13.9 C
Belluno
lunedì, Aprile 19, 2021
Home Cronaca/Politica Tappa di UrbaBio a Annecy.  Stefania Ganz: «Il recupero delle aree abbandonate...

Tappa di UrbaBio a Annecy.  Stefania Ganz: «Il recupero delle aree abbandonate è tendenza europea»

Stefania Ganz, assessore

Ultima tappa del progetto UrbaBio in Francia, ad Annecy, dove a rappresentare il Comune di Belluno era presente l’assessore alle politiche ambientali, Stefania Ganz: «Anche qui, come a Belluno, si punta sul recupero delle aree abbandonate, anche sotto il profilo ambientale. Quello della rigenerazione è un tema dal deciso respiro
europeo, e iniziative di confronto e di scambio di esperienze come questa rafforzano ancora di più il nostro impegno in questa direzione».
La delegazione ha infatti potuto osservare da vicino il connubio tra città e fiume e i progetti messi in atto per aumentare la biodiversità urbana: «Nei tratti fluviali sono stati realizzati interventi di riqualificazione di
ingegneria ambientale, mentre nei parchi cittadini vengono coniugati aspetti culturali, ambientali e di sostenibilità. – spiega Ganz – Sono tutte iniziative interessanti, che possono essere d’ispirazione e “copiate” nelle realtà aderenti al progetto».

Qualche esempio? «Nei quartieri residenziali, nelle isole verdi sono stati realizzati degli orti urbani, dove i cittadini coltivano frutta e ortaggi per l’autoconsumo; in centro città, presto partiranno i lavori per il recupero delle vecchie stalle e maneggi e la loro trasformazione in luoghi aperti alla popolazione, per destinarli alla rinaturalizzazione dell’area con specie autoctone. – spiega l’assessore – Sempre in questa direzione, abbiamo potuto osservare da vicino il progetto degli “apiari urbani”, aree che incentivano il ciclo della biodiversità grazie alla presenza di diverse
specie di piante e uccelli, oltre alla fondamentale presenza delle api, la cui sopravvivenza è sempre più a rischio a livello globale».

Iniziative che accomunano le realtà aderenti a UrbaBio: anche a Belluno, infatti, sono attivi da anni gli orti sociali, così come i progetti di rigenerazione urbana, che tra le Dolomiti hanno interessato anche edifici ​e aree abbandonati o in stato di degrado (come le ex caserme Piave e Fantuzzi, la scuola Gabelli, il ponte sul Gresal,…), oltre al Parco Fluviale di Lambioi, poi distrutto dal passaggio della tempesta Vaia.
«Il paesaggio naturale qui entra in città, e li si fa convivere. – conclude Ganz – Questi due mondi si integrano sotto il profilo ambientale, culturale e urbanistico, in una realtà a misura di cittadino e nel rispetto della biodiversità: un esempio per tutte le città alpine con una visione moderna ed europea».

Il progetto UrbaBio, promosso dall’Associazione Città Alpina dell’Anno, si propone un riutilizzo sostenibile delle aree di riconversione esistenti e vuole dare un forte contributo alla biodiversità nei contesti urbani, anche
con occasione di confronto e discussione tra le realtà coinvolte.
Le città coinvolte nel progetto sono Belluno (da dove il progetto ha preso il via lo scorso settembre) e Trento per l’Italia e Chambery e Annecy per la Francia.

Share
- Advertisment -

Popolari

Campagna vaccinale Ulss Dolomiti: vaccinati il 92% degli ultraottantenni in Provincia

Belluno, 19 aprile 2021 - Si è conclusa nel pomeriggio l'ultima giornata di accesso libero per gli over 80 a Tai di Cadore, con...

Sopralluogo alla frana di Valle di Cadore. Bortoluzzi: «Studiamo la situazione geologica per ipotizzare gli interventi più funzionali»

I tecnici incaricati dalla Provincia di Belluno hanno effettuato una serie di sopralluoghi a Valle di Cadore, lungo il versante sotto l'abitato di Costa...

Karrycar, il primo servizio on line per il trasporto auto in tutta Italia realizzato dalla startup bellunese Droop srl.

Belluno, 19 aprile 2021 - Spedire o ritirare un’auto da un punto all’altro dell’Italia non è mai stato così facile, veloce e conveniente. E’...

Superbonus 110%. Veneto in testa per numero di pratiche

Secondo i dati ENEA, nel Nordest, i crediti ceduti sono pari a 128 milioni di euro e il Veneto con 853 interventi asseverati è...
Share