13.9 C
Belluno
lunedì, Aprile 22, 2024
HomeCronaca/PoliticaCervelli in fuga. La Regione stanzia 1,5 milioni per il rientro dall'estero...

Cervelli in fuga. La Regione stanzia 1,5 milioni per il rientro dall’estero di lavoratori italiani qualificati

Elena Donazzan

Venezia, 23 maggio 2018  –  La Regione Veneto punta ad attrarre i ‘cervelli in fuga’ e ad invertire la tendenza verso l’estero dei laureati e diplomati veneti: finanzierà proposte e progetti di innovazione sociale e di inclusione, che favoriscano il rientro di lavoratori qualificati, o meglio la ‘circolarità’ dei ‘cervelli’.

“La globalizzazione dell’economia non riguarda solo le merci, ma anche le persone e le competenze – premette Elena Donazzamn, assessore al Lavoro e formazione della Regione Veneto – L’Italia sinora è stato una sorta di ‘donatore universale’, nel senso che dal nostro territorio partono più giovani laureati e diplomati di quanti ne rientrino o ne arrivino dall’estero. Confindustria ha calcolato che ogni anno l’Italia perde 14 mld di Pil a causa della ‘fuga’ all’estero di studenti e laureati. Vogliamo invertire la tendenza e contrastare il basso assorbimento da parte delle piccole e medie imprese di lavoratori qualificati, come pure la tendenza delle università a incentivare pubblicazioni piuttosto che brevetti e creazioni di start up. L’obiettivo ultimo è garantire idee, competenze e professionalità al Veneto del futuro”.

Il provvedimento approvato dalla Giunta regionale stanzia un milione e mezzo di euro per attirare ricercatori e creare occasioni di incontro, scambio e competizione, interregionale e transnazionale. I progetti potranno prevedere ‘maratone’ per sviluppare progetti innovativi, in campo tecnologico o sociale o culturale, eventi di animazione del territorio, scambi internazionali, il coinvolgimento diretto delle imprese nel progettare poli di attrazione di ricercatori e idee innovative, ‘borse di rientro’ per ‘ cervelli’ partiti dal Veneto e specializzatisi all’estero.

“Questo bando è una scommessa sul futuro – commenta l’assessore – sulla capacità del sistema veneto di attrarre o di incubare nuove idee e nuovi progetti. Basti pensare all’industria culturale, che da sola rappresenta oltre il 6 per cento del prodotto interno lordo, e che può rappresentare un terreno fertile per generare idee innovative e nuove imprese ad alto valore aggiunto nel capitale umano”.

- Advertisment -

Popolari