13.9 C
Belluno
mercoledì, Luglio 6, 2022
Home Lettere Opinioni Elettrodotto della Valbelluna. Lettera al presidente della Repubblica.

Elettrodotto della Valbelluna. Lettera al presidente della Repubblica.

letteraSignor Presidente ,
la notizia del Suo riposo feriale in una località dell’ Alto Adige , mi fa pensare , devo dire con grande soddisfazione , di ritener La sensibile alle bellezze e alle peculiarità della montagna e in particolare delle Dolomiti .
Approfitto di ciò per attirare la Sua attenzione su una devastazione ambientale che una Società quotata , con capitale di riferimento dello Stato Italiano ( tramite la Cassa Depositi e Prestiti) , intende portare a termine in una delle valli più belle della nostra Provincia:  La Valle del Piave.
Valle che annovera tra le sue peculiarità parte delle Dolomiti patrimonio dell’umanità e che a sua volta è stata proposta per diventare patrimonio Unesco, nonché i confini del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi.
Valle che ha dato i natali a Dino Buzzati, nella quale ritornava spesso , trovando in questo luogo le sue radici e l’ispirazione per le sue opere.
L a Società in questione è la Soc.Terna , la quale intende seminare lungo tutta la Valle del fiume Sacro alla Patria , tralicci alti dai quaranta ai sessanta metri , naturalmente collegati da relativi enormi cavi, per effettuare un elettrodotto da 380 KV che dal confine con l’Austria arriva in Provincia di Venezia.
Tale devastazione è chiaro che toglierà agli abitanti di queste valli , già difficili da vivere per la gente che le abita , anche quell’unica valvola di salvezza che si chiama turismo .
Qui è nato un Comitato (i Comitati nascono quando la politica è assente ), il quale dopo essersi ampiamente documentato e avere cercato senza molto successo di sensibilizzare Regione e Governo, ha fatto delle proposte peraltro già messe in atto in Alto Adige ove Lei è stato ospite (chissà perché loro ci riescono e noi no ): e cioè l’interramento dei cavi, o in alternativa, come già è stato fatto tra la Francia e l’Italia , il passaggio lungo la già esistente autostrada; perché noi vogliamo l’ammodernamento dell’ elettrodotto , non la sequenza devastante dei piloni
E’ un appello accorato quello che Le sto facendo , non nascondendo che ripongo molta fiducia su un Suo intervento al fine di cercare una soluzione condivisa ragionando intorno ad un tavolo. .
Per amore di chiarezza e conoscenza devo peraltro informare, che combatteremo con tutte la armi a nostra disposizione, per salvare il nostro territorio e i nostri interessi, da speculazioni indecenti che non tengono minimamente conto delle esigenze di una terra fragile e bella come la nostra.
E’ però triste che il potere politico che a parole decanta le bellezze e le opportunità che può offrire questo Paese e finalmente si rende conto che tutto ciò può essere fonte di reddito e quindi posti di lavoro, non sia sensibile a modificare una porcheria di questo genere,
E tutto ciò solo perchè i poteri forti sono talmente forti da condizionarne le decisioni.
Con questo appello mi rivolgo a Lei confidando nel Suo equilibrio e nella sensibilità che dimostra nella funzione del Suo Alto Ufficio, affinchè cerchi di sensibilizzare chi di dovere alla soluzione di questo problema .
Con Stima.

PierLuigi De Barba

Share
- Advertisment -

Popolari

Fipe e Federalberghi Belluno: assurdo lo stallo sui contratti di lavoro per gli extracomunitari

Era metà maggio, quindi con la prospettiva dell'avvio della stagione estiva, che Confcommercio Belluno lanciava l'allarme legato al reperimento di risorse umane per la...

Crollo Marmolada: 5 dispersi tutti di nazionalità italiana. Tutti i 5 punti di accesso alla montagna sono stato chiusi per motivi di sicurezza

Crollo Marmolada, aggiornamento del 5 luglio 2022 - Otto delle 13 persone che si temevano disperse sono state rintracciate dalla compagnia dei carabinieri di...

Coppa d’Oro delle Dolomiti 2022: ai nastri di partenza un’edizione indimenticabile

Oltre 70 equipaggi sono pronti ad affrontare 440 chilometri di prove (94 cronometrate e sette di media) immerse tra i paesaggi mozzafiato delle Dolomiti Riflettori...

VinoVip Cortina 2022. Annunciati programma e protagonisti del summit del vino italiano di pregio

Brindisi ad alta quota il 10 e 11 luglio per professionisti e winelover che potranno degustare oltre 170 vini e distillati Luglio 2022 - Cortina...
Share