13.9 C
Belluno
domenica, Giugno 13, 2021
Home Cronaca/Politica Disservizio al cimitero di Salce. Massaro: «Grave e ingiustificato inconveniente. Chiesta una relazione,...

Disservizio al cimitero di Salce. Massaro: «Grave e ingiustificato inconveniente. Chiesta una relazione, prenderemo provvedimenti»

Jacopo Massaro, sindaco di Belluno

«È gravissimo, inaccettabile ed ingiustificato quanto accaduto sabato pomeriggio al cimitero di Salce. È ancora più grave il fatto che ne veniamo a conoscenza solamente quattro giorni dopo e dalla stampa: abbiamo già chiesto alla cooperativa una relazione e prenderemo tutti i provvedimenti del caso»: il Sindaco di Belluno, Jacopo Massaro, esprime tutto il suo sdegno per quanto accaduto pochi giorni fa, al termine di un funerale, quando all’arrivo del feretro al cimitero si è scoperto che la fossa non era pronta e che nel luogo dove avrebbe dovuto esserci la buca era posizionato un sacco di ghiaia di 15 quintali.
«Non è la prima volta che ci giungono segnalazioni negative sull’operato della cooperativa che gestisce i servizi cimiteriali, – continua Massaro – e questa va ad aggiungersi alle altre delle quali si è discusso anche in consiglio comunale. Non possiamo assolutamente essere soddisfatti del lavoro svolto dalla cooperativa: abbiamo già effettuato alcune contestazioni e trattenuto penali (3 richiami scritti per contestazione di 8 disservizi, una trentina di ispezioni dal parte del Comune, diversi sopralluoghi da parte dell’assessore Busatta), e stiamo valutando molto attentamente il rapporto contrattuale».

Maurizio Busatta

«La risoluzione del contratto per inadempimento è sicuramente percorribile. – spiega l’assessore Maurizio Busatta – È chiaro che un provvedimento di tale natura non sarà condiviso dall’appaltatore che lo impugnerà avanti al Giudice. La controversia appartiene alla giurisdizione ordinaria e non a quella amministrativa, e la possibilità di subire tempi processuali molto lunghi è concreta. Anche per questo, la cooperativa, per le vie brevi, ha manifestato l’interesse a un accordo stragiudiziale; gli uffici stanno valutando la proposta con tempestività e, appena avremo i risultati, la Giunta li comunicherà al Consiglio comunale».
«Siamo vicini alla famiglia della donna che, oltre al dolore per la perdita, ha dovuto sopportare anche questa gravissima inefficienza ed umiliazione. – concludono sindaco e assessore – A loro possiamo solo assicurare che faremo in modo che quanto accaduto non possa ripetersi».

Share
- Advertisment -

Popolari

Ferro, vetro, legno e ceramica, protagonisti alla 35ma Mostra dell’Artigianato di Feltre

A due settimane dall’avvio della rassegna, la macchina organizzativa della 35ma edizione della Mostra dell’Artigianato di Feltre è già a pieno regime. La rassegna di...

Nuovo volume della collana “Tesori d’arte”: approfondimento sull’altare a battenti di Santa Maria a Pieve di Cadore

Una vicenda intricata e affascinante. Un oggetto d’arte che esce dalla bottega di un affermato scultore alla fine del Quattrocento e si ritrova cinque...

No paura day 4. Belluno, piazza Martiri domenica ore 19:00

Domenica 13 giugno alle ore 19:00 in piazza dei Martiri a Belluno, si terrà il quarto appuntamento bellunese con l'iniziativa "No paura day". La...

Wanbao-Acc: il sindacato si divide. FimCisl ritira la propria delegazione

“Da alcuni articoli oggi apparsi sui giornali risulta che lunedì a Mestre il segretario della Fiom Cgil Bona Stefano incontrerà il governatore Luca Zaia...
Share