo di relazione per i giovani, sia un importante stimolo per lo sviluppo della personalità attraverso un’attività che favorisce i processi di aggregazione e socializzazione, l’educazione all’espressione e alla cultura delle proprie emozioni, intese quali primo nutrimento della persona, nel complesso percorso di costruzione della propria identità.
Nella conoscenza del linguaggio teatrale, attraverso la visione di spettacoli di qualità interpretati da professionisti del settore, può tradursi efficacemente quel concetto di cultura dei legami che dal rapporto interpersonale si estende a quello tra diverse culture e diversi linguaggi. Perché il teatro è già in sé coacervo di più segni che, dalla psicologia alla musica, dall’estetica alla letteratura, dalla filosofia alle arti visive, si incontrano e si fondono per la realizzazione di un progetto espressivo e poetico ad un tempo. Donare ai giovani questa capacità di sintesi e di analisi, questa occasione di conoscere e di conoscersi, questa immersione in altri immaginari e altre culture, ha in sé diffuse valenze educative.”

A partire da queste premesse la stagione per le nuove generazioni 2019-2020 realizzerà dieci repliche di spettacoli per le scuole – dall’infanzia alle secondarie di secondo grado – e per le famiglie. Con il patrocinio di Fondazione Dolomiti Unesco e Centro Internazionale Civiltà dell’Acqua andrà in scena in apertura di stagione il 17 ottobre, per le scuole secondarie di primo e secondo grado, nel 56° anniversario della tragedia Vajont. Viaggio nell’Oltre di e con Susanna Cro – Primo Premio Actors and Poetry e Vincitrice del Premio Firenze Europa – con musiche originali eseguite dal vivo con tecnologie e strumenti di ultima generazione dal compositore Diego De Pasqual, musiche che compongono unitamente al testo una partitura evocativa, commovente di notevole spessore.

Per il progetto accoglienza il 4 e 5 febbraio per le scuole primarie e secondarie di primo grado Robinson Crusoe. Rilettura scenica del romanzo di Daniel Defoe del 1719, lo spettacolo ha vinto il Premio Padova 2016 – Amici di Emanuele Luzzati al XXXV Festival Nazionale del Teatro per i Ragazzi, per il coraggio e l’intelligenza con cui sceglie di affrontare temi delicati e ancora attuali: libertà personale, rispetto dell’alterità e dei diritti umani.
Di particolare suggestione per l’innovatività del linguaggio scenografico e la tematica storica sempre per le scuole secondarie di primo e secondo grado in scena il 3 febbraio Via di lì. Storia del Pugile Zingaro, tratto dal romanzo Alla fine di ogni cosa di Mauro Garofalo lo spettacolo testimonia una “piccola” vicenda umana per raccontare la Storia e una delle sue più grandi tragedie: il genocidio di intere etnie, culture e diversità ad opera dei nazisti. La vicenda di Johann Trollmann, detto Rukeli, pugile nella Germania degli anni 30, testimonia quanto lo sport possa farci crescere e cambiare, cosa voglia dire convivere con la propria identità e diversità, come un sogno possa sfidare i pregiudizi.

Per i più piccoli delle scuole dell’infanzia e primarie per il progetto affettività il 12 e 13 novembre Coccole una favola sul tema dell’accettazione e della solitudine infantile. Chi si sente solo, soffre due volte: per la solitudine in sé e per la delusione di veder fallire i propri tentativi di porsi in relazione agli altri. E ciò che accade a Tobia il protagonista della nostra storia. Emarginazione, diversità, desiderio di sentirsi accolti: queste le tematiche sottese al testo che, con semplicità, veicola attraverso la comunicazione emotiva propria del linguaggio teatrale, concetti importanti nell’età evolutiva quali l’autostima, nella convinzione che dal cuore si può raggiungere la mente e che nella leggerezza della forma, secondo la lezione di Calvino, risieda una risorsa. Ed ancora per le scuole dell’infanzia il 13 febbraio per il progetto ambiente Chicco di Grano una favola dal sapore antico, per pupazzi e narrazione, sull’amore per la natura e la ciclicità delle stagioni.

D’eccellenza, come di consueto, la programmazione per le famiglie con spettacoli vincitori di importanti premi nazionale: particolarmente innovativo in scena sabato 7 dicembre lo spettacolo Come nelle Favole di Enrico Castellani e Valeria Raimondi di Babilonia Teatri – artisti di rilievo internazionale, vincitori del Leone d’Argento alla Biennale Teatro e di due Premi Ubu – che tratta con la delicatezza di una favola per i più piccoli il tema del lavoro minorile. Spettacolo questo incastonato tra storie della tradizione favolistica come Jack e il Fagiolo Magico il 16 novembre con gli elementi scenici dell’artista visivo di rilevanza europea Marcello Chiarenza, e in chiusura di stagione il 22 febbraio una straordinaria messinscena del Pinocchio di Collodi!
Diversi spettacoli in cartellone propongono l’interazione tra il lavoro d’attore e la musica dal vivo e proiezioni multimediali, e tutti caratterizzati da testi originali di drammaturgia contemporanea.
Ampia l’offerta formativa di Laboratori Scolastici per le differenti fasce d’età: Di Soffio in Soffio sulla vocalità, il suono e la musica e Una Settimana da Favola per le scuole dell’infanzia e le primarie, Leggere Emozioni – sulla lettura per le scuole secondarie di primo grado – e Il Corpo delle Emozioni per le secondarie di secondo grado. Percorsi di formazione che intendono stimolare i ragazzi nell’elaborazione e nell’espressione delle emozioni, valorizzando la persona e l’impegno individuale, favorendo il superamento della timidezza, in un contesto e per un obiettivo condiviso, favorendo la relazione e la coesione col gruppo classe.

SCUOLE A TEATRO
Per le repliche scolastiche il costo dei biglietti per uno spettacolo è di 6 euro a bambino, per prenotazioni contestuali a 2 spettacoli 10 euro.
PRENOTAZIONI PER LE SCUOLE in corso da subito.

FAMIGLIE A TEATRO
ABBONAMENTI (tessera valida per 3 spettacoli): bambini 12 euro – adulti 27 euro
BIGLIETTI per i singoli spettacoli: bambini 6 euro – adulti 12 euro
CAMPAGNA ABBONAMENTI FAMIGLIE A TEATRO in corso da subito

INFO E PRENOTAZIONI: Tib Teatro dal martedì al venerdì dalle 10 alle 13 al numero 0437-950555

Share
- Advertisment -

Popolari

Contributi per 500mila euro dalla Provincia per gli impianti di risalita

Nelle prossime settimane saranno erogati i contributi economici agli impianti di risalita. Una manovra da 500mila euro varata dalla Provincia nel dicembre scorso e...

Antonio Bortoli eletto presidente dell’Associazione Arianna Il Filo della Solidarietà di Feltre

Antonio Bortoli è stato eletto alla presidenza dell'Associazione Arianna Il Filo della Solidarietà di Feltre. Sarà coadiuvato da Luca Pioggia Todoerto come vicepresidente, dal...

Avevo 16 anni. Documentario sulla Notte di Santa Marina. Venerdì e sabato a Feltre

Venerdì 18 e sabato 19 giugno 2021, nella Chiesa di Santa Maria degli Angeli a Feltre si terrà la serata dal titolo "Avevo 16...

Presentato il Documento di economia e finanza regionale DEFR 2022-2024

Venezia, 17 giugno 2021 - L’assessore regionale alla Programmazione, Attuazione del Programma e Bilancio, Francesco Calzavara, anche a nome del presidente Luca Zaia, ha illustrato...
Share