13.9 C
Belluno
domenica, Aprile 11, 2021
Home Cronaca/Politica Scuola. Baldin (M5S): "A rischio nel Bellunese il supporto scolastico specialistico per...

Scuola. Baldin (M5S): “A rischio nel Bellunese il supporto scolastico specialistico per bambini e ragazzi con disabilità visiva e uditiva, cosa sta facendo la Regione per risolvere il problema”

Erika Baldin, consigliere regionale

Cosa intende fare la giunta veneta per evitare a un gran numero di bambini di Belluno un grave disagio scolastico? Lo chiede la consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Erika Baldin in un’interrogazione a risposta immediata: il provvedimento nasce dalle notizie riguardanti il probabile annullamento del supporto scolastico specialistico per bambini e ragazzi con disabilità visiva e uditiva.

Questo problema è originato dal fatto che la cooperativa che ha vinto il nuovo appalto per il servizio non assicura il rimborso chilometrico e i 19 insegnanti non intendono accettare l’incarico, in quanto ci rimetteranno economicamente. “La conseguenza? – chiede Baldin – Semplice e drammatica, ovvero che l’anno scolastico rischia di iniziare senza i docenti di sostegno. Questo appalto è stato gestito dall’Azienda Zero e ha coinvolto tutte le sette aziende sanitarie del Veneto, quindi la situazione è davvero molto delicata”.

A Belluno sono 39 i bambini e ragazzi che avrebbero diritto a questo servizio per l’anno scolastico 2018/2019, di cui 3 frequentanti la scuola dell’infanzia, 12 la scuola primaria e 24 le scuole medie e superiori. Gli insegnanti di sostegno specializzati sono 19. In questi anni si è cercato di razionalizzare i costi, assegnando ad ogni insegnante i bambini che sono più vicini alla sua abitazione: “Quindi, ad esempio – sottolinea la consigliera – ai bambini del feltrino viene assegnato un insegnante che risiede nel feltrino. La provincia bellunese comporta infatti, a differenza delle altre province, un maggior numero di chilometri e maggiori difficoltà negli spostamenti”.

“Prendiamo atto – accusa Baldin – che l’Azienda Zero ha effettuato un taglio lineare a tutti i 7 lotti di 3mila e 500 ore. Per Belluno, quindi, prima c’erano 13mila ore per un valore di appalto di 272mila euro e adesso ci sono 9mila e 500 ore per un valore di 198mila euro. Il taglio dell’appalto per Belluno è del 27%”.

“La conseguenza più grave è che questi scolari e studenti potrebbero non avere questo sostegno specializzato e quindi non iniziare l’anno scolastico – conclude la consigliera M5S – perciò chiedo al governo veneto cosa intenda fare per evitare un danno così grave per i bambini e ragazzi e con disabilità visiva e uditiva”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Meteo, criticità fino a martedì. Temporali e neve fino a 1000 metri. Pericolo valanghe

Venezia, 11 aprile 2021 - La perturbazione che sta interessando il Veneto ha spinto il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile della Regione a dichiarare...

Mortalità, covid, economia, politica * di Enzo De Biasi

Covid 19: Vaccinare tutti e presto, oltre che una protezione sanitaria, rappresenta il primo mattone vero per la ripresa economica. Draghi può procedere anche...

E’ morta Amalia, titolare del caffè Commercio per quasi 50 anni

Belluno, 11 aprile 2021 - E’ morta nella notte all’ospedale di Belluno dove era ricoverata da due mesi Amalia Zoldan, avrebbe compiuto 85 anni...

Dal 16 al 22 aprile statale chiusa a Gravazze per realizzazione sottopasso ciclabile

Santa Giustina - Inizieranno il 16 aprile i lavori per la realizzazione di un sottopasso ciclabile in località Gravazze, all’interno dell’importante opera inserita come...
Share