13.9 C
Belluno
mercoledì, Agosto 10, 2022
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti L’Osteria “dal Bocia” rinnova la sua terrazza tra musica, degustazioni e letteratura...

L’Osteria “dal Bocia” rinnova la sua terrazza tra musica, degustazioni e letteratura e si propone come il salotto culturale della città

La bella stagione si apre con diverse novità per il locale affacciato su piazza dei Martiri. L’Osteria ha riorganizzato la sua terrazza per accogliere meglio i numerosi eventi che d’ora in avanti si susseguiranno a ritmo di tre o quattro appuntamenti a settimana. Il calendario è fitto, le proposte sono varie e puntano a rendere l’Osteria un luogo di incontro per persone di tutte le età e con i più svariati interessi.
I volumi in legno, le originali sedute che fin dall’inizio hanno reso originale il plateatico del locale sono state spostate per fare posto a più tavoli e per creare uno spazio per i concerti. “Con l’arrivo del freddo, poi, lo spazio verrà chiuso con un’elegante struttura – spiegano dallo staff – l’intenzione è quella di utilizzarlo dodici mesi l’anno, da gennaio a dicembre senza interruzioni. Non ci fermiamo mai, abbiamo sempre idee nuove”.
Il calendario d’altra parte è fitto e per concerti, chiacchierata con autori e degustazioni c’è bisogno di spazio. L’intenzione è quella di rendere il locale una sorta di salotto dove scambiare chiacchiere, mangiare, bere del buon vino, leggere libri, ascoltare chiacchierate letterarie e concerti al tramonto. L’esercizio ha aperto i battenti circa un anno fa, le rassegne sono già tre, ma presto se ne aggiungeranno altre: il Belluno jazz festival con appuntamenti settimanali tutti i mercoledì sera dalle 20.30, le degustazioni di jambon iberico il martedì sera alle 19 e, a partire dalla prossima settimana, gli incontri con gli autori e i concerti di musica classica.
La serie di appuntamenti letterari si chiamerà “Quattro chiacchiere al bocia…”, la cadenza sarà mensile ogni primo martedì del mese ad eccezione di giugno la cui data è stata fissata al 12. Si parte dunque la prossima settimana. Il primo ospite sarà Ezio Franceschini con “La botte di Hemingway”. Il giornalista, scrittore e skipper condurrà la sua chiacchierata insieme all’amico professore e critico d’arte Francesco Aliprandi.
L’incontro prenderà il via alle 18, durerà circa un’ora e sarà fitto di chiacchiere, aneddoti, storie di persone e di mare, di avventure, di viaggi, di amicizie e di malinconie. Seguirà, dalle 19, l’aperitivo con la degustazione di jambon iberico offerta dall’Osteria.
Mercoledì alle 20.30 si riaccenderanno invece le casse per il nuovo appuntamento del “Belluno City Jazz Festival”, che continua a portare sulla terrazza del locale nomi internazionali del panorama jazz. Gli ospiti della prossima settimana saranno i musicisti del Trio Michele Polga. Domenica, infine, ci sarà un’altra prima volta. Alle 11.30 taglierà infatti il nastro la rassegna di concerti di musica classica pensata per accompagnare con eleganza l’aperitivo.

Share
- Advertisment -

Popolari

Tre Cime. Dolomiti Bus si scusa con i viaggiatori: «Stiamo installando una nuova obliteratrice per diminuire i tempi di attesa»

Questa mattina si sono registrati alcuni ritardi nel servizio Dolomiti Bus relativo alle Tre Cime di Lavaredo. La biglietteria è rimasta inattiva per un'ora...

Auronzo Comelico, De Menech: “Sentenza storica del Tar”

Belluno, 9 agosto 2022   -   "Accogliamo con soddisfazione la sentenza del Tar grazie alla quale sono stati rigettati i nuovi vincoli paesaggistici su Auronzo...

Rigenerazione dell’ex caserma Fantuzzi, il consiglio provinciale vara l’atto di indirizzo preliminare alla permuta con l’Agenzia del Demanio

Approvato anche il Dup 2023-2025. Padrin: «Raggio dell'azione di governo ridotto per il crollo delle entrate» L'idea di riqualificare l'ex caserma Fantuzzi e realizzare una...

Vincoli Comelico-Auronzo, la Provincia tra i vincitori del ricorso. Il presidente: «La tutela della montagna non può prescindere dalla lotta allo spopolamento»

«Se c'è una pietra tombale sulla tutela della montagna e dei paesaggi dolomitici, è lo spopolamento, nient'altro. Lo ha compreso anche il Tar». È il...
Share