13.9 C
Belluno
mercoledì, Settembre 30, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli Nuovi equilibri politici dell'Estremo Oriente. Intervista al professor Alessandro Grossato

Nuovi equilibri politici dell’Estremo Oriente. Intervista al professor Alessandro Grossato

Giovedì 24 maggio alle ore 18.30 al Ristorante Taverna in via Cipro 7 in centro Belluno, per la rassegna culturale “Conversazioni in Taverna” dell’Associazione Liberal Belluno, sarà presente il professor Alessandro Grossato, geopolitico, orientalista e storico delle religioni. Nel corso della serata, che ha per titolo “Dalla Corea al Giappone”,  il docente parlerà dei nuovi equilibri politici dell’Estremo Oriente. Ecco un’anticipazione nell’intervista che segue.

Professor Grossato, lei come vede l’azione di Trump nei confronti della stabilità nell’area dell’Estremo Oriente, in particolare nei confronti della Corea del Nord di Kim Jong-Un?

Trump non è riuscito ad impedire lo sviluppo del nucleare nordcoreano. Questo implica almeno tre cose: 1) L’impossibilità di condurre una campagna militare contro la Corea Nord, se non al prezzo di altissime perdite, soprattutto civili, nella Corea del Sud. 2) Il riconoscimento di fatto dello status di potenza nucleare ormai conseguito da parte della Corea del Nord. 3) Una profonda modifica, e conseguente riassestamento meno favorevole agli Usa, dell’intero quadro strategico e geopolitico dell’Area del Pacifico.

Gli interessi economici (gas, petrolio, materie prime), sono sempre stati la causa occulta di nuove guerre. La Corea del Nord pare abbia risorse minerarie stimate in 10mila miliardi di dollari, tungsteno, oro, ferro, grafite ecc. Non crede che la pressione americana in Corea sia mossa anche da appetiti di approvvigionamento?

Sinceramente, penso che prevalga un interesse puramente strategico. Agli Usa sarebbe piaciuto poter occupare anche il territorio nordcoreano, per collocare le proprie forze militari direttamente a ridosso del confine cinese. Perché il vero antagonista geopolitico degli americani non è la Corea del Nord, bensì la Cina. In mancanza di questo, si accontentano di mantenere le proprie potenti basi militari nella Corea del Sud, e quindi mantenere separate le due Coree.

Lo scorso anno, per il 72mo anniversario della resa del Giappone e la divisione della Corea lungo il 38mo parallelo, lei condivideva il pensiero di Lucio Caracciolo secondo il quale “Se mai scoppierà la terza guerra mondiale, sarà probabilmente in Corea”. E’ ancora dello stesso parere?

Non ricordo se queste erano le sue parole esatte, e in ogni caso quel che intendeva veramente dire, è che oggi i maggiori rischi di conflitto, non solo economico ma anche militare, si addensano pericolosamente nell’Area del Pacifico a causa del confronto tra Stati Uniti e Cina. D’altronde, è questa la valutazione condivisa dalla maggior parte degli osservatori e analisti geopolitici.

Roberto De Nart

 

Alessandro Grossato,

Geopolitico, orientalista, storico delle religioni, docente in varie Università italiane: Università di Trieste-Gorizia (cattedra di Storia e istituzioni dell’Asia meridionale), Università di Padova (Storia dell’Islam indiano e indonesiano), Università di Trento (Pensiero islamico) e Facoltà Teologica del Triveneto (Spiritualità islamica). Socio della Società italiana di storia delle religioni (SISR) e full member dell’European Society for the Study of Western Esotericism (ESSWE). E docente di Mistica comparata presso la Scuola superiore di filosofia orientale e comparativa di Rimini.

Share
- Advertisment -



Popolari

Sicurezza, frazioni, scuole: Ponte nelle Alpi guarda al futuro con il Dup

Il Comune di Ponte nelle Alpi pianifica il futuro. E lo fa attraverso il Dup, Documento Unico di Programmazione 2021-2023, che proprio oggi viene...

Super Ecobonus e lotta all’inquinamento: riapre lo Sportello PubblichEnergie a Ponte nelle Alpi

Il tema del risparmio energetico è diventato centrale nella quotidianità di un gran numero di persone. Anche a Ponte nelle Alpi. E così, dopo...

Targhe estere. Rimosso il blocco per i lavoratori transfrontalieri. De Menech: “Continuiamo il lavoro per rimuovere gli ostacoli posti da Salvini e le Lega”

Roma, 30 settembre 2020   Il Parlamento ha parzialmente risolto oggi uno tra i tanti problemi creati dai Decreti Salvini, il blocco della circolazione in...

Progetto “Alps 2030”. Ultimi giorni per le candidature

Ultimi giorni per presentare la propria candidatura per il progetto “Alps 2030”, promosso da CIPRA, e che vedrà protagonisti anche tre giovani bellunesi: scadono...
Share