13.9 C
Belluno
venerdì, Aprile 16, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Presentato in Regione il Campionato del mondo di tiro con l'arco che...

Presentato in Regione il Campionato del mondo di tiro con l’arco che si terrà a Cortina dal 4 al 9 settembre

Palazzo Balbi

Venezia, 12 luglio 2018  –  E’ stata presentata questa mattina a Palazzo Balbi a Venezia la 26ma edizione del Campionato Mondiale di Tiro con l’Arco, specialità campagna in programma dal 4 al 9 settembre prossimi a Cortina d’Ampezzo, dove già si erano disputati 18 anni fa.

“Sarà una grande occasione di visibilità per il nostro splendido territorio dolomitico – ha sottolineato Bottacin – ma anche di promozione del tiro con l’arco, sport che vanta nel Veneto e in Italia numerose società e praticanti e che ci ha regalato tanti successi mondiali e allori olimpici”.

Il sindaco e il vicesindaco di Cortina, Gianpietro Ghedina e Luigi Alverà, si sono detti entusiasti di poter ospitare ancora una volta il mondiale di questa disciplina: “Il legame tra la nostra città e il tiro con l’arco è forte e di viene da lontano – hanno evidenziato –. Noi stiamo lavorando a grandi eventi internazionali sia per l’estate che per l’inverno, convinti come siamo che… Cortina è sport”.

Il presidente del CONI Veneto, Gianfranco Bardelle, ha sottolineato il fascino del tiro con l’arco e ha ricordato che nel Veneto il 90% degli atleti pratica uno sport che non sia il calcio e che è in costante crescita l’appeal delle discipline meno famose.
È toccato poi al campione paralimpico bellunese, Oscar De Pellegrin, ricordare l’accordo di partnership che riconosceva Fitarco come “city partner” di Cortina d’Ampezzo: “Questa disciplina arcieristica trova nelle Dolomiti il suo habitat naturale – ha detto – e Cortina riesce a mettere insieme l’incanto dell’ambiente e dei paesaggi con l’attrattività del suo centro storico e i percorsi di gara individuati premiano questa varietà di offerta. Il grande messaggio che viene dall’organizzazione di questo evento, che vede la partecipazione di tante società e volontari, è che quando il Veneto dello sport lavora unito e fa squadra, i risultati non tardano a venire”.
Il presidente Fitarco, Mario Scarzella, ha sostenuto che questi mondiali sono “il fiore all’occhiello della federazione” e ha ricordato che per ottenerli la Perla delle Dolomiti ha dovuto superare le candidature di competitor agguerriti, località degli Stati Uniti e della Norvegia dove questo sport è radicato: “La vittoria di Cortina la dice lunga sulla sua bellezza e sulla sua capacità organizzativa”.
Infine, presentata da Giulio Zecchinato, presidente del Comitato regionale di Fitarco, è stata premiata la squadra veneta dei giovani arcieri che ha vinto 4 delle ultime 5 edizioni (compresa quella di giugno 2018), della finale nazionale del Trofeo Pinocchio.

XXVI WORLD ARCHERY FIELD CHAMPIONSHIPS
Cortina D’Ampezzo (Bl), 4-9 settembre 2018
NUMERI RECORD – Ad oggi sono 32 le Nazioni che prenderanno parte alla manifestazione,
esattamente come nell’ultima edizione svoltasi a Dublino nel 2016 ma, se arrivasse la
conferma di partecipazione anche dalla Costa d’Avorio, tutti e 5 i continenti sarebbero
rappresentati al 26° Campionato Mondiale Campagna di Cortina.
Sono previsti circa 300 arcieri e oltre 60 tra tecnici e dirigenti, 14 giudici di gara, oltre 100
volontari, più gli accompagnatori e il personale di World Archery e Fitarco per la gestione
dei risultati e delle riprese televisive, per un complessivo di circa 1000-1200 presenze.
Le divisioni in gara, sia senior che junior, sono tre: Arco Olimpico (Recurve), Compound e
Arco Nudo (Barebow). Per ognuno di loro la possibilità di conquistare il titolo iridato
individuale. In palio anche i titoli a squadre, sia senior che junior, maschili e femminili. Ogni
squadra è composta da tre arcieri, ognuno appartenente a una delle tre divisioni.
Queste le Nazionali partecipanti: Argentina, Australia, Austria, Belgio, Bulgaria, Canada,
Croazia, Danimarca, Spagna, Estonia, Finlandia, Francia, Gran Bretagna, Germania,
Giappone, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Messico, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi,
Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Russia, Slovenia, Svizzera, Slovacchia, Svezia, Stati Uniti
d’America, Ungheria.

I CAMPI DI GARA E IL PROGRAMMA – Il Comitato Organizzatore allestirà 3 percorsi di gara
dislocati in località Pocol, dove si disputeranno la gara di qualifica e le fasi eliminatorie. Le
finali a squadre e quelle individuali si svolgeranno invece nel centro di Cortina d’Ampezzo
per permettere alla cittadinanza di seguire in tutta sicurezza, ma da vicino, le sfide tra i
migliori arcieri del mondo.
Il programma di gara prevede la cerimonia di apertura martedì 4 settembre in Piazza
Angelo Dibona; mercoledì 5 il via alla competizione con la prima fase di qualifica su 12
bersagli a distanze sconosciute e giovedì 6 la gara su altri 12 bersagli posizionati a distanze
conosciute. Venerdì 7 le eliminatorie e le semifinali individuali, mentre sabato 8 al mattino
si disputeranno le semifinali a squadre presso Pocol e, nel pomeriggio, la carovana di
arcieri si sposterà nel centro di Cortina per le sfide che valgono il bronzo e l’oro, con
successiva cerimonia premiazione in Piazza Angelo Dibona. Domenica 9 settembre, nella
stessa location, giornata di chiusura con le finali individuali junior al mattino, le finali dei
senior al pomeriggio e in seguito la premiazione e la cerimonia di chiusura.

IL COMITATO ORGANIZZATORE – La manifestazione organizzata sotto l’egida World
Archery (Federazione Internazionale di tiro con l’Arco) conta su un comitato organizzatore
composto dalla Federazione Italiana di Tiro con l’Arco e dal Comune di Cortina d’Ampezzo.
Federazione Italiana di Tiro con l’Arco
Via Vitorchiano, 113/115 – 00189 Roma
Tel. 06 91516900 – Fax 06 91516915
C.F. 80063130159 – P.IVA 05525461009
www.fitarco-italia.org
Federazione Sportiva Nazionale
Riconosciuta dal CONI
Federazione Sportiva Paralimpica
Riconosciuta dal CIP
Il Comitato Regionale FITARCO Veneto cura il lavoro sui tre percorsi di gara con oltre 100
volontari provenienti da 20 società arcieristiche che, come sempre, non hanno fatto
mancare la loro disponibilità.

LA SPECIALITÀ TIRO DI CAMPAGNA – La specialità arcieristica Field, denominata in Italia
“tiro di campagna”, è una delle più suggestive e affascinanti e, in ambito mondiale, anche
una delle più praticate. Il tiro di campagna prevede in gara gli arcieri delle divisioni arco
olimpico, compound e arco nudo che, divisi in pattuglie, seguono dei percorsi immersi nel
verde con bersagli di varie dimensioni posizionati in pendenza a distanze sconosciute e
conosciute. La somma dei punti ottenuti nelle 24 piazzole di tiro della gara di “qualifica”
permette agli arcieri di ogni divisione di accedere alla prima fase eliminatoria, alla quale
partecipano i migliori 16 atleti e successivamente alla seconda fase eliminatoria per i
migliori 8, che decreta poi i 4 semifinalisti.
Le finali individuali, che si svolgono su un percorso composto da 4 piazzole, si disputa tra i
due arcieri di ogni divisione che tirano 3 frecce su ogni bersaglio: lo scontro diretto vede
vincente l’atleta che ottiene il maggior numero di punti al termine del percorso. La gara a
squadre prevede invece la presenza di 3 atleti per Nazione, uno per ogni divisione che si
affrontano in semifinale e poi in finale con uno scontro diretto su 4 piazzole.

ITALIA NAZIONALE LEADER DELLA DISCIPLINA – L’Italia è una delle Nazionali leader nella
disciplina Field, prevista ad oggi nel programma dei World Games, l’evento internazionale
che racchiude gli sport non inseriti nel programma dei Giochi Olimpici dove lo scorso anno
a Breslavia (Pol) l’Italia ha vinto l’oro con Amedeo Tonelli (Arco Olimpico) e con Cinzia
Noziglia (Arco Nudo) e il bronzo con Jessica Tomasi (Arco Olimpico). A parlare per gli
azzurri sono infatti i risultati internazionali inanellati nelle ultime edizioni iridate. Gli
italiani, dopo il 3° posto nel medagliere ai Mondiali Campagna di Zagabria 2013, hanno
ottenuto il primo posto nel 2016 ai Mondiali di Dublino (Irl), confermando lo stesso
risultato sia agli Europei 2015 di Rzeszow che agli Europei 2014 a Terni. Gli azzurri si sono
superati in occasione dei Campionati Continentali di specialità dello scorso anno a Mokrice
(Slo) dove hanno dominato il medagliere conquistando 17 podi (5 ori, 5 argenti e 7 bronzi).
Un risultato eccellente considerando che la seconda classificata è stata la Svezia con 5
medaglie.

Share
- Advertisment -

Popolari

Acc Mel. Bond: «ItalComp è settore strategico, intervenga Cassa depositi e prestiti rilevando una quota dell’asset»

«Se davvero il progetto ItalComp piace al governo, venga individuato come un settore strategico e come tale vada salvaguardato». È quanto afferma il deputato...

Processo penale minorile. Un webinar il 21 e 28 aprile dedicato ai progetti di messa alla prova

Un webinar formativo sul tema minori e circuito penale nel Bellunese. Il doppio appuntamento, che si terrà online nei mercoledì 21 e 28 aprile...

Ricettività turistica. De Cassan (Federalberghi):”I dati certificano il tracollo invernale”

«Purtroppo i dati contabili aggiornati al 31 marzo confermano il tracollo del comparto turistico ricettivo ed in modo particolare di quello legato alla stagione...

Parco giochi del Boscariz di Feltre, completata la sistemazione

Feltre, 16 aprile 2021 - Si sono conclusi in questi giorni i lavori di sistemazione del Parco Giochi del Boscariz, avviati già da qualche...
Share