13.9 C
Belluno
mercoledì, Luglio 6, 2022
Home Cronaca/Politica Viabilità. Piccoli: "Cortina 2021 non è un fine , ma un mezzo....

Viabilità. Piccoli: “Cortina 2021 non è un fine , ma un mezzo. Maggior chiarezza sulle risorse”

 

Giovanni Piccoli, senatore Forza Italia

“Sul tema delle infrastrutture necessarie per la provincia di Belluno si sta sbagliando approccio, ma soprattutto non c’è ancora chiarezza sulle risorse a disposizione: troppo fumo negli occhi e programmazione assente”.

A dirlo è il senatore Giovanni Piccoli in relazione al nodo infrastrutturale bellunese, in particolare per la parte alta della provincia e quindi sistemazione della Strada di Alemagna verso Cortina e dell’accesso alla zona di Comelico-Sappada.

“Penso sia necessario partire da una constatazione del commissario Via al Ministero dell’Ambiente Bortolo Mainardi che in una recente intervista ha rilevato come il piano Anas 2016-2020 non sia stato ancora approvato dal Cipe: tutti gli interventi di cui parliamo in questi mesi derivano da questo fondamentale provvedimento”.

“La questione delle risorse, del resto, è stata affrontata dal Governo in maniera frammentaria e spesso per spot elettorali. Serve maggiore chiarezza su chi paga che cosa”, rimarca il senatore.

“C’è poi un altro tema che riguarda più da vicino anche la politica locale delle amministrazioni: finora, a mio avviso, non si sta tenendo conto delle ricadute socio-economiche di queste infrastrutture, come nel caso della circonvallazione di San Vito”, puntualizza Piccoli.

“Cortina 2021 non è un fine, ma un mezzo per ottenere le risorse necessarie al fine di dare una viabilità decente a questo territorio: strade nuove e funzionali servono in primis ai bellunesi, poi ai turisti e agli sportivi di passaggio. Per questo, occorre una capacità programmatoria diversa, più aderente alla realtà ed efficace”.

“Il principio che noi bellunesi dobbiamo tenere ben a mente è che ogni intervento – infrastrutturale e non – deve limitare quello che è il nostro principale problema: ovvero lo spopolamento con conseguente desertificazione delle attività economiche. Una strada, in un territorio come il nostro, deve favorire relazioni umane e rapporti economici. I progetti attualmente sul tavolo devono quindi analizzare alternative “vere” mettendole a confronto, oltre che per gli aspetti trasportistici, anche per gli effetti che una soluzione produce sul futuro delle attività economiche”.

“Da qui il mio serio invito a riflettere: nessuna polemica, solo la volontà di costruire un percorso comune”, conclude Piccoli.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Fipe e Federalberghi Belluno: assurdo lo stallo sui contratti di lavoro per gli extracomunitari

Era metà maggio, quindi con la prospettiva dell'avvio della stagione estiva, che Confcommercio Belluno lanciava l'allarme legato al reperimento di risorse umane per la...

Crollo Marmolada: 5 dispersi tutti di nazionalità italiana. Tutti i 5 punti di accesso alla montagna sono stato chiusi per motivi di sicurezza

Crollo Marmolada, aggiornamento del 5 luglio 2022 - Otto delle 13 persone che si temevano disperse sono state rintracciate dalla compagnia dei carabinieri di...

Coppa d’Oro delle Dolomiti 2022: ai nastri di partenza un’edizione indimenticabile

Oltre 70 equipaggi sono pronti ad affrontare 440 chilometri di prove (94 cronometrate e sette di media) immerse tra i paesaggi mozzafiato delle Dolomiti Riflettori...

VinoVip Cortina 2022. Annunciati programma e protagonisti del summit del vino italiano di pregio

Brindisi ad alta quota il 10 e 11 luglio per professionisti e winelover che potranno degustare oltre 170 vini e distillati Luglio 2022 - Cortina...
Share