13.9 C
Belluno
lunedì, Aprile 19, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo Crediti d'imposta in edilizia. Una proposta di legge a firma dell'onorevole De...

Crediti d’imposta in edilizia. Una proposta di legge a firma dell’onorevole De Menech

AppiaAlla Camera è stata presentata una proposta di legge (Disposizioni per la cessione dei crediti di imposta maturati per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici mediante contratto di sconto con un intermediario finanziario) che raccoglie le riflessioni della Cna sul tema prevedendo la possibilità di anticipare, presso banche e intermediari finanziari, le agevolazioni fiscali stabilite per le ristrutturazioni edilizie senza l’obbligo di attendere i dieci anni di recupero rateale in dichiarazione dei redditi.

L’iniziativa legislativa che ha tra i primi firmatari l’on. Roger De Menech, ha un duplice obiettivo. In primo luogo, sostenere il rilancio del settore edilizio che registra un calo delle ristrutturazioni il cui valore è passato dai 30 miliardi del 2013 ai 27 del 2015; poi, ampliare la platea dei beneficiari includendo anche le famiglie incapienti. Ciò determinerebbe, secondo le stime della Cna, 5 nuovi miliardi di spese per lavori edili e un aumento di oltre 24.000 dipendenti già nel primo anno di applicazione della nuova legge. La procedura di cessione prevista è molto semplice fa notare il direttore dell’APPIA Maurizio Ranon. Il beneficiario dell’agevolazione, cittadino o impresa, dopo aver scelto l’istituto cui destinare il credito, trasmette il modello di scelta all’Agenzia delle Entrate indicando la banca cessionaria che ha sottoscritto il modello. Da quel momento il cittadino o l’impresa pagheranno esclusivamente la parte di fattura non inclusa nel beneficio. Il 50% o il 65% saranno a carico dell’intermediario finanziario che la recupererà nei canonici 10 anni. Ad esempio, per ogni 1.000 euro di spesa per le ristrutturazioni, considerate le normali condizioni di sconto bancario, solo 580 euro saranno a carico della famiglia o dell’impresa, mentre la restante parte di spesa sarà sostenuta dalla banca. Allo stesso modo, 1.000 euro di spesa per la riqualificazione energetica dell’edificio si traducono in 450 euro a carico della famiglia o dell’impresa e 550 euro erogati dalla banca. L’obiettivo è di trasformare la rendita decennale in liquidità immediata con l’applicazione di tassi ridotti e pressoché uniformi dovuti al basso grado di rischio del finanziamento che sarebbe di fatto garantito dallo Stato.

“L’auspicio è che, anche con il coinvolgimento degli altri parlamentari bellunesi, l’iter parlamentare sia favorevole e veloce perché – precisa il presidente dell’APPIA CNA Costruzioni Gabriele Grisot – bisogna mettere in campo strumenti e soluzioni che consentano all’edilizia di uscire definitivamente da una crisi pesantissima anche garantendo la certezza dei tempi di pagamento per le imprese. E questa proposta rappresenta una leva potente per rimettere in moto il mercato, aprendo le porte a lavori che calzano perfettamente alla taglia delle micro e delle piccole imprese consentendo anche ai soggetti incapienti di accedere al mercato delle ristrutturazioni e della riqualificazione edilizia. Si potrà rilanciare inoltre il mercato strategico dei condomini, dove spesso i lavori sono bloccati dalle difficoltà economiche di alcuni proprietari”. Premessa indispensabile a questa iniziativa, conclude Grisot, è ovviamente la conferma degli attuali incentivi (50 e 65%) in materia di ristrutturazione e di efficientamento energetico.

Share
- Advertisment -

Popolari

Campagna vaccinale Ulss Dolomiti: vaccinati il 92% degli ultraottantenni in Provincia

Belluno, 19 aprile 2021 - Si è conclusa nel pomeriggio l'ultima giornata di accesso libero per gli over 80 a Tai di Cadore, con...

Sopralluogo alla frana di Valle di Cadore. Bortoluzzi: «Studiamo la situazione geologica per ipotizzare gli interventi più funzionali»

I tecnici incaricati dalla Provincia di Belluno hanno effettuato una serie di sopralluoghi a Valle di Cadore, lungo il versante sotto l'abitato di Costa...

Karrycar, il primo servizio on line per il trasporto auto in tutta Italia realizzato dalla startup bellunese Droop srl.

Belluno, 19 aprile 2021 - Spedire o ritirare un’auto da un punto all’altro dell’Italia non è mai stato così facile, veloce e conveniente. E’...

Superbonus 110%. Veneto in testa per numero di pratiche

Secondo i dati ENEA, nel Nordest, i crediti ceduti sono pari a 128 milioni di euro e il Veneto con 853 interventi asseverati è...
Share