13.9 C
Belluno
giovedì, Aprile 22, 2021
Home Cronaca/Politica Naja obbligatoria. Sinigaglia (PD): "Una presa in giro per illudere alcune realtà...

Naja obbligatoria. Sinigaglia (PD): “Una presa in giro per illudere alcune realtà associative. Effetti positivi solo se verrà sviluppato il servizio civile regionale”

Claudio Sinigaglia, consigliere regionale Pd

Venezia, 19 settembre 2018  –  “Una Proposta di legge che è una presa in giro, pura propaganda per illudere alcune realtà del Veneto e che non produrrà alcun effetto. I valori di solidarietà e di collaborazione possono essere promossi benissimo tramite il servizio civile volontario regionale, che però va potenziato”. Così Claudio Sinigaglia, consigliere del Partito Democratico, argomenta il ‘no’ del gruppo al Pdl statale approvato ieri sulla reintroduzione della leva obbligatoria.

“Il fatto che, pur avendo inserito tra le opzioni ‘servizio civile’, l’assessore Bottacin abbia voluto mantenere quella della ‘protezione civile’ la dice lunga su quanto sia pretestuoso il provvedimento. Gli unici effetti positivi di questa proposta di legge, che resterà ferma in Parlamento, si vedranno se sarà sviluppato il servizio civile presso la protezione civile, gli alpini e altre associazioni”, aggiunge Sinigaglia.

“La maggioranza ha in testa un modello educativo di due secoli fa: non hanno parlato con studenti, insegnanti o agenzie formative. Questo la dice lunga sul conflitto generazionale che è in atto e che sono incapaci di comprendere. Anziché dare risposte su lavoro, ricerca e istruzione si impongono modelli nostalgici, inadeguati e già superati. Ce ne siamo accorti facendo un breve sondaggio sulla rete: in pochi giorni abbiamo raccolto 800 adesioni contro la leva obbligatoria, in gran parte studenti ed insegnanti”.

Il consigliere dem padovano replica poi alle accuse di ostruzionismo da parte della maggioranza: “Hanno provato a svilire e denigrare le nostre motivazioni, in realtà abbiamo finito i lavori con una giornata di anticipo, forse non se ne sono accorte. In ogni caso – conclude Sinigaglia – questo Pdl non può essere l’ultimo atto del Consiglio collegato alle celebrazioni per la fine della Grande Guerra. Passerebbe un messaggio sbagliato. Perciò abbiamo già depositato un altro Pdl, il numero 397, ‘Veneto, terra di pace’ con cui vogliamo rilanciare dalla nostra regione un impegno costruttivo per una duratura convivenza tra i popoli e di dialogo e solidarietà con il sostegno delle principali istituzioni civili e religiose della nostra comunità Veneta”.

Share
- Advertisment -

Popolari

25 aprile, anniversario della Liberazione. La cerimonia si svolgerà on line senza pubblico

Domenica 25 aprile ricorre il 76° anniversario della Liberazione. Anche quest'anno, alla luce delle disposizioni normative collegate all'emergenza epidemiologica da Covid-19, la cerimonia si...

Bando Habitat di Fondazione Cariverona. Il Comune di Belluno cerca associazioni partner

In occasione della Giornata mondiale della terra, il Comune di Belluno pubblica l'avviso pubblico per ricercare nuove associazioni che affianchino le realtà già impegnate...

Concorso Destinazione Europea di Eccellenza 2022. L’UE rinnova il concorso EDEN per premiare le città pioniere del turismo sostenibile

Bruxelles, 22 aprile 2021 - Oggi la Commissione Europea ha lanciato il concorso Destinazione Europea di Eccellenza (EDEN) 2022. Questa iniziativa premia i migliori...

Vespa festeggia i suoi 75 anni e supera il traguardo dei 19 milioni di esemplari prodotti

Pontedera, 22 aprile 2021 - Vespa festeggia 75 anni e raggiunge lo straordinario traguardo dei 19 milioni di esemplari prodotti a partire dalla primavera...
Share