13.9 C
Belluno
domenica, Marzo 7, 2021
Home Cronaca/Politica Tappa di UrbaBio a Annecy.  Stefania Ganz: «Il recupero delle aree abbandonate...

Tappa di UrbaBio a Annecy.  Stefania Ganz: «Il recupero delle aree abbandonate è tendenza europea»

Stefania Ganz, assessore

Ultima tappa del progetto UrbaBio in Francia, ad Annecy, dove a rappresentare il Comune di Belluno era presente l’assessore alle politiche ambientali, Stefania Ganz: «Anche qui, come a Belluno, si punta sul recupero delle aree abbandonate, anche sotto il profilo ambientale. Quello della rigenerazione è un tema dal deciso respiro
europeo, e iniziative di confronto e di scambio di esperienze come questa rafforzano ancora di più il nostro impegno in questa direzione».
La delegazione ha infatti potuto osservare da vicino il connubio tra città e fiume e i progetti messi in atto per aumentare la biodiversità urbana: «Nei tratti fluviali sono stati realizzati interventi di riqualificazione di
ingegneria ambientale, mentre nei parchi cittadini vengono coniugati aspetti culturali, ambientali e di sostenibilità. – spiega Ganz – Sono tutte iniziative interessanti, che possono essere d’ispirazione e “copiate” nelle realtà aderenti al progetto».

Qualche esempio? «Nei quartieri residenziali, nelle isole verdi sono stati realizzati degli orti urbani, dove i cittadini coltivano frutta e ortaggi per l’autoconsumo; in centro città, presto partiranno i lavori per il recupero delle vecchie stalle e maneggi e la loro trasformazione in luoghi aperti alla popolazione, per destinarli alla rinaturalizzazione dell’area con specie autoctone. – spiega l’assessore – Sempre in questa direzione, abbiamo potuto osservare da vicino il progetto degli “apiari urbani”, aree che incentivano il ciclo della biodiversità grazie alla presenza di diverse
specie di piante e uccelli, oltre alla fondamentale presenza delle api, la cui sopravvivenza è sempre più a rischio a livello globale».

Iniziative che accomunano le realtà aderenti a UrbaBio: anche a Belluno, infatti, sono attivi da anni gli orti sociali, così come i progetti di rigenerazione urbana, che tra le Dolomiti hanno interessato anche edifici ​e aree abbandonati o in stato di degrado (come le ex caserme Piave e Fantuzzi, la scuola Gabelli, il ponte sul Gresal,…), oltre al Parco Fluviale di Lambioi, poi distrutto dal passaggio della tempesta Vaia.
«Il paesaggio naturale qui entra in città, e li si fa convivere. – conclude Ganz – Questi due mondi si integrano sotto il profilo ambientale, culturale e urbanistico, in una realtà a misura di cittadino e nel rispetto della biodiversità: un esempio per tutte le città alpine con una visione moderna ed europea».

Il progetto UrbaBio, promosso dall’Associazione Città Alpina dell’Anno, si propone un riutilizzo sostenibile delle aree di riconversione esistenti e vuole dare un forte contributo alla biodiversità nei contesti urbani, anche
con occasione di confronto e discussione tra le realtà coinvolte.
Le città coinvolte nel progetto sono Belluno (da dove il progetto ha preso il via lo scorso settembre) e Trento per l’Italia e Chambery e Annecy per la Francia.

Share
- Advertisment -

Popolari

Gli interventi di soccorso di domenica

Belluno, 07 - 03 - 21  Le squadre del Soccorso alpino di Belluno sono state impegnate dal pomeriggio in due interventi. Alle 15.20 è...

L’equipaggio Fontanella-Covelli su Lancia Aprilia del 1939 vince l’8va WinteRace a Cortina. Tre vittorie in otto edizioni

Cortina d’Ampezzo, 7 marzo 2021: Gianmario Fontanella con la moglie Annamaria Covelli, della scuderia Classic Team ASD si sono aggiudicati per la terza volta...

8 marzo, Unicef a fianco alle donne. Zoleo: “In Italia c’è un femminicidio ogni 3 giorni e quasi quotidianamente un tentativo di violenza”

L’Unicef in occasione dell’8 marzo, festa della Donna, ha promosso la campagna contro “la violenza di genere” cioè la violenza contro le donne, le...

8 marzo. Berton: “Ancora tanta strada da fare. La pandemia non ci deve travolgere”

“C’è ancora tanta strada da fare per arrivare a una uguaglianza effettiva e sostanziale per le donne di questo Paese, quella “delle parole” c’è...
Share