13.9 C
Belluno
martedì, Maggio 28, 2024
HomeLettere OpinioniAzzalin (PD): "Anche sul Mose Zaia chiede soldi a Roma e cita...

Azzalin (PD): “Anche sul Mose Zaia chiede soldi a Roma e cita a sproposito l’autonomia. Ancora non ha capito che l’eventuale trasferimento di competenze sarà a saldo zero”

Graziano Azzalin – consigliere regionale Pd

Venezia, 9 maggio 2019  –  “Zaia da Roma vuole solo ‘onori’ e niente ‘oneri’. La sparata sul Mose, tirando in ballo l’autonomia, è ridicola”. Non usa mezzi termini il consigliere del Partito Democratico Graziano Azzalin commentando il secco no del governatore alla tassa di scopo per il mantenimento del sistema di dighe mobili proposto dal ministero delle Infrastrutture con un emendamento inserito nello Sblocca cantieri.

“Al di là della guerra continua su qualsiasi argomento tra gli alleati di governo Lega e Cinque Stelle che sta provocando danni pesantissimi al Paese, la reazione di Zaia è incomprensibile: non si capisce a che titolo la manutenzione di un’opera, certo di importanza nazionale, non debba prevedere una compartecipazione locale. Sicuramente è inaccettabile che continui a mettere in mezzo l’autonomia come eventuale ‘precondizione’ per pagare il Mose: gli ricordiamo per la centesima volta che il trasferimento di competenze, se e quando avverrà, sarà a costo zero per lo Stato.

La Regione non avrà un euro in più. E come vorrebbe, dunque, sostenere questa spesa visto che oltretutto continua a farsi vanto del ‘Veneto Tax Free?”.

- Advertisment -

Popolari