13.9 C
Belluno
domenica, Aprile 11, 2021
Home Cronaca/Politica Il referendum sulla separazione Venezia - Mestre si farà: il Consiglio di...

Il referendum sulla separazione Venezia – Mestre si farà: il Consiglio di Stato smentisce il Tar, decideranno i cittadini. Erika Baldin: è la vittoria della democrazia diretta

Erika Baldin, consigliere regionale

Il Consiglio di Stato, smentendo la precedente risoluzione del Tar del Veneto del 14 agosto 2018, ha deciso che il quinto referendum per la separazione tra Venezia e la terraferma si farà.
Una vittoria netta e che finalmente non può essere più messa in discussione da parte dei comitati promotori: ora la giunta Zaia convochi immediatamente i comizi elettorali.

“Per noi del Movimento 5 Stelle – afferma la capogruppo in Consiglio regionale Erika Baldin – Quando si affermano i princìpi della democrazia diretta è sempre un bel giorno. In questo caso è giusto che decidano i veneziani, i mestrini, gli abitanti delle altre municipalità se istituire (o meno) entità autonome rafforzate e magari uno statuto speciale per la città d’acqua e la laguna, i cui problemi non possono essere assimilati a quelli di alcun altro luogo. Con la pronuncia del Consiglio di Stato viene anche sconfitto chi ha fatto di tutto per impedire lo svolgersi di questa consultazione”. Il riferimento è chiaramente al Sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro.

“Lui e Zaia hanno fatto di tutto per tappare la bocca ai cittadini, più di 10mila persone hanno chiesto un referendum e finalmente potranno esprimersi. – prosegue l’ex candidato presidente del Movimento 5 Stelle, Jacopo Berti – Un gruppo di indomiti cittadini ha avuto la meglio contro la Regione che ha provato a bloccare questo percorso di democrazia. Questa sentenza è il simbolo dei veneziani che si ribellano all’arroganza della politica che vuole tappargli la bocca e decidere per loro.

Immediatamente deve essere fissata la data, la politica tolga i bastoni tra le ruote della comunità veneziana.
Io per primo ho portato in aula la richiesta per questo referendum, la democrazia diretta deve essere un faro sempre!”

Il M5S comunque -almeno per il momento- non ha dato indicazioni di voto per il referendum dell’autonomia veneziana: “Non mettiamo cappello sulla sovranità popolare – conclude Erika Baldin – ma a chi ne ha diritto chiediamo di informarsi, decidere e andare a votare in massa”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Meteo, criticità fino a martedì. Temporali e neve fino a 1000 metri. Pericolo valanghe

Venezia, 11 aprile 2021 - La perturbazione che sta interessando il Veneto ha spinto il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile della Regione a dichiarare...

Mortalità, covid, economia, politica * di Enzo De Biasi

Covid 19: Vaccinare tutti e presto, oltre che una protezione sanitaria, rappresenta il primo mattone vero per la ripresa economica. Draghi può procedere anche...

E’ morta Amalia, titolare del caffè Commercio per quasi 50 anni

Belluno, 11 aprile 2021 - E’ morta nella notte all’ospedale di Belluno dove era ricoverata da due mesi Amalia Zoldan, avrebbe compiuto 85 anni...

Dal 16 al 22 aprile statale chiusa a Gravazze per realizzazione sottopasso ciclabile

Santa Giustina - Inizieranno il 16 aprile i lavori per la realizzazione di un sottopasso ciclabile in località Gravazze, all’interno dell’importante opera inserita come...
Share