13.9 C
Belluno
giovedì, Giugno 30, 2022
Home Prima Pagina Un bicchiere di vino al giorno fa bene. Anzi no. Un recente...

Un bicchiere di vino al giorno fa bene. Anzi no. Un recente studio britannico rovescia il detto: anche piccole quantità di alcol possono alterare il cervello e la memoria

Tante cose buone sono state dette su di lui: l’alcool rende sciolti, divertenti e socievoli, e si suppone anche che protegge i vasi sanguigni. In linea di principio, ci sarebbero buone ragioni per un bicchiere di birra, vino, prosecco o brandy al giorno. Quanto si possa bere senza problemi o se non ci sia una soglia di consumo sicura e quali effetti delle piccole razioni sulla salute, questo non è solo controverso, ma è anche definito in modo diverso da paese a paese.

Mentre la principale organizzazione tedesca per i problemi da dipendenza (DHS) indica una “dose soglia di basso rischio” di 24 grammi di alcol al giorno per uomo (circa mezzo litro di birra al giorno) o 0,3 litri di vino, il dipartimento della salute l’avrebbe elevata 28 grammi al giorno. La metà per le donne.

In Gran Bretagna a sua volta sono stati recentemente rivisti gli orientamenti e raccomanda ad entrambi i sessi un consumo di non più di 16 grammi di alcol al giorno. 0,2 litri di vino sono leggermente inferiori a quella soglia. Uno studio britannico pubblicato su “BMJ” offre alcuni risultati che potrebbero infiammare ancora una volta il dibattito del consumo moderato di alcool: perché, secondo la ricerca, anche piccole quantità potrebbero probabilmente danneggiare il cervello.

Ai ricercatori della Oxford University, guidati da Anya Topiwala, hanno valutato i dati di 550 uomini e donne sani, nel quadro dei cosiddetti studi Whitehall analizzati più volte – anche per quanto riguarda le loro prestazioni conoscitive. I soggetti erano in media di 43 anni e non soffrivano di dipendenza da alcol, ma avevano specificato quanto alcol avevano consumato nel corso di una settimana. Alla fine dello studio, i loro cervelli erano stati analizzati tramite risonanza magnetica.In seguito i ricercatori avevano escluso altri fattori di confusione come l’età, il fumo, lo stato socioeconomico e l’attività fisica dall’analisi, e la valutazione ha rivelato: chi aveva bevuto più di 240 grammi di alcool alla settimana, aveva il rischio più grande che le cellule nervose nell’ippocampo conosciuto fossero state danneggiate. L’ippocampo è una regione del cervello che è importante per la memoria a breve termine e lunga, i sentimenti e l’orientamento spaziale. Inoltre ha fatto diminuire la loro fluidità.

Al di là degli esiti dello studio in questione che lasciano perplessi, ancora una volta, anche questa ricerca la dice tutta sulla necessità di evitare sempre qualsiasi eccesso alimentare anche in termini di consumo di alcol, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Nominato Paolo Camerotta primario del Servizio Veterinario di Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche

Paolo Camerotto è il nuovo direttore del Servizio Veterinario di Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche del Dipartimento di Prevenzione dell’Ulss Dolomiti. Classe 1957,...

Torre delle fate. Gruppo PD: “Inchiesta L’Espresso, Zaia chiarisca la vicenda davanti ai cittadini veneti”

"Sulla vicenda relativa alla villa 'Torre delle fate', acquistata da Luca Zaia e oggetto di interventi di ristrutturazione, il PD aveva già chiesto nel...

Messa in sicurezza dell’abitato di Villaga: sei interventi per 1 milione di euro. Gosetti: «Primo stralcio che garantisce vivibilità alla frazione»

Feltre, 29 giugno 2022 - Taglio del nastro oggi, a Villaga, per il complesso di interventi di messa in sicurezza dell'abitato messo in campo...

I centri diurni “Via Medaglie d’Oro” e “Le Casette” partecipano alla Mostra dell’Artigianato di Feltre

I Centri Diurni per persone con disabilità del distretto di Feltre “Via Medaglie d’Oro” e “Le Casette” partecipano anche quest’anno alla Mostra dell’Artigianato, in...
Share