13.9 C
Belluno
lunedì, Ottobre 3, 2022
Home Cronaca/Politica Polemica Soccorso Alpino Vigili del fuoco. Il sindacato dei vigili del fuoco chiede...

Polemica Soccorso Alpino Vigili del fuoco. Il sindacato dei vigili del fuoco chiede l’intervento di Alfano

conapo-sindacato-autonomo-vigili-del-fuocoRoma 19 settembre 2016 – La protesta sollevata nei giorni scorsi dai responsabili del soccorso alpino del Veneto e del Friuli Venezia Giulia che avevano criticato l’utilizzo dell’elicottero dei vigili del fuoco per il recupero della salma di Janna Schneider, professoressa tedesca scomparsa nella zona dell’Alpago il 3 agosto scorso, ha spinto il sindacato Conapo dei vigili del fuoco a chiedere direttamente l’intervento del ministro dell’interno Angelino Alfano. Nella nota inviata si definiscono “patetiche” le esternazioni pubbliche dei rappresentanti del Cnsas visto che “la vicenda interessava il recupero di una persona deceduta”.
Il sindacato dei vigili del fuoco sostiene che “i rappresentanti dei volontari soccorso alpino hanno divulgato una errata interpretazione della normativa vigente, entrando persino nel merito dell’organizzazione delle amministrazioni dello Stato attraverso una critica alle modalità operative del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco”.

“Ci teniamo ad evidenziare – spiega Antonio Brizzi segretario generale del sindacato Conapo – che le norme vigenti assegnano ai volontari del soccorso alpino il potere di coordinamento su altri enti ma non sulle amministrazioni dello Stato quale è il Corpo nazionale dei vigili del fuoco. Dovrebbe essere la normalità per tutti che un Corpo dello Stato non può essere coordinato da volontari pur meritevoli come quelli del soccorso alpino. Qualora vi fossero dei dubbi è possibile consultare le sentenze n. 1736 e 1737 del Consiglio di Stato ove la materia è ben interpretata dai giudici amministrativi”.

Il sindacato Conapo ha chiesto al ministero dell’Interno di emanare con urgenza un chiarimento istituzionale provvedendo “a chiarire presso tutti gli organi dello Stato – prefetture, forze dell’ordine, forze armate, servizi sanitari, di emergenza e di protezione civile – quanto sancito dalla normativa vigente in tema di soccorso pubblico emanando, se del caso, disposizioni operative chiare, che risolvano definitivamente ogni dubbio in materia, per evitare ‘pericolose incomprensioni’ durante le operazioni di soccorso pubblico e ‘stucchevoli polemiche pubbliche’ che poco importano ai cittadini cui bisogna lo Stato deve garantire sicurezza senza se e senza ma”.

http://www.conapo.it/2016/20160919_SG_207-16_CNSAS.pdf

Share
- Advertisment -

Popolari

Il Comune di Belluno vara il nuovo regolamento degli annunci mortuari

E’ entrato in vigore il “Regolamento di disciplina delle modalità di affissione degli annunci mortuari”. Si tratta del primo documento emanato dal Comune di...

Nasce “I Giovani al Cinema” Abbonamento a prezzo agevolato riservato agli under 35

Promuovere, presso le generazioni più giovani, il ruolo della sala cinematografica quale spazio culturale in cui la visione di un film sia un’occasione di...

Rappresentanze cittadini: no all’ampliamento della Metalba di Fortogna. Martedì alle 17:30 l’incontro on-line

Domani, martedì 4 ottobre, alle ore 17.30 ci sarà l’inchiesta pubblica per discutere le osservazioni presentate da alcuni cittadini di Feltre e di Fortogna...

Quando dalla montagna si partiva… Emigrazioni e storie di emigranti a Seravella. Dal 7 al 24 ottobre la mostra fotografica

Riprendono le attività culturali al Museo etnografico della Provincia di Belluno. La villa di Seravella (Cesiomaggiore) sta preparando un vasto calendario di appuntamenti didattici...
Share