13.9 C
Belluno
mercoledì, Aprile 21, 2021
Home Cronaca/Politica Immigrazione. Zaia scrive al prefetto di Venezia: "Assegnazioni in aumento e arbitrarie....

Immigrazione. Zaia scrive al prefetto di Venezia: “Assegnazioni in aumento e arbitrarie. Al 17 agosto in Veneto 26.102 arrivi, ospitati 11.301, 14.801 fantasmi”

 

Zaia“Dal luglio 2014, per 17 volte il Governo ha aumentato in modo costante e arbitrario il numero di immigrati assegnati al Veneto. Siamo così passati dai 788 della prima assegnazione datata 10 luglio 2014, contro la quale comunque il Veneto espresse formalmente il suo diniego, ai 26.102 arrivati calcolati al 17 agosto scorso, dei quali 11.301 ospitati in strutture e 14.801 scomparsi nel nulla e divenuti veri e propri fantasmi. E non dimentichiamo mai che il Veneto, terra di accoglienza vera e razionale, ospita già 511.588 persone stabili”.

Sono questi alcuni dei dati snocciolati oggi dal Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia che, nel corso del punto stampa seguito alla riunione di Giunta di oggi, ha reso noto di aver ricevuto una nuova lettera da parte del Prefetto di Venezia Domenico Cuttaia con un ulteriore aggiornamento dei numeri assegnati al Veneto e di aver risposto con una sua nota ufficiale nella quale, tra l’altro, Zaia chiede “come sia possibile che le quote di migranti attribuite ai territori vengano costantemente e arbitrariamente aumentate dal Governo, senza che venga richiesto alcun parere alle Regioni, vista l’entità assunta ormai dai flussi non programmati”.

“E’ diventata un’unilaterale consuetudine – scrive ancora Zaia a Cuttaia – che la quota di migranti per la Regione Veneto venga di fatto sempre aggiornata in base, cito testualmente, ‘al recente aumento disposto dal Ministero dell’Interno’. Ritengo inaccettabile – continua il Governatore – che si continui a procedere unilateralmente. Questa mancanza costante di condivisione e di confronto ci induce, come in tutte le altre occasioni, a non riconoscere legittimo l’aumento della quota assegnata al Veneto”.

Esibendo un ampio servizio di un quotidiano romano, Zaia ha poi espresso “sconcerto e preoccupazione” per la notizia secondo la quale il Governo starebbe pensando a uno stanziamento di 40 milioni di euro per il recupero di 65 strutture di proprietà di Ministeri o del Demanio in tutta Italia da utilizzare per ospitare i migranti, 11 delle quali in Veneto.

“Si persevera nell’approccio emergenziale, il più sbagliato – ha detto Zaia – di fronte a un’emergenza che tale non può essere considerata. La situazione era nota fin dall’estate 2011 con 63 mila arrivi, poi scesi a 12.00 grazie agli accordi con i Paesi del nordafrica realizzati dal Governo Berlusconi e dal Ministro Maroni, fino ad arrivare ai 200 mila di quest’anno. Non si parli di emergenza, ma di improvvisazione e sottovalutazione”.

“Perdipiù – aggiunge Zaia – stiamo parlando di una situazione nella quale due terzi dei migranti non sfuggono dalla fame, dalle guerre o dalla persecuzione politica o religiosa e quindi non considerabili profughi ma emigranti economici”.

“Lo dico da sempre e ora pare che ci stiano pensando anche i grandi della terra – conclude Zaia – la soluzione concreta del problema c’è, ed è quella di creare campi di accoglienza in nordafrica sotto l’egida della comunità internazionale, dove curare i bisognosi, raccogliere quante più informazioni possibili su ogni persona, creare un corridoio umanitario per i veri disperati e respingere gli altri”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Nuovo Commissario per la gestione post Vaia. Scarzanella: «Soragni figura di rilievo, ora un ragionamento condiviso con le imprese»

Ugo Soragni è il nuovo Commissario delegato per l'emergenza legata alla tempesta Vaia. Già direttore dei Musei del ministero dei Beni Culturali, raccoglie il...

Avvicendamento alla Lega giovani: Paolo Luciani lascia, entra Marco Donno

Belluno, 20.4.2021 - Cambio al vertice della Lega Giovani della Provincia di Belluno. Il coordinamento provinciale giovanile leghista si aggiorna dopo quattro anni per...

Ulss Dolomiti. Monoclonali: 23 dosi somministrate

Continua, in Ulss Dolomiti, la terapia contro il covid attraverso l’uso dei monoclonali. I risultati sono soddisfacenti. Ad oggi sono state somministrate dalla UOC...

Da lunedì tutti a scuola, didattica in presenza al 100%. Cna Bus Fita Veneto: i bus ci sono. Scopel: didattica al 75% con capienza...

Marghera, 20 aprile 2021. Sono 350 in Veneto le imprese che si occupano di trasporto di persone su gomma, iscritte nell'Albo Regionale, per un...
Share