13.9 C
Belluno
venerdì, Agosto 12, 2022
Home Arte, Cultura, Spettacoli Opere in prestito a Rovereto e Parigi: il Fulcis entra nella grande...

Opere in prestito a Rovereto e Parigi: il Fulcis entra nella grande rete museale

Un’opera di Ippolito Caffi a Rovereto, un’altra di Gaspare Diziani a Parigi: i dipinti custoditi al Museo Fulcis richiamano l’interesse dei grandi luoghi espositivi. I due dipinti, nei prossimi mesi, saranno infatti concessi temporaneamente al MART di Rovereto e al Grand Palais della capitale francese per due rassegne dedicate all’arte veneta ed italiana.
La prima opera in partenza è la “Festa notturna a San Pietro di Castello” di Ippolito Caffi, donato dalla famiglia Agosti al museo intorno al 1910: «Il MART di Rovereto, da aprile ad agosto, ospiterà una grande mostra intitolata “Viaggio In Italia: il paesaggio dell’Ottocento dai macchiaioli ai simbolisti”. – spiega il conservatore Denis Ton – Questo è un grande momento di riscoperta di Ippolito Caffi: c’è una retrospettiva ad Helsinki, una in allestimento alle Gallerie del Quirinale a Roma. Caffi è quindi ormai considerato uno dei capisaldi del paesaggio dell’800».
L’altro dipinto che partirà in prestito è l’Annunciazione, opera di Gaspare Diziani, un olio su tela datato 1747 acquistato dal Comune di Belluno nel 1961: «Il Grand Palais parigino sta organizzando una importantissima mostra sul ‘700 veneziano e darà grande risalto a un bellunese come Diziani. – illustra ancora Ton – E’ significativo che questo artista venga considerato come un esponente di rilievo del secolo». La mostra di Parigi aprirà a settembre, per concludersi a gennaio 2019.

«Questi prestiti – commenta l’assessore alla cultura, Marco Perale – rientrano nella logica di un museo moderno, connesso e alla pari con le altre realtà museali. Oltre a questi, abbiamo accordato altri prestiti “locali”, come quelli al Museo Diocesano di Feltre o al Museo di Serravella; ma all’interno di questa rete ci sono casi come quelli dell’opera di De Min, che ha fatto il percorso inverso: di proprietà delle Gallerie dell’Accademia, molti concittadini lo ricorderanno esposto al Museo per quasi 50 anni, ed ora è “tornato a casa”, in mostra a Venezia nella rassegna “Canova, Hayez, Cicognara. L’ultima gloria di Venezia”. Musei come il Fulcis vogliono far parte di una comunità internazionale più importante, che possa far entrare Belluno e la sua cultura in un circuito diverso e più ampio».

Share
- Advertisment -

Popolari

Eventi calamitosi del 2020: il Governo riconosce 1 milione di euro al Comune di Ponte nelle Alpi

Il Governo riconosce 1 milione di euro al Comune di Ponte nelle Alpi per gli eventi calamitosi del 29 agosto 2020. Quel giorno, una...

Interventi di soccorso in montagna

Belluno, 11 - 08 - 22 Verso le 15.20 l'elicottero di Dolomiti Emergency, alla centesima missione, è volato lungo il sentiero 215 che scende...

Carceri. Capece (Sindacato autonomo polizia penitenziaria) replica al capo delle carceri Renoldi: “L’iniziativa Ferragosto in carcere è sinonimo di ipocrisia istituzionale”

"Leggo con sgomento le dichiarazioni odierne del Capo del DAP dipartimento amministrazione penitenziaria Carlo Renoldi che dispone il Ferragosto in carcere per lui e...

Alberi monumentali. Anche il liriodendro di Buzzati nell’elenco delle piante del Comune di Belluno

“Dietro la vecchia casa di campagna, era già immenso e antico, quando io comparvi piccolo bambino”: così Dino Buzzati, nell’ultimo elzeviro da lui scritto...
Share