13.9 C
Belluno
domenica, Aprile 11, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Prima uscita sui colli trevigiani e vittoriesi per il nuovo gruppo ciclistico...

Prima uscita sui colli trevigiani e vittoriesi per il nuovo gruppo ciclistico fondato dalla Consulta Giovani Alpago

Prima attività proposta dal neonato gruppo di ciclismo Cga Cycling Club fondato dalla Consulta Giovani Alpago. Domenica 1 luglio è in programma un’uscita tra i colli dell’Alta Trevigiana e il Vittoriese. La partenza è prevista alle 8.30 dalla palestra comunale di Farra. Sono 60 i km di percorrenza, per un tempo calcolato di 3 ore e un dislivello di 830 m. Percorso: Farra, La Secca, Fadalto, Vittorio Veneto, San Lorenzo, Tarzo, Revine, Fadalto e ritorno a Farra. Si tratta di un tracciato vallonato tra i paesi della pedemontana trevigiana con la salita di San Lorenzo come parte centrale del percorso (4,4 km con pendenza di media difficoltà del 6%). Lunga discesa poi verso Tarzo e Revine con l’ascesa finale al Fadalto (13 km per 2,6% di pendenza media). “Sarà un’occasione per iniziare a creare un gruppo coeso e affiatato di appassionati delle due ruote”, hanno spiegato i ragazzi della Cga che per iscrizioni e informazioni rimandano alla loro pagina e alla brochure dell’iniziativa. “Il Cga Cycling Club è nato dall’intenzione di formare un gruppo di appassionati delle due ruote con obiettivi comuni: divertimento, unione, voglia di pedalare, di migliorarsi, crescere assieme e trasmettere la passione per la bici. Con questo nuovo progetto vogliamo contribuire a far crescere il movimento sportivo promuovendo l’attività ciclistica con spirito di divertimento, senza alcuna attività di tipo agonistico”, chiariscono, “non è stata creata alcuna società o squadra di qualsiasi tipo, poiché non rientra tra i nostri obiettivi. Esiste solo la valorizzazione di iniziative a scopo benefico e dei rapporti sociali tra le persone e in particolare tra i giovani. Le attività del nostro gruppo comprendono quindi uscite di ciclismo su strada e mtb su percorsi che variano di intensità e difficoltà. Tutto ciò sarà gestito attraverso un semplice gruppo creato nei social (whatsapp) dove saranno programmate uscite derivanti dalle idee di ognuno. L’ adesione al club è aperta a tutti e non potrebbe essere altrimenti per un gruppo organizzato da un ente di volontariato come il nostro”. Per chi volesse contribuire alla crescita delle attività e della Consulta è stata stampata una tessera socio, dal valore puramente simbolico e non rilasciata da alcun ente di promozione sportiva, che riconosce semplicemente la partecipazione alla attività, disponibile presso la sede della Cga assieme a una speciale divisa griffata con il logo della consulta e realizzata grazie a degli sponsor locali. Ogni ciclista insomma è il benvenuto e pure tutti coloro che desiderano partecipare alle attività anche senza associarsi al club. I percorsi verranno tutti pubblicati e saranno consultabili sui profili social della Cga. Ezio Franceschini

Share
- Advertisment -

Popolari

Dal 16 al 22 aprile statale chiusa a Gravazze per realizzazione sottopasso ciclabile

Santa Giustina - Inizieranno il 16 aprile i lavori per la realizzazione di un sottopasso ciclabile in località Gravazze, all’interno dell’importante opera inserita come...

Borgo Valbelluna: 31^ edizione del concorso letterario nazionale “Trichiana Paese del Libro”

L’Amministrazione comunale di Borgo Valbelluna ha reso pubblico il bando della 31^ edizione del Premio Letterario Nazionale “Trichiana Paese del Libro”, concorso per racconti...

La figura dell’OSSS, Operatore Socio Sanitario Specializzato, a metà tra OSS e infermiere * di Andrea Fiocco

Si fa sempre più pressante la richiesta da parte delle RSA di avviare la formazione dei cosiddetti OSS Specializzati o con formazione complementare, gli...

Il sentiero Italia Cai, oltre 7mila chilometri in 20 regioni. Martedì in edicola lo speciale di Meridiani montagne

Milano, 9 aprile 2021 - Uno Speciale di Meridiani Montagne in uscita martedì prossimo celebra, in anteprima, la nascita del Sentiero Italia CAI. Una storia italiana...
Share