13.9 C
Belluno
martedì, Maggio 21, 2024
HomeCronaca/PoliticaGuarda (AMP): “Ulss Berica, i lavoratori continuano a guadagnare tre euro l’ora...

Guarda (AMP): “Ulss Berica, i lavoratori continuano a guadagnare tre euro l’ora nella totale indifferenza di Regione e Azienda Zero”

Cristina Guarda, consigliere regionale

“I lavoratori che si occupano del servizio di guardiania e vigilanza per la Ulss Berica continuano a guadagnare poco più di tre euro l’ora nel silenzio totale di Giunta e Azienda Zero. Un silenzio preoccupante, che dura da mesi e che di fatto ci fa temere l’assenso a un trattamento economico, e non solo, indecente. Occorre fermare quest’ingiustizia, ancor più intollerabile considerato che avviene all’interno di strutture del sistema sanitario pubblico”.

Cristina Guarda, consigliera regionale della Lista Amp torna sul caso dell’appalto per l’esternalizzazione dei servizi di vigilanza attiva e attività correlate e di guardiania dell’Ulss 8, dopo aver incontrato oggi a Vicenza alcuni lavoratori e i loro rappresentanti sindacali.

“Dobbiamo continuare a denunciare, uniti, per superare il silenzio della Giunta: ho presentato un’interrogazione ormai il 13 dicembre dello scorso anno ma ancora siamo in attesa di risposta. La vicenda è direttamente collegata a un appalto indetto dalla Regione, per cui è doppiamente grave il mancato intervento a tutela di queste persone. Il nuovo contratto, per i dipendenti ex Rekeep ha significato salari ridotti del 30%, non riconoscimento della maggiorazione per il turno notturno, della quattordicesima e del buono pasto. Con la nascita di Azienda Zero la Regione aveva assicurato grandi risparmi per la sanità veneta, ma senza specificare che sarebbero avvenuti sulla pelle dei lavoratori. E, comunque, il risparmio non può essere il solo criterio premiante per l’affidamenti dei servizi pubblici. Deve esserci una responsabilità sociale, altrimenti è una giungla in cui vale solo la legge del più forte: il datore di lavoro”.

- Advertisment -

Popolari