13.9 C
Belluno
martedì, Ottobre 27, 2020
Home Prima Pagina Startart fase 2. Gli studenti del "Catullo" con i cittadini mappano la...

Startart fase 2. Gli studenti del “Catullo” con i cittadini mappano la città

Quali sono i luoghi da valorizzare e quelli da riqualificare del territorio del Comune di Belluno? Questa è la domanda a cui hanno risposto più di cento persone partecipando alla raccolta dati tramite un questionario del progetto “Start Art Belluno: giovani creativi per il territorio” promosso dall’istituto di istruzione superiore “Catullo” di Belluno con la gestione operativa del Centro Studi del Csv Belluno.
Nelle scorse settimane molte persone che vivono, studiano o lavorano nel capoluogo di tutte le età e professioni hanno detto la loro. Tra i luoghi da valorizzare, compresi anche quelli meno conosciuti, il più segnalato è il percorso nel centro storico tra via Mezzaterra, piazza delle Erbe, palazzo Minerva e infine Porta Rugo. Sempre nel centro città, secondo i cittadini, da valorizzare ci sono la chiesa e piazza Santo Stefano che contiene molti tesori artistici e il patrimonio museale ora in trasferimento nel restaurato Palazzo Fulcis. Fuori dall’area urbana primeggiano invece due zone ad altro valore ambientale, dall’alto potenziale turistico, ovvero il Bus del Buson e il colle del Nevegal.

Tra le zone critiche che, secondo gli intervistati, necessitano di un intervento, la più citata in assoluto è la zona di via Lungardo con i suoi capannoni e aree industriali dismessi. Per gli interpellati dovrebbero essere migliorate anche le vicine zone di Borgo Piave e Borgo Prà. I giovani hanno indicato il piazzale della stazione, mentre molti sollecitano la riqualifica delle ex caserme D’Angelo e Fantuzzi e delle vecchie scuole Gabelli. Infine un edificio che piace decisamente poco è l’ex cementificio di via Sarajevo.
Ora la parola spetta agli studenti del Catullo che stanno lavorando a un laboratorio specifico con l’esperto di progettazione territoriale Marco Cau. Durante questa esperienza si daranno da fare per progettare e raccontare questi e altri luoghi per loro più significativi, anche intervistando la popolazione e, in una fase successiva, si esprimeranno attraverso gli strumenti creativi di grafica, fotografia e video. Il progetto, finanziato dalla Regione Veneto, ha come partner anche le “Scuole in Rete per un mondo di solidarietà e pace”, il Comune di Belluno, l’Università Autonoma di Barcellona dove è previsto in primavera un viaggio di istruzione, Confedilizia Belluno, cooperativa Cantiere della Provvidenza, Veneto Agricoltura e associazione Confini Comuni.
Per tutte le informazioni sul progetto contattare la mail centrostudiricerca@csvbelluno.it.

Share
- Advertisment -


Popolari

Scuole superiori, didattica digitale per il 75% degli studenti. Ordinanza regionale in vigore dal 28 ottobre

Il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia ha firmato la seguente ordinanza in ossequio al Dpcm del 25 ottobre che non lascia margini...

Forte pioggia e neve a quota 1700 in arrivo tra stasera e domattina

Venezia, 26 ottobre 2020 - Il Meteo regionale del Veneto riferisce che tra il tardo pomeriggio di oggi ed il primo mattino di domani, martedì...

Nuovo Dpcm e scuola. Riunione in Prefettura del Comitato per l’ordine e la sicurezza. Quarantena e contagio, i dati provinciali

Si è tenuta stamane, in videoconferenza, una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal prefetto, Adriana Cogode, alla quale...

Serrande abbassate dopo le 18, l’allarme di Confartigianato. Gaggion: «Penalizzati rispetto alla grande distribuzione»

Tutto chiuso dopo le 18: vale per i bar e i pub, i ristoranti e le pasticcerie. Le disposizioni contenute nel nuovo Dpcm non...
Share