13.9 C
Belluno
martedì, Aprile 20, 2021
Home Cronaca/Politica Istituzione di una commissione di inchiesta su banche e sistema finanziario. D’Incà:...

Istituzione di una commissione di inchiesta su banche e sistema finanziario. D’Incà: “Basta truffe a danno dei risparmiatori”

Federico D’Incà, deputato (M5S)

Una commissione d’inchiesta, come un tavolo per le trattative in Italia non si nega a nessuno. E così, con voto pressoché unanime dell’Aula è passato il provvedimento che istituisce una Commissione di inchiesta sulle banche e sul sistema finanziario. La nuova Commissione farà finalmente luce sulle tante ombre del passato, e ci dirà cose che probabilmente già sappiamo, che il sistema dei controlli non ha funzionato, che serve una Procura nazionale per i reati bancari e finanziari sul modello della Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo.

“Si tratta di un atto forte – dichiara il deputato bellunese del Movimento 5 Stelle Federico D’Incà – Il nostro Paese ha bisogno di misure forti e atti concreti per evitare che ci siano ancora banchieri truffatori e cittadini spolpati dei loro risparmi. Ripercorreremo anche i tanti episodi del passato che hanno avuto risvolti enormi nel nostro Paese, ma che sono passati totalmente sottotraccia e riprenderemo tutti i più grandi scandali bancari, a partire da Monte dei Paschi di Siena da Veneto Banca e Popolare di Vicenza, chiedendo conto a chi doveva vigilare su questi casi”.

Mentre il decreto di ristoro dei risparmiatori truffati dalle banche venete è lì che boccheggia in attesa di attuazione, dopo le solenni promesse fatte a Verona dai due vicepremier.

“Punteremo i riflettori sugli amici degli amici, sui grandi debitori, su coloro che quelle banche le hanno affossate – incalza il deputato del Movimento 5 Stelle – Ma parallelamente ai grandi casi di mala gestione e truffa la Commissione analizzerà le altre cause che hanno portato al dissesto tantissime banche italiane. Sicuramente la prima causa è legata al ciclo economico e a una ripresa che non è mai avvenuta, ma non meno importante è quella legata alla regolamentazione europea e su questa ci soffermeremo nella Commissione d’inchiesta”.

“La Commissione indagherà sulle disposizioni emanate dall’autorità di vigilanza – commenta il portavoce del Movimento 5 Stelle – Penso alle linee guida e al relativo addendum della BCE in materia di gestione di NPL, linee guida che lasciano una discrezionalità immensa alla vigilanza, come abbiamo visto anche recentemente nei fatti di cronaca, ma al contempo impongono alle banche di svendere in tempi rapidissimi i debiti di risparmiatori e di imprese perché in un mercato con tantissime offerte e poca domanda se il venditore deve realizzare in tempi brevi ovviamente il prezzo crolla che è quello che sta succedendo in Veneto”.

“Anche se parla di concetti distanti, come le agenzie di rating, i requisiti patrimoniali e l’unione bancaria, questa è una proposta di legge che ha al centro le persone perché sono temi che influenzano profondamente la vita dei cittadini italiani – conclude D’Incà – Per questo avrà tutto il nostro impegno per la sua migliore riuscita. Questa volta avremo finalmente la verità”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Campagna vaccinale Ulss Dolomiti: vaccinati il 92% degli ultraottantenni in Provincia

Belluno, 19 aprile 2021 - Si è conclusa nel pomeriggio l'ultima giornata di accesso libero per gli over 80 a Tai di Cadore, con...

Sopralluogo alla frana di Valle di Cadore. Bortoluzzi: «Studiamo la situazione geologica per ipotizzare gli interventi più funzionali»

I tecnici incaricati dalla Provincia di Belluno hanno effettuato una serie di sopralluoghi a Valle di Cadore, lungo il versante sotto l'abitato di Costa...

Karrycar, il primo servizio on line per il trasporto auto in tutta Italia realizzato dalla startup bellunese Droop srl.

Belluno, 19 aprile 2021 - Spedire o ritirare un’auto da un punto all’altro dell’Italia non è mai stato così facile, veloce e conveniente. E’...

Superbonus 110%. Veneto in testa per numero di pratiche

Secondo i dati ENEA, nel Nordest, i crediti ceduti sono pari a 128 milioni di euro e il Veneto con 853 interventi asseverati è...
Share