13.9 C
Belluno
giovedì, Maggio 6, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Opere in prestito a Rovereto e Parigi: il Fulcis entra nella grande...

Opere in prestito a Rovereto e Parigi: il Fulcis entra nella grande rete museale

Un’opera di Ippolito Caffi a Rovereto, un’altra di Gaspare Diziani a Parigi: i dipinti custoditi al Museo Fulcis richiamano l’interesse dei grandi luoghi espositivi. I due dipinti, nei prossimi mesi, saranno infatti concessi temporaneamente al MART di Rovereto e al Grand Palais della capitale francese per due rassegne dedicate all’arte veneta ed italiana.
La prima opera in partenza è la “Festa notturna a San Pietro di Castello” di Ippolito Caffi, donato dalla famiglia Agosti al museo intorno al 1910: «Il MART di Rovereto, da aprile ad agosto, ospiterà una grande mostra intitolata “Viaggio In Italia: il paesaggio dell’Ottocento dai macchiaioli ai simbolisti”. – spiega il conservatore Denis Ton – Questo è un grande momento di riscoperta di Ippolito Caffi: c’è una retrospettiva ad Helsinki, una in allestimento alle Gallerie del Quirinale a Roma. Caffi è quindi ormai considerato uno dei capisaldi del paesaggio dell’800».
L’altro dipinto che partirà in prestito è l’Annunciazione, opera di Gaspare Diziani, un olio su tela datato 1747 acquistato dal Comune di Belluno nel 1961: «Il Grand Palais parigino sta organizzando una importantissima mostra sul ‘700 veneziano e darà grande risalto a un bellunese come Diziani. – illustra ancora Ton – E’ significativo che questo artista venga considerato come un esponente di rilievo del secolo». La mostra di Parigi aprirà a settembre, per concludersi a gennaio 2019.

«Questi prestiti – commenta l’assessore alla cultura, Marco Perale – rientrano nella logica di un museo moderno, connesso e alla pari con le altre realtà museali. Oltre a questi, abbiamo accordato altri prestiti “locali”, come quelli al Museo Diocesano di Feltre o al Museo di Serravella; ma all’interno di questa rete ci sono casi come quelli dell’opera di De Min, che ha fatto il percorso inverso: di proprietà delle Gallerie dell’Accademia, molti concittadini lo ricorderanno esposto al Museo per quasi 50 anni, ed ora è “tornato a casa”, in mostra a Venezia nella rassegna “Canova, Hayez, Cicognara. L’ultima gloria di Venezia”. Musei come il Fulcis vogliono far parte di una comunità internazionale più importante, che possa far entrare Belluno e la sua cultura in un circuito diverso e più ampio».

Share
- Advertisment -

Popolari

Trio Kanon a Belluno, 11 maggio 2021, apertura 68ma Stagione Circolo Culturale Bellunese

Concerto di inaugurazione 68a Stagione 2021 Trio Kanon. Martedì 11 maggio 2021, ore 19:00 Sala Giovanni XXIII, Belluno Si apre la 68a Stagione del Circolo Culturale Bellunese,...

Il prefetto, Mariano Savastano, avvia una serie di incontri con le categorie economiche

“Un tavolo che apriamo oggi e che dovrà restare aperto”. Così il prefetto, Mariano Savastano, ha salutato i rappresentanti di Confcommercio, Confartigianato, Appia –...

Esplode una bombola di gas, anziana e badante ricoverate in ospedale

Sovramonte, 6 maggio 2021 - Poco dopo le 9 di questa mattina, i vigili del fuoco sono intervenuti a Sorriva di Sovramonte per un’esplosione...

Federico Visentin designato alla guida di Federmeccanica, la più importante federazione di Confindustria

Belluno 6 maggio 2021 - "Quello di Federico Visentin è un nome che fa bene al territorio e a un comparto, quello della meccanica,...
Share