13.9 C
Belluno
domenica, Aprile 11, 2021
Home Cronaca/Politica Raffica di interventi del Soccorso alpino. Frontale tra due moto, morti entrambi...

Raffica di interventi del Soccorso alpino. Frontale tra due moto, morti entrambi i biker

soccorso alpino tre cimeBelluno, 07-08-16  Raffica di interventi sulle montagne bellunesi: due motociclisti perdono la vita in uno scontro frontale e un escursionista ricoverato in gravi condizioni per un malore improvviso. Questa mattina alle 11.30 circa il 118 è stato allertato da un uomo di Castenaso (BO), poiché non riusciva a contattare la moglie con la quale era andato a cercare funghi in Val Visdende, Santo Stefano di Cadore. Fortunatamente, mentre stava per partire il Soccorso alpino della Val Comelico, la donna ha risposto al cellulare dicendo che stava per raggiungere l’auto.

Poco dopo mezzogiorno è scattato l’allarme per un escursionista che si era sentito male tra Forcella Lavaredo e il Rifugio Locatelli. Sul posto è subito arrivata con il quad una squadra del Soccorso alpino di Auronzo, impegnata poco distante nell’assistenza lungo il percorso della Camignada poi siè refuge, ma le condizioni dell’uomo sono peggiorate improvvisamente al punto di richiedere l’eliambulanza del Suem di Pieve di Cadore, atterrata nelle vicinanze. Il personale medico ha subito praticato le manovre di rianimazione a W.N., 64 anni, di Crema, che è poi stato imbarcato e trasportato molto grave all’ospedale di Belluno.

Alle 13.40 un altro mancato rientro in Val Visdende. Anche in questo caso un marito che attendeva la moglie, E.Z., 69 anni, di Cesena (FC), non vedendola arrivare aveva fatto partire le ricerche, fermate quasi subito quando la donna è tornata.

Il Soccorso alpino di Auronzo è stato poi inviato al Rifugio Città di Carpi poco prima delle 14: una coppia anziana napoletana, lui del ’22 e lei poco più giovane, salita con la seggiovia da Col de Varda, non era in grado di rientrare autonomamente a valle per la stanchezza. Un soccorritore ha raggiunto il Rifugio in jeep e ha poi accompagnato a Misurina marito e moglie, che nel frattempo erano riusciti a pranzare.

Contemporaneamente una squadra del Soccorso alpino di Sappada si è diretta in fuoristrada alla chiesetta dei Laghi d’Olbe, per una escursionista infortunatasi a una caviglia. La donna, il marito e la figlia, residenti in provincia di Milano, sono stati accompagnati dai soccorritori alla propria auto nel parcheggio degli impianti di Sappada 2000 da dove la famiglia si è allontanata autonomamente.

L’elicottero di Treviso emergenza invece intervenuto sul Sentiero naturalistico del gufo, che va da Pieve a Domegge di Cadore, dove una donna era caduta sbattendo testa. M.R.B., 66 anni, di Pieve di Cadore (BL) è stata recuperata con un verricello di 30 metri e trasportata all’ospedale di Belluno. Sul posto anche i soccorritori delle Stazioni di Pieve di Cadore e Centro Cadore, con personale sanitario.

Il Soccorso alpino di Livinallongo è infine stato mandato dal 118 sul luogo dell’incidente frontale tra due moto, lungo la strada 203 prima del bivio per Cernadoi, dove entrambi i motociclisti, uno svizzero e l’altro di Mestre, hanno perso la vita. I soccorritori hanno provveduto al recupero del corpo dell’uomo veneziano, sbalzato nell’urto e caduto nella scarpata laterale per 15 metri.

Poco prima delle 16, il Soccorso alpino di Cortina è stato allertato dal 118 per l’incidente capitato a un’escursionista spagnola, che stava scendendo assieme al marito dal Col dei Bos lungo il sentiero numero 412 verso il Rifugio Dibona. Complicata l’individuazione – poiché la coppia non attivava il geolocalizzatore attraverso il link spedito al cellulare – che è avvenuta anche grazie alle informazioni dettagliate ricevute dall’assicurazione catalana subito attivata dai due turisti. Una squadra, assieme ai soccorritori del Sagf, si è avvicinata in fuoristrada per poi raggiungere a piedi la donna, M.R.B., 58 anni. Imbarellata, l’infortunata è stata trasportata alla jeep e da lì all’ospedale Codivilla, per un sospetto trauma alla gamba.

Alle 17.15 l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato in direzione del sentiero attrezzato Olivieri, sempre nel comune di Cortina d’Ampezzo, che da Pomedes scende a Ra Valles, dove un escursionista si era fatto male a una caviglia. Recuperato con il verricello dal tecnico di elisoccorso dell’equipaggio, R.D.A., 53 anni, di Trieste, è stato accompagnato all’ospedale.

Alle 17.40 l’eliambulanza è poi stata dirottata nel Gruppo della Moiazza, per due alpinisti con le corde incastrate nella fase di calata. I due, M.C., 44 anni, e A.O., 48 anni, entrambi di Rovigo, che avevano risalito la Via dell’asino sul Campanile Maurizio da Pra, sono stati individuati dopo una ricognizione con a bordo un tecnico del Soccorso alpino di Agordo, recuperati entrambi in un’unica rotazione con un verricello di 75 metri e trasportati in piazzola ad Agordo, da dove personale del Soccorso alpino li ha riportati alla macchina al Rifugio Capanna Trieste.

Poco dopo le 18, il 118 ha ricevuto la chiamata di un alpinista che scendendo dal ghiaione sotto l’attacco dello Spigolo Giallo sulla Piccola delle Tre Cime di Lavaredo, assieme al compagno di cordata, era stato colpito a una gamba da un sasso e non era più in grado di proseguire. Il rocciatore, B.B.M., 24 anni, di Madrid, è stato imbarcato dall’eliambulanza con un verricello di 10 metri e portato all’ospedale di Cortina.

Infine, l’elicottero è tornato in Moiazza, sullo Spigolo Sorarù, per una cordata in difficoltà, bloccata da una scarica di sassi. Imbarcato un tecnico del Soccorso alpino di Agordo per individuare il punto dove si trovavano i due alpinisti bolognesi, l’eliambulanza li ha recuperati entrambi con una verricellata di 70 metri, per accompagnarli entrambi illesi alla piazzola del Rifugio Carestiato.

Share
- Advertisment -

Popolari

Dal 16 al 22 aprile statale chiusa a Gravazze per realizzazione sottopasso ciclabile

Santa Giustina - Inizieranno il 16 aprile i lavori per la realizzazione di un sottopasso ciclabile in località Gravazze, all’interno dell’importante opera inserita come...

Borgo Valbelluna: 31^ edizione del concorso letterario nazionale “Trichiana Paese del Libro”

L’Amministrazione comunale di Borgo Valbelluna ha reso pubblico il bando della 31^ edizione del Premio Letterario Nazionale “Trichiana Paese del Libro”, concorso per racconti...

La figura dell’OSSS, Operatore Socio Sanitario Specializzato, a metà tra OSS e infermiere * di Andrea Fiocco

Si fa sempre più pressante la richiesta da parte delle RSA di avviare la formazione dei cosiddetti OSS Specializzati o con formazione complementare, gli...

Il sentiero Italia Cai, oltre 7mila chilometri in 20 regioni. Martedì in edicola lo speciale di Meridiani montagne

Milano, 9 aprile 2021 - Uno Speciale di Meridiani Montagne in uscita martedì prossimo celebra, in anteprima, la nascita del Sentiero Italia CAI. Una storia italiana...
Share