13.9 C
Belluno
mercoledì, Febbraio 24, 2021
Home Cronaca/Politica Il referendum sulla separazione Venezia - Mestre si farà: il Consiglio di...

Il referendum sulla separazione Venezia – Mestre si farà: il Consiglio di Stato smentisce il Tar, decideranno i cittadini. Erika Baldin: è la vittoria della democrazia diretta

Erika Baldin, consigliere regionale

Il Consiglio di Stato, smentendo la precedente risoluzione del Tar del Veneto del 14 agosto 2018, ha deciso che il quinto referendum per la separazione tra Venezia e la terraferma si farà.
Una vittoria netta e che finalmente non può essere più messa in discussione da parte dei comitati promotori: ora la giunta Zaia convochi immediatamente i comizi elettorali.

“Per noi del Movimento 5 Stelle – afferma la capogruppo in Consiglio regionale Erika Baldin – Quando si affermano i princìpi della democrazia diretta è sempre un bel giorno. In questo caso è giusto che decidano i veneziani, i mestrini, gli abitanti delle altre municipalità se istituire (o meno) entità autonome rafforzate e magari uno statuto speciale per la città d’acqua e la laguna, i cui problemi non possono essere assimilati a quelli di alcun altro luogo. Con la pronuncia del Consiglio di Stato viene anche sconfitto chi ha fatto di tutto per impedire lo svolgersi di questa consultazione”. Il riferimento è chiaramente al Sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro.

“Lui e Zaia hanno fatto di tutto per tappare la bocca ai cittadini, più di 10mila persone hanno chiesto un referendum e finalmente potranno esprimersi. – prosegue l’ex candidato presidente del Movimento 5 Stelle, Jacopo Berti – Un gruppo di indomiti cittadini ha avuto la meglio contro la Regione che ha provato a bloccare questo percorso di democrazia. Questa sentenza è il simbolo dei veneziani che si ribellano all’arroganza della politica che vuole tappargli la bocca e decidere per loro.

Immediatamente deve essere fissata la data, la politica tolga i bastoni tra le ruote della comunità veneziana.
Io per primo ho portato in aula la richiesta per questo referendum, la democrazia diretta deve essere un faro sempre!”

Il M5S comunque -almeno per il momento- non ha dato indicazioni di voto per il referendum dell’autonomia veneziana: “Non mettiamo cappello sulla sovranità popolare – conclude Erika Baldin – ma a chi ne ha diritto chiediamo di informarsi, decidere e andare a votare in massa”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Rinnovo cariche all’Ebav. Alessandro Conte (Cna Veneto) alla presidenza. Giannino Rizzo (Uil) vice presidente. Nel consiglio Rudy Roffarè (Cisl Veneto)

Venezia 24 febbraio 2021 – L'assemblea EBAV riunitasi martedì 23 febbraio, ha rinnovato il Consiglio di Amministrazione dell'Ente Bilaterale dell'Artigianato Veneto e ha nominato...

Scuola. L’assessore regionale Donazzan scrive al ministro Bianchi: investire su organici. 3mila docenti licenziati perché in possesso del vecchio diploma magistrale

Venezia, 24 febbraio 2021   “Ho colto con favore l’invito del Ministro Bianchi ad avviare una positiva interlocuzione con i territori a partire dal raccogliere...

Ufficializzato il programma del 36° Rally Bellunese del 17-18 aprile

Il programma del 36° Rally Bellunese è stato ufficializzato. La corsa, valida come prova inaugurale della Coppa Rally 4^ zona (comprendente le province di Belluno...

Alla TecnoSport di Belluno la nuova Ducati Multistrada V4 da 170 cavalli

Per la stagione 2021, è pronto alla Tecnosport di Belluno un nuovo enduro stradale in grado di soddisfare le aspettative del motociclista più esigente,...
Share