13.9 C
Belluno
martedì, Aprile 20, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti "#IoNonSpreco", Lunedì a Calalzo esempi pratici di virtuosità alimentare

“#IoNonSpreco”, Lunedì a Calalzo esempi pratici di virtuosità alimentare

Stop allo spreco alimentare. “Sì” al riciclo e al riutilizzo del cibo “avanzato”.  Il Comune di Calalzo di Cadore e l’Unione Montana Centro Cadore, in collaborazione con il Gruppo Natura e Sport, hanno organizzato per lunedì 29 agosto, dalle 19 in piazza IV Novembre, una serata in cui a essere protagonisti saranno esempi pratici di virtuosità alimentare.

Luca De Carlo
Luca De Carlo

“#IoNonSpreco”, questo il nome scelto per l’iniziativa, si colloca all’interno del progetto “Buoni oggi e anche domani!”, lanciato qualche mese fa, anticipando l’entrata in vigore della legge nazionale, proprio dall’Unione montana Centro Cadore, che all’inizio di luglio ha iniziato a distribuire a tutti i ristoratori degli otto Comuni dell’Um le “family bag”, le borsette con cui i clienti possono portare a casa il cibo non consumato.
«I numeri relativi allo spreco sono impressionanti», sottolinea il sindaco di Calalzo, Luca De Carlo. «Basti pensare che, a livello nazionale, sei milioni di persone vivono sotto la soglia di povertà, mentre si getta in pattumiera cibo per un valore di oltre 10 miliardi di euro. Noi abbiamo deciso di contrastare questo fenomeno, pensando a delle iniziative di sensibilizzazione. È il caso di “Buoni oggi e anche domani!” e della serata in programma per lunedì».
Due cuoche, Gioi D’Agostini del ristorante “La Gioi” di Lasen ed Erica Scarton, saranno impegnate tutta la giornata nella preparazione dei piatti all’interno delle cucine professionali dell’Enaip di Calalzo, che ha messo a disposizione i suoi spazi per precucinare i pasti. Non mancherà l’aiuto di diversi volontari. Le pietanze saranno servite la sera in piazza: come antipasto un tortino di pasta, seguito da un primo a base di canederli. Per dessert una torta con ingredienti di recupero e poi la frutta, quella che viene scartata dai supermercati perché non più di bell’aspetto, ma che conserva tutta la sua bontà.
I posti a disposizione saranno tra i 200 e i 250. Ai presenti verrà chiesto un piccolo contributo per sostenere i progetti futuri.
«I nostri avi e nonni sapevano bene come riutilizzare il cibo che veniva avanzato per non sprecare alcunché: un esempio su tutti è il pane», fa presente De Carlo. «La serata sarà un’occasione per confrontarsi e per riscoprire le nostre tradizioni di montagna, a cui si aggiunge un tocco di contemporaneità. Verranno utilizzate le posate in metallo lavabili del progetto “Officina creativa”».
«Un grazie al Panificio Da Vià di Domegge, al Forno De Tony di Calalzo e al SuperA&O Passuello Cesare per la disponibilità a fornirci i prodotti», conclude, «oltre che a tutti i volontari che, come sempre, saranno pronti a darci una mano».

Share
- Advertisment -

Popolari

Nuovo Commissario per la gestione post Vaia. Scarzanella: «Soragni figura di rilievo, ora un ragionamento condiviso con le imprese»

Ugo Soragni è il nuovo Commissario delegato per l'emergenza legata alla tempesta Vaia. Già direttore dei Musei del ministero dei Beni Culturali, raccoglie il...

Avvicendamento alla Lega giovani: Paolo Luciani lascia, entra Marco Donno

Belluno, 20.4.2021 - Cambio al vertice della Lega Giovani della Provincia di Belluno. Il coordinamento provinciale giovanile leghista si aggiorna dopo quattro anni per...

Ulss Dolomiti. Monoclonali: 23 dosi somministrate

Continua, in Ulss Dolomiti, la terapia contro il covid attraverso l’uso dei monoclonali. I risultati sono soddisfacenti. Ad oggi sono state somministrate dalla UOC...

Da lunedì tutti a scuola, didattica in presenza al 100%. Cna Bus Fita Veneto: i bus ci sono. Scopel: didattica al 75% con capienza...

Marghera, 20 aprile 2021. Sono 350 in Veneto le imprese che si occupano di trasporto di persone su gomma, iscritte nell'Albo Regionale, per un...
Share