13.9 C
Belluno
martedì, Marzo 9, 2021
Home Cronaca/Politica Piano casa, il consiglio regionale approva. Assessore Corazzari: "Una grande opportunità, in...

Piano casa, il consiglio regionale approva. Assessore Corazzari: “Una grande opportunità, in coerenza con il termine del 2050 fissato dalla Ue”

Cristiano Corazzari, assessore regionale

Venezia, 27 marzo 2019  –  “Finalmente, con il voto di oggi in Consiglio regionale si concretizza una nuova filosofia nell’approccio con la riqualificazione del territorio veneto, puntando sulla sua rinaturalizzazione, sul miglioramento della vita nei tessuti cittadini e sulla cancellazione degli edifici incongrui che deturpano l’armonia del paesaggio. Questo, mantenendo l’assetto del piano casa nel rispetto delle necessità delle famiglie ma anche intervenendo con un’azione di più ampio respiro verso la realtà imprenditoriale”.

L’assessore al Territorio della Regione del Veneto accoglie così l’approvazione del progetto di legge n.402, proposto dalla Giunta regionale, in merito a “Politiche per la riqualificazione urbana e l’incentivazione alla rinaturalizzazione del territorio veneto”, votata oggi dal Consiglio di Palazzo Ferro Fini. Un provvedimento – in coerenza con gli indirizzi dell’Unione Europea che fissano per l’anno 2050 il termine per l’azzeramento del consumo del suolo – le cui finalità sono la rinaturalizzazione del suolo insieme ad una riqualificazione del patrimonio immobiliare, promuovendo interventi mirati al miglioramento e riordino dei centri urbani oltre che alla valorizzazione ambientale del territorio.

“Le necessità dei nuclei familiari mirate a piccoli ampliamenti o piccole modifiche continuano a essere soddisfatte – sottolinea l’Assessore-. Ma la legge punta anche a favorire la riqualificazione ambientale, dando la possibilità di intervenire sugli edifici purché con interventi mirati alla qualità architettonica e alla sostenibilità ambientale. Ciò significa, ad esempio, edifici realizzati con materiali di recupero, senza barriere architettoniche, con coperture a verde, pareti ventilate, recupero dell’acqua piovana, con adeguati standard energetici”.

“Il vero salto in avanti che il Veneto compie con questa legge – aggiunge l’Assessore – è quell’operazione che in inglese si chiama cleaning. Significa una riqualificazione del territorio partendo da quelle costruzioni che lo deturpano e ne compromettono il paesaggio. Il Veneto è disseminato di edifici esteticamente impropri oltre che incongrui e non più adatti all’uso per cui sono sorti. Sono previsti crediti edilizi da rinaturalizzazione a cui sono connesse specifiche premialità, anche in termini volumetrici, consentendone la demolizione e l’edificazione di nuovi in un’ottica di riordino urbano. La nuova legge è una grande opportunità per definire il territorio Veneto del futuro”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Comuni e Recovery Plan. Massaro: «Cambiare le regole o non riusciremo a spendere nulla»

Incontro questa mattina tra i vertici dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani e il Ministro alla Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta; al centro del confronto, il Recovery...

Festa della Donna e Sex Work: 120.000 donne non sono tutelate in Italia. Pia Covre: “Nessuna donna è colpevole o vittima perché sex worker”

8 marzo 2021 – In Italia si contano almeno 120.000 sex worker e circa 20 milioni di clienti annui. Solo nella dimensione online Escort...

Lupo. Bortoluzzi: «Presenza sempre più vicina alle case, serve un piano di gestione diverso»

«Per la tutela della piccola agricoltura di montagna, degli hobbisti dell’allevamento e anche in ottica di mantenimento del territorio serve un piano di gestione...

Una maxi coperta ai piedi delle Tre Cime di Lavaredo per dire no alla violenza sulle donne

L’associazione UP – I Sogni fuori dal cassetto porta sulle Dolomiti “Viva Vittoria”: progetto d’arte relazionale, già sperimentato in numerose piazze italiane, coinvolgerà numerose...
Share