13.9 C
Belluno
lunedì, Aprile 19, 2021
Home Cronaca/Politica Turismo. Tar del Veneto respinge i ricorsi dei B&B. Caner: "Nei comuni...

Turismo. Tar del Veneto respinge i ricorsi dei B&B. Caner: “Nei comuni turistici sono attività imprenditoriali”

 

Federico Caner
Federico Caner

“I giudici del Tribunale amministrativo regionale del Veneto confermano che i bed & breakfast ubicati nei comuni ad alta presenza turistica costituiscono attività di impresa e come tali devono sottoporsi alle norme e agli obblighi previsti per tutte le attività imprenditoriali del turismo. La duplice sentenza del Tar veneto conferma che l’impianto della legge quadro sul turismo e della successiva delibera applicativa in materia di B&B è corretto e non va modificato”. Federico Caner, assessore al turismo della Regione Veneto, commenta con soddisfazione la duplice sentenza con cui i giudici della terza sezione del tribunale amministrativo regionale per il Veneto, presieduta da Oria Settesoldi, hanno respinto i ricorsi presentati da due associazioni, la Bed & Breakfast di Verona e Provincia e A.B.B.A.V di Venezia, in merito alla delibera 498 del 19 aprile 2016, e alla relativa legge di riferimento, la legge 11 del 2013, che rappresenta la normativa-quadro per il turismo in Veneto.

La delibera 498/2016 ha stabilito che i B&B nei venti comuni ad alta densità turistica del Veneto (Venezia, Cavallino-Treporti, San Michele al Tagliamento. Jesolo, Caorle, Lazise, Peschiera del Garda, Bardolino, Abano Terme, Padova, Chioggia, Rosolina, Cortina d’Ampezzo, Malcesine, Castelnuovo del Garda, Montegrotto Terme, Garda, Eraclea e Vicenza) costituiscono attività d’impresa, e come tale devono essere considerati ai fini fiscali e dell’applicazione delle normative di sicurezza e di igiene previste per tutte le imprese turistiche. Le due associazioni di titolari di B&B ne avevano contestato la differenziazione determinata dalla mera ubicazione, e non per le caratteristiche intrinseche dell’attività imprenditoriale.

Ma i giudici del Tar hanno respinto il ricorso spiegando che la legge regionale che stabilisce per i ‘titolari di strutture recettive’ il requisito dell’imprenditorialità non è incostituzionale , né la delibera applicativa è censurabile. I giudici si limitano a chiedere una riformulazione della note tecnica-esplicativa presentata dalla Regione, specificando che anche nei comuni ad alta densità turistica un titolare di bed&breakfast può sempre dimostrare, sottoponendosi ad accertamento individuale, la natura imprenditoriale o meno della sua attività. Come dire: l’onere della prova spetta ai titolari.

“Avevamo visto giusto e gli atti assunti dalla Giunta regionale si dimostrano coerenti e trovano conferma in sede di giudizio amministrativo – conclude Caner – I b&b sono strutture recettive diffuse e molto importanti nel sistema dell’accoglienza turistica del Veneto e come tali vanno considerati”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Karrycar, il primo servizio on line per il trasporto auto in tutta Italia realizzato dalla startup bellunese Droop srl.

Belluno, 19 aprile 2021 - Spedire o ritirare un’auto da un punto all’altro dell’Italia non è mai stato così facile, veloce e conveniente. E’...

Superbonus 110%. Veneto in testa per numero di pratiche

Secondo i dati ENEA, nel Nordest, i crediti ceduti sono pari a 128 milioni di euro e il Veneto con 853 interventi asseverati è...

VisitFeltre. Immagini e testo nella commedia: La giustizia di Traino.

Dialogo con Monica Centanni, giovedì 22 aprile 2021 ore 20.45 Una delle tensioni che attraversa la Commedia è la relazione tra immagine e parola, tra...

Gettati nella spazzatura. Le guardie zoofile dell’Oipa Verona salvano 30 piccoli uccelli. Chi ha visto ci contatti

Qualcuno ha deciso di fare piazza pulita dei nidi forse ignaro di commettere un reato punito dal Codice penale Due sacchi gettati in un cassonetto...
Share