13.9 C
Belluno
mercoledì, Aprile 21, 2021
Home Prima Pagina Punto nascita di Pieve di Cadore: misure organizzative temporanee

Punto nascita di Pieve di Cadore: misure organizzative temporanee

ulss 1Già a partire dallo scorso mese di aprile si evidenziava una situazione di crescente difficoltà a garantire la presenza in servizio del personale medico per assicurare la piena funzionalità del Punto Nascita di Pieve di Cadore. L’Azienda ha intrapreso tutte le procedure volte a reperire medici specialisti nelle discipline interessate.

Purtroppo si stanno toccando con mano le difficoltà, che non riguardano solo l’ULSS di Belluno, dovute alla limitazione ad accedere ai corsi di laurea in Medicina e Chirurgia e alla grave carenza di specialisti di alcune discipline, già più volte sollevata da questa Azienda.

Da allora la dotazione organica, che riguarda sia Belluno che Pieve, della Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia si è ridotta da 14 a 9 unità. Anche per quanto riguarda la disciplina di Pediatria si è passati, nel medesimo periodo, da 11 a 7 unità.

Il personale medico, ginecologo e pediatra, nonché quello ostetrico, svolge l’attività con rotazione sulle due sedi di Pieve di Cadore e Belluno.

Con l’attuale dotazione effettiva di dirigenti medici nelle discipline interessate risulta non più possibile assicurare la copertura dei turni di servizio presso le sedi ospedaliere di Belluno e di Pieve di Cadore, con una organizzazione del lavoro conforme alle disposizioni del D.Lgs. n. 66/2003, con particolare riferimento a quelle relative alla durata massima dell’orario di lavoro settimanale e al riposo giornaliero.

Per superare questa grave carenza, sono in corso di espletamento le procedure per l’assunzione di almeno 6 dirigenti medici nella disciplina di ostetricia e ginecologia, di cui:
4 con rapporto di lavoro a tempo indeterminato, in sostituzione di dirigenti medici cessati dal servizio e extra turn over, per le esigenze derivanti dall’applicazione della normativa europea in tema di orario di lavoro;
2 con rapporto di lavoro a tempo determinato, in sostituzione di dirigenti medici assenti per congedo di maternità.
Il termine per la presentazione delle domande al concorso pubblico per le assunzioni a tempo indeterminato sono scaduti il 25 agosto e il prossimo 5 settembre inizieranno le operazioni per la ricerca della composizione della commissione esaminatrice.
Il concorso si potrà espletare, presumibilmente, nel mese di ottobre.
Il 25 agosto 2016 è stato inoltre espletato l’avviso pubblico indetto per le assunzioni a tempo determinato al quale avevano presentato domanda di partecipazione 9 candidati. Alla prova prevista dall’avviso si sono però presentati soltanto 3 candidati.
Sono state anche scorse le graduatorie acquisite presso altre ULSS della Regione Veneto e presso altre Regioni limitrofe con esito molto limitato.

Anche per quanto attiene alla disciplina di pediatria non è stato finora possibile reperire nessuna unità e sono tutt’ora in corso le procedure di espletamento per l’assunzione di 4 dirigenti medici di pediatria, in sostituzione dei 3 cessati dal servizio e di uno che cesserà a breve.

Finora per le assunzioni in questa disciplina, sono stati indetti:
un avviso pubblico di mobilità, andato deserto;
un avviso pubblico per assunzioni a tempo determinato, andato deserto. In data 29.8.2016 è stato, quindi, indetto un ulteriore avviso pubblico.
un concorso pubblico, pubblicato sul BURV del 26 agosto 2016.

Considerato quanto sopra e i tempi necessari per l’espletamento dei concorsi pubblici, si rende ora inevitabile ricorrere alle seguenti misure organizzative a decorrere da lunedì 5 settembre:
mantenimento della presenza di un medico ginecologo su 7 giorni, nell’orario 8.00 – 20.00 più pronta disponibilità 20.00 – 8.00, nell’Ospedale di Pieve di Cadore, per garantire tutte le attività attualmente in essere (ambulatori, consulenze, screening, monitoraggi);
mantenimento della presenza attiva h. 24/7giorni di un ostetrico nell’Ospedale di Pieve di Cadore;
trasferimento di tutte le partorienti dalla sede di Pieve di Cadore alla sede di Belluno.

Tali provvedimenti organizzativi sono assolutamente temporanei e il Servizio Punto Nascita di Pieve di Cadore verrà ripristinato alla luce della disponibilità di medici specialisti nelle 2 discipline citate, in modo da garantire la completa operatività.

Share
- Advertisment -

Popolari

Variante Tai di Cadore, conclusa la conferenza dei servizi. Commissario Gemme: “In corso la redazione del progetto. Poi la gara per affidare i lavori”

Si è conclusa ieri la seduta finale della Conferenza di Servizi che ha autorizzato il progetto definitivo della Variante di Tai di Cadore, al...

Al via la IV edizione del Premio traduzione per studenti al 4° e 5° anno delle superiori

Al via le iscrizioni alla IV Edizione del Premio Traduzione SSML – Fusp sede di Belluno. La sfida che ogni anno il corso triennale...

Nuovo Commissario per la gestione post Vaia. Scarzanella: «Soragni figura di rilievo, ora un ragionamento condiviso con le imprese»

Ugo Soragni è il nuovo Commissario delegato per l'emergenza legata alla tempesta Vaia. Già direttore dei Musei del ministero dei Beni Culturali, raccoglie il...

Avvicendamento alla Lega giovani: Paolo Luciani lascia, entra Marco Donno

Belluno, 20.4.2021 - Cambio al vertice della Lega Giovani della Provincia di Belluno. Il coordinamento provinciale giovanile leghista si aggiorna dopo quattro anni per...
Share