13.9 C
Belluno
domenica, Aprile 18, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Mercoledì a Pieve di Cadore si parla di mafia con il magistrato...

Mercoledì a Pieve di Cadore si parla di mafia con il magistrato Catello Maresca

maresca_male_capitaleMercoledì 7 settembre alle ore 18.30 presso la Sala Polifunzionale Cos.Mo. di Pieve di Cadore si terrà la presentazione del libro “Male Capitale” con l’autore Catello Maresca, magistrato della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli.

A moderare l’incontro il giovane cadorino Ludovico Tabacchi che spiega il perché di questo evento: “Ad aprile sono stato convocato dal Sindaco Ciotti perché voleva che, attraverso le mie conoscenze facessi arrivare a Pieve di Cadore una personalità che si fosse occupata di mafia ed io ho subito contattato il dottor Catello Maresca, perché a mio parere è un bravissimo magistrato, artefice dell’arresto del boss Michele Zagaria”.

 

 

 

 

 

Ecco l’intervista di Tabacchi al magistrato.

Catello Maresca
Catello Maresca

Dove era e come avete fatto a trovare l’ultimo Bunker di Michele Zagaria?

Il Bunker era sotto terra. È stato difficile trovarlo perché il boss Zagaria aveva utilizzato un metodo tecnologico per nascondersi. C’era una stanza che si muoveva su dei binari, muovendosi faceva aprire un varco nel muro e si scendeva per 5 metri in profondità e lì c’era il bunker. Insomma una stanza di 10 metri cubi che si spostava attraverso un telecomando e sotto vi era un appartamento di 45 metri cubi. Per trovarlo abbiamo controllato i contatori di tutto il paese. Per spostare il manufatto c’era bisogno di molta potenza. Tutto ciò non era collegato al contatore di casa, ma ad un altro che poi si attaccava ad un palo dell’elettricità pubblica. E’ stata la prima sentenza in Italia di furto dell’energia elettrica con l’aggravante mafiosa.

Le minacce le hanno mai fatto paura?

Le minacce fanno parte del nostro contesto professionale, poi ognuno le vive diversamente, a seconda della propria sensibilità. Il nostro è un lavoro particolare, più e meglio lavori e più sei soggetto a minacce da parte dei camorristi. Se uno non vuole avere minacce, deve lavorare meno e peggio. Comunque le minacce sono l’ago della bilancia del nostro lavoro, in quanto, a seconda del tipo di minaccia capiamo se abbiamo fatto o meno un buon lavoro.

Share
- Advertisment -

Popolari

Accordo Confartigianato-Feinar-Volksbank per il Superbonus 110%. D’Incà: «Una risposta ai nostri associati e al territorio bellunese

Confartigianato Belluno ha sottoscritto ieri (venerdì 16 aprile) un importante accordo con Feinar e Volksbank per semplificare l'accesso al Superbonus 110%. La convenzione prevede...

Sopralluogo al lago di Centro Cadore. La Provincia studia un intervento di pulizia simile a quello avviato a Santa Croce. Bortoluzzi: «Fondamentale per la...

La Provincia di Belluno sta studiando un intervento di pulizia del lago di Centro Cadore, simile a quello avviato qualche settimana fa a Santa...

Restaurate tre cornici dell’Ottocento del patrimonio artistico del San Martino, grazie al Centro Consorzi di Sedico

Belluno, 16 aprile 2021 - Sono state riportate al loro splendore tre cornici storiche, che racchiudono dipinti dell’ottocento del patrimonio artistico dell'ospedale "San Martino"...

La storia di 4 partigiane. Berton (Confindustria): “Donne e libertà, esempi per non dimenticare”

Una iniziativa di Confindustria Belluno e Isbrec a 76 anni dalla Liberazione. Lunedì 19 aprile la presentazione del libro "La casa in montagna" con...
Share